Sguardo su gente, storie, cronaca di Cleulis e… dintorni

marzo 10, 2018

30 luglio. Tratôr Day. Tutti in bella mostra, i trattori e i numerosi mezzi agricoli sono stati schierati presso il piazzale del Bar Pakai, domenica 30 luglio, in occasione del consueto Tratôr day. Una ricorrenza fissa, che vede ogni anno la partecipazione di questi particolari mezzi, non solo del nostro paese, ma anche da paesi limitrofi. Al termine del pranzo, come di rito, c’è stata una breve “sfilata” per le vie del paese e al termine del pomeriggio gadget per tutti i partecipanti.

4-5-6 agosto. 51° Sagra dai Cjalsons. L’appuntamento estivo più conosciuto e senz’altro più atteso è proprio in corrispondenza del santo patrono, San Osvaldo, con l’ormai consolidata Sagra dai Cjalsons. Si tratta di tre giorni di musica, allegria, divertimento sotto il tendone presso il Bar Pakai; ma anche un momento di incontro: proprio a San Svualt infatti, si possono rincontrare tutti i nostri compaesani emigrati all’estero, che per l’occasione ritornano in paese, per trascorrere qualche giorno qui, dove ci sono le loro origini e le loro radici.

12-13 agosto. Cleulis al Palio das Cjarogiules. Anche questo evento è ormai fisso e vede la contrada di Cleulis impegnata sia nelle gare, sia nella gastronomia. Quest’anno però c’è stata una piccola vittoria per il nostro paese: se nella gara del palio siamo stati abbastanza sfortunati perché la cjarogiula si è rotta proprio nell’immediatezza della partenza, durante la sfilata “Nuviç e nuvice” del sabato sera, la nostra contrada si è classificata prima grazie a Valentina e Mattia, agghindati per l’occasione come due perfetti sposi del passato.

19 agosto. Ricordando Silvia. Serata di pensieri, aneddoti, poesie ricordando la nostra cara Silvia, che purtroppo ci ha lasciati troppo presto lo scorso aprile. Durante la serata ci sono stati vari momenti di ricordo, da parte di persone vicine a Silvia e che hanno avuto modo di conoscerla bene; letture di poesie soprattutto tratte dal libro che lei stessa aveva pubblicato qualche anno fa: Faliscjas; brani musicali popolari o religiosi, eseguiti da voci maschili o femminili, che hanno concluso assieme la parte canora con il nostro tipico canto “Gleisiuta Clevolana”. É stato questo un modo semplice, ma assolutamente doveroso, per ricordare una persona che tanto ha fatto e ha donato al nostro paese, un’occasione per dire ancora una volta il nostro immenso grazie a Silvia e per esprimere la nostra vicinanza ai suoi familiari; una serata che ci ha fatto capire ancora una volta quanto fosse ben voluta da tutti e indimenticabile in ognuno dei presenti. Un ringraziamento particolare ad Hans, per aver voluto e aver organizzato la serata.

30 settembre-1 Ottobre. Doi dîs cun Pakai e amîs. Sabato 30 si è svolto, presso il teatro Daniel di Paluzza, un concerto-spettacolo dedicato al mitico trio carnico e animato dagli attuali componenti del “Trio Pakai”: Stefano, Ennio e Paolo; nella giornata di domenica invece, presso il Bar Pakai, si è tenuto un vero e proprio concorso musicale dove musicisti e appassionati della musica folk si sono esibiti nel ricordo di tre dei personaggi più amati della cultura musicale carnica: Amato Pakai, Cecilia e Genesio.

8 ottobre. Timaucleulis in seconda categoria! Con un girone di ritorno del Campionato Carnico eccellente, il Timaucleulis è riuscito a riconquistare dopo 5 anni la promozione in seconda  categoria. Domenica 8 ottobre si giocava l’ultima partita della stagione sul campo di Timau,  infiocchettato a festa di bianco e azzurro, e dopo un match tesissimo, la squadra è riuscita a vincere per 2-1, conquistando così il terzo posto e la matematica promozione. Un grazie va all’intera società, ai dirigenti, ai giocatori che con il loro sempre maggiore impegno sono riusciti ad ottenere questo importante risultato, facendo gioire non uno, bensì due paesi insieme. Va poi rivolto loro un grande “in bocca al lupo” per la stagione che li aspetterà nel 2018.

23 ottobre. Pùntel o Puntèl. Diatriba sui social in merito alla corretta pronuncia del cognome Puntel, tanto da creare scompiglio nel nostro piccolo paese e nell’intera Val del Bût, ma non solo visto che la questione è stata oggetto di un articolo sul quotidiano Udine Today e ha richiesto perfino l’intervento del Parroco. É più corretto seguire una regola, oppure “adeguarsi” alla pronuncia, ormai radicata tra gli abitanti, anche se non grammaticalmente corretta? Bella domanda! Difficilissima risposta! Per gli abitanti di Cleulis ormai il cognome è divenuto Pùntel e considerano questa l’unica pronuncia, mentre il linguista del friulano considera la pronuncia Puntèl l’unica possibile. Una questione che non si risolverà così facilmente…ai posteri l’ardua sentenza!

12 novembre. Mandi, Don Alberto! Dopo i mesi estivi in cui Don Alberto è rimasto tra noi per aiutare Don Tarcisio nei suoi vari impegni liturgici, è arrivato per lui il momento di salutarci; è stato assegnato infatti alle parrocchie della Val Resia e per questo dovrà trasferirsi. Per ringraziarlo del tempo che ci ha dedicato e per augurargli in modo speciale buon lavoro nelle sue “nuove” comunità, abbiamo deciso di accompagnalo nella sua Messa d’ingresso a San Giorgio di Resia, organizzando per l’occasione una corriera con partecipanti da Timau, Sutrio, Paluzza e ovviamente Cleulis. Don Alberto, approfittiamo di questo piccolo spazio, per farti i nostri migliori auguri per questo tuo nuovo percorso e per dirti mille volte grazie per l’aiuto, la collaborazione, la simpatia che hai portato nella nostra piccola comunità nei mesi in cui sei rimasto con noi; ormai sei entrato a far parte completamente del nostro paese, ti consideriamo un “clevolan” a tutti gli effetti e saremo ben contenti di riaccoglierti ogni qual volta tu abbia bisogno di sostegno e affetto.

a cura di Manuela Puntel

Annunci

Il “clevolan” che ha viaggiato più di tutti

marzo 10, 2018

Continuiamo in questo numero del bollettino con un’altra intervista a un nostro Clevolan ator pal mont, questa volta abbiamo incontrato Antonio Puntel, classe 1973, conosciuto in paese come Toni. Abbiamo approfittato della presenza di Toni in paese per porgli alcune domande sul suo lungo peregrinare in giro per il mondo e abbiamo scoperto che senz’ombra di dubbio è il Clevolan che ha “viaggiato” di più in assoluto avendo toccato tutti i cinque continenti e non intende fermarsi ancora!

Innanzitutto Toni ben tornato nella tua Cleulis. Vorremmo sapere quando hai iniziato a “girare il mondo” e di cosa ti occupi quando raggiungi le mete a te assegnate? «Ho iniziato nel 1994 andando a lavorare come operaio edile in Germania prima a Lipsia e poi a Brandeburgo. Rientrato in Italia dal 1998 al 2003 ho lavorato nel Triveneto come operaio per la ditta Rizzani de Eccher, acquisendo vari tipi di patenti tra cui quella di camionista e gruista. In questi anni ho iniziato anche ad apprendere le varie tecniche del calcestruzzo precompresso e precompressione in corso d’opera tutte fasi che vengono usate per gli elementi prefabbricati utilizzati per la costruzione di ponti e viadotti. Nel 2005 l’azienda per cui lavoro (Rizzani) mi ha proposto di fare un’esperienza all’estero proponendomi come capovaro presso un cantiere a Vancouver in Canada. Accettai subito con entusiasmo mettendomi in gioco e iniziando così il mio peregrinare per il mondo intero! Dopo aver superato brillantemente il periodo di prova a Vancouver nel 2005 ho partecipato alla realizzazione della metropolitana sopraelevata chiamata Canada Line; nel 2008 mi sposto a Dubai negli Emirati Arabi per ultimare un’opera faraonica lunga 70 chilometri di metropolitana tutta sviluppata nel centro città. A Dubai ho vissuto per cinque mesi poi mi sono trasferito in Algeria come capocantiere di un impianto di prefabbricazione di travi in calcestruzzo precompresso nella zona di Annaba per la realizzazione dell’autostrada che attraversa est-ovest tutto questo Stato africano. In Algeria sono rimasto fino a fine 2009. Con l’inizio del 2010 sono stato trasferito a Miami negli Stati Uniti per il progetto della costruzione della metropolitana chiamata Orange Line. A Miami sono rimasto per un anno e mezzo e questa città rimarrà sempre nel mio cuore perché mi ha dato l’opportunità di incontrare la mia attuale moglie Hizele. Dagli States sono finito in Bahrein per la costruzione della superstrada chiamata Cause-Way fino alla primavera del 2012. Poi sono stato chiamato in Malesia nella veste di consulente per un’azienda locale per la realizzazione della metropolitana sopraelevata di Kuala Lumpur chiamata LRT Ampang Line e per il progetto di un viadotto di servizio per l’aeroporto della capitale malese. Questo enorme lavoro è durato fino all’agosto 2013 quando ho fatto ritorno a Vancouver per il progetto Evergreen ovvero l’estensione della metropolitana cittadina a cui avevo già lavorato nel 2005. Dal Canada sono stato sei mesi in Vietnam per l’assemblaggio di tre macchinari necessari al montaggio della metropolitana leggere di Ho Chi Minh ex Saigon. Nel settembre del 2015 mi trasferisco a Sidney in Australia per un ampliamento dell’Express Way alla periferia di Paramatta. Dopo un anno di lavoro in Australia è stata la volta della Colombia per il progetto attualmente in fase di realizzazione; si tratta di un viadotto di quasi cinque chilometri situato sopra la sienega (palude) di Cartagena de Indias. E’ un progetto molto interessante ed innovativo perché è realizzato con una tecnica tutta nuova, dal montaggio tutto prefabbricato alla battitura dei pali di sostegno in calcestruzzo fino alla fase di assemblaggio della stessa struttura dell’opera. La conclusione di questo cantiere è prevista per l’autunno del 2018 poi vedremo quale parte di mondo andrò a conoscere».

Nei tuo innumerevoli viaggi appena elencati hai incontrato carnici con cui condividere le vostre esperienze e parlare un po’ in cjargnel? «Certamente ho incontrato parecchia “gente nostra” in giro per il mondo a cui sono rimasto legato particolarmente. Per esempio a Vancouver ho conosciuto la famiglia Bondi originaria di Paularo ed emigrata in Canada negli anni cinquanta a cui sono molto legato perché mi ha accolto e fatto entire come fossi a casa. Sempre in Canada ho lavorato e ho stretto amicizia con Daniele Ortis di Naunina con cui poi ho lavorato assieme anche in Malesia. Quando lavoravo a Sidney mi sono sposato con Hizele e i nostri testimoni di nozze sono originari di Paularo. Sempre in Australia non passava giorno che io e il compaesano Roberto Puntel emigrato in quel paese non facessimo quattro chiacchiere in cjargnel. La Pasqua del 2015 l’ho passata a casa sua e della sua famiglia accolto in maniera splendida “santificando” la giornata pasquale con un ottimo polenta e frico!»

Come ti “arrangi” a comunicare con la gente e colleghi dei posti dove vai a lavorare? «Parlo e scrivo correttamente l’inglese e lo spagnolo in più parlo un po’ francese. Ho la dote di apprendere subito le lingue infatti mi basta un corso on-line per sapere già arrangiarmi con le lingue locali. Poi memorizzo e parlo parecchio durante il giorno presso il cantiere di lavoro che è la vera scuola linguistica».

Cosa ti manca di più e cosa di meno di Cleulis e dell’Italia in genere? «Di Cleulis mi manca il paese con la sua gente. Ogni volta che ritorno in paese sento e percepisco l’affetto con cui mi accoglie io porto ognuno di loro nel cuore in ogni luogo dove vado. Dell’Italia mi mancano i prodotti culinari perché non in ogni paese dove vado li trovo oppure costano il triplo del loro valore. Naturalmente vado fiero delle mie origini perché per l’azienda per cui lavoro esportiamo tecnologie all’avanguardia che tutto il mondo ci invidia e questo fa si che anche chi è emigrato nei vari paesi dove lavoriamo si sentono fieri e rappresentati degnamente».

Quali cambiamenti trovi quando fai ritorno a Cleulis? «Avendo ristrutturato la casa natia vengo a Cleulis almeno una volta all’anno. In questi undici anni di viaggi per il mondo quando rientro in paese lo trovo ogni anno esteticamente migliorato e curato nelle sue case e nelle sue vie. Purtroppo vedo che c’è sempre meno gente un po’ per lo spopolamento dovuto alla ricerca del lavoro e delle comodità e un po’ perché la popolazione invecchia e non c’è un ricambio generazionale».

Nostalgia e ricordi di Cleulis della tua infanzia? «I ricordi d’infanzia sono vivi e nitidi nella mia testa scanditi dalle quattro stagioni; anch’io come tutti i ragazzi da primavera fino in autunno si andava ad aiutare i genitori e i parenti nei prati, nei campi e nel bosco. D’inverno in Culisjit cu la louge o gli sci ai piedi. Ricordo quando andavo a scuola in ta gleria con la cartella utilizzata come slittino jù pal Pecol. I giochi fatti in piazza come il nascondino (peitere) con tana gli scuri della canonica di don Carlo, poi quando lui usciva infuriato spostavamo la tana sul portone della casa “da sorde”.

Per finire parlaci un pò della tua famiglia. «La mia famiglia è composta da mia moglie Hizele, da mia figlia Lisa che ha quattordici anni e vive in Italia e da mio figlio acquisito David che ha ventiquattro anni e che attualmente lavora con me. Purtroppo Lisa la vedo molto poco a causa del mio lavoro però non manco mai di telefonarle almeno tre o quattro volte la settimana in qualsiasi parte del mondo in cui mi trovi. Voglio ringraziare mia moglie per i sacrifici che fa seguendomi in ogni angolo del mondo e per tutto il supporto che mi da in tutto e per tutto. Il mio sogno è quello di rientrare a Cleulis per poter godere dei frutti del mio lavoro e dei sacrifici che faccio in giro per il globo. Cleulis per me è come una calamita e, o da vivo o da morto voglio tornare qui!»

Luigi Maieron


365 giorni di Giovins Cjanterins

marzo 10, 2018

Siamo ormai giunti alla fine dell’anno ed è tempo di bilanci per i “Giovins Cjanterins”. Come di consueto è stato un anno faticoso visto i numerosi eventi che abbiamo in programma, ma anche un anno ricco di soddisfazione per la nostra associazione. Le manifestazioni targate Gcdc ricoprono più o meno l’intero anno; sono pochi infatti i mesi che non ci vedono attivi sul territorio e hanno temi dei più diversi. Il primo appuntamento, che non ci vede molto impegnati e direttamente protagonisti, è l’organizzazione della festicciola di Carnevale nel mese di febbraio: un momento di divertimento, che vogliamo sempre riproporre, essendo questa un’ottima occasione per stare assieme ai nostri bambini e trascorrere un pomeriggio colorato all’insegna della musica e della leggerezza. In fondo anche noi adulti siamo un po’ bambini e non perdiamo occasione per mascherarci. Un tipico appuntamento della tradizione paesana è, in occasione di San Giuseppe, il lancio das cidulines, dove ci dilettiamo a scrivere divertenti rime per le nostre coppie di innamorati. Pur essendo un lavoro faticoso, che richiede molta inventiva, è un appuntamento che aspettiamo con impazienza, soprattutto per scoprire qualche gossip in più sui nostri paesani.

Nei mesi primaverili l’associazione rimane “ferma” per ricaricare le batterie in vista dei più faticosi mesi estivi; infatti tra giugno e agosto l’agenda Gcdc è fitta di manifestazioni, ormai divenute il nostro biglietto da visita. Si parte il primo week end di giugno, con la partecipazione alla festa dei Cjalsons a Sutrio per poi continuare con un evento avviato alcuni anni fa e sempre ben accolto dalla popolazione, con una massiccia partecipazione: la serata sot il tei, quest’anno annunciata da una grandinata record che ci ha fatto rimanere sulle spine fino alla fine, incerti se rimandare la serata o meno. Fortunatamente le condizioni meteo sono state a noi favorevoli e la serata è riuscita alla grande, grazie al divertente spettacolo teatrale proposto da ragazzi di Ampezzo.

Finalmente arriva agosto, il mese della super fatica ma anche quello che ci regala sempre tante soddisfazioni: la Sagra dai Cjalsons che quest’anno è stata particolarmente proficua, soprattutto sabato 5 agosto con un tendone strapieno di gente, tanto da creare, per la prima volta negli ultimi anni, scompiglio e ritardi inaspettati. Per questi disagi ci scusiamo con le persone presenti, ma stiamo già lavorando per essere più preparati l’anno prossimo, in modo da evitare code e malcontenti. C’è poi il Palio das cjarogiules che quest’anno ci ha regalato sia gioie che dolori: se nelle sfilate di sabato sera il “Nuviç Mattia e la nuvice Valentina” si sono classificati primi, i ragazzi che dovevano gareggiare durante il palio non sono nemmeno partiti a causa della rottura da cjarogiule. Speriamo che il prossimo anno si collaudi meglio il mezzo prima della gara!

Prima di intraprendere gli avvenimenti di dicembre, quelli legati al Natale, per i Gcdc e non solo, ci sarà un momento di relax con la gita organizzata a San Marino e dintorni, il 2-3 Dicembre. Approfittiamo per ringraziare tutti quelli che hanno voluto partecipare, sperando sia per loro un week end divertente ma anche istruttivo. Vi lasciamo quindi con i prossimi appuntamenti natalizi: vigilia di Natale: al termine della S.Messa verranno offerti biscotti, thè e brulé per tutti i presenti; 25 dicembre: Babbo Natale passerà per la piazza del paese e distribuirà i suoi doni ai bambini; 30 dicembre: Concerto dell’Amicizia. Vista la scarsa partecipazione dell’anno precedente, raccomandiamo calorosamente a tutti i lettori di Gleisiuta Clevolana di fare il possibile per prender parte all’evento, anche e soprattutto perché si tratta di un evento benefico.

 Giovins Cjanterins di Cleulas


Un convegno sui maestri di sci

marzo 10, 2018

Sono ritornato a Cleulis da quattro anni, proveniente da Tarvisio, e questo mio paese mi incuriosisce sempre di più; questo piccolo centro della montagna carnica, infatti, ha “partorito”, a tutt’oggi, ventun maestri di sci “Cjargnei, di Cleulas”. Questo non trascurabile particolare mi ha appassionato, tanto da chiedere al Presidente del Collegio dei Maestri di Sci del Friuli Venezia Giulia, Marco Del Zotto, un convegno dedicato interamente a questo tema. Quest’idea ha suscitato vivo entusiasmo e si è scoperto che i maestri di sci nati negli anni Cinquanta, e abitanti a Cleulis, nell’età evolutiva, hanno sviluppato molte capacità motorie quali ad esempio destrezza e spiccato senso dell’equilibrio, qualità coordinative queste necessarie per diventare atleti dello sci in un ambiente naturale e “in paîs”. Per fare ciò sono stati scelti posti e luoghi già frequentati dai nostri predecessori per fare, già allora, ben tre specialità meglio conosciute come: Sci alpino, Sci nordico e Sci alpinismo. Al convegno hanno partecipato simpatizzati, maestri protagonisti, atleti e campioni protagonisti. Tutti gli invitati hanno aderito ad un input lanciato dallo scrivente in maniera volontaria e di concerto con i “Giovins Cjanterins” e la Polisportiva Timaucleulis l’evento è stato organizzato domenica 6 agosto.Per dare lustro e visibilità, necessarie alla manifestazione, abbiamo scelto come madrina dell’evento l’olimpionica Manuela Di Centa.

Olivo Puntel