Anagrafe parrocchiale – anno 2015

aprile 5, 2016

Battezzati n° 05

Matrimoni in parrocchia n° 2

Matrimoni fuori parrocchia: n° 1

Defunti: n° 0

Defunti fuori paese: n°2

Cresimati n° 11

Messe celebrate: n° 174

Abitanti presenti a fine 2015: n° 385

Annunci

Sguardo su gente, storie, cronaca di Cleulis e … dintorni

aprile 5, 2016

24 dicembre 2015. Festività natalizie. Anche quest’anno abbiamo avuto un Natale con temperature miti e con assenza di neve. Domenica 24 sera, vigilia di Natale, si è celebrata la messa sempre molto partecipata e sentita per il clima natalizio che si respira in ogni dove in paese. Dopo la celebrazione ci siamo ritrovati sul sagrato della chiesa per scambiarci gli auguri davanti a un fumante vin brulè e ad una fetta di panettone. Anche alla messa del giorno di Natale c’è stata una folta partecipazione di fedeli; nel pomeriggio i vespri solenni cantati in latino chiudevano questa giornata di preghiera e di fede. Sul far della sera poi non poteva mancare l’arrivo di babbo natale che, trainando una slitta colma di doni, è arrivato in piazza a Cleulis per distribuire i doni ai più piccini. Il giorno 27, ultima domenica dell’anno, alla messa domenicale si è cantato il Te Deum di ringraziamento per l’anno che se ne sta andando con la speranza che l’anno entrante ci mantenga sempre in buona salute nell’anima e nel corpo. Alle sei di sera presso la parrocchiale del paese si è svolto l’ormai classico Concerto dell’Amicizia con la partecipazione dei Giovins Cjanterins, del gruppo folkloristico Sot la Nape e la corale Varianese. L’intero ricavato di questa splendida serata è stato interamente devoluto alla scuola dell’infanzia e alla scuola primaria di Cleulis – Timau, per l’acquisto di materiale scolastico. Il giorno di Capodanno è per tradizione dedicato ai nostri coscritti che durante l’anno compiranno vent’anni. Dopo la messa celebrata in loro onore il gruppetto, nel pomeriggio, ha iniziato il giro delle case del paese cantando l’antica canzone benaugurante chiamata “la stella”. Domenica 3 gennaio la messa domenicale è stata celebrata in onore dei nostri alpini che proprio nella prima domenica dell’anno si ritrovano in assemblea seguita dal pranzo per tutte le penne nere. Il giorno dell’Epifania, giornata sempre un po’ malinconica perché le lunghe feste natalizie volgono al termine, durante la messa c’è stata la benedizione del fonte battesimale, la benedizione dell’acqua e quella di tutti i nostri bimbi.

31 gennaio 2016. Candelora. Domenica 31 gennaio era quella piu’ prossima alla Candelora che cade il due di febbraio. Durante la celebrazione della luce che viene nel mondo cioè Gesù che viene presentato al tempio com’è consuetudine sono state benedette le candele che poi i fedeli appendono in casa e/o nelle stalle a protezione dei loro occupanti.

6 febbraio. Carnevale. Sabato 6 febbraio nel pomeriggio le strade di Cleulis e Placis si sono colorate di stelle filanti e coriandoli grazie alla sfilata di maschere organizzata dai Giovins Cjanterins. Grandi e piccini si sono ritrovati mascherati per far festa tutti assieme presso la piazzetta del paese e in seguito al calduccio presso la sala dell’albergo al Cacciatore dove crostoli, castagnole e frittelle hanno saziato l’allegra brigata.

4 e 5 marzo. Nevicata Record. Si è fatta attendere, quest’anno, la neve. Ma alla fine è arrivata. La neve di marzo, che ha coperto il paese con punte anche di mezzo metro.

a cura di Luigi Maieron


Un Cleuliano corre alle elezioni USA

aprile 5, 2016

Si chiama Ciro Poppiti III, è nato a Wilmington, nello stato del Delaware (Usa), il 5 marzo del 1971. E’ il sesto figlio di Ciro Poppiti e Louise Primus. Nell’autunno del 2015, ha annunciato la sua intenzione di correre per il Partito Democratico americano, alle elezioni governative locali che si terranno questa primavera, per ricoprire la carica di “Lieutenant Governor” dello Stato del Delaware. E’ un incarico di prestigio: è la seconda carica esecutiva ed è anche quella che presiede il Senato di quello specifico Stato. Ricordiamo che dallo stato del Delaware, arriva anche l’attuale vice del presidente Obama, Joe Biden. La madre di Ciro, Louise, deceduta nel dicembre del 2012, era la figlia di Cristoforo Primus – nato a Cleulis nel 1902, da Carlo (1876) e Caterina Puntel (1877) – e Luigia Fachin (nata nel 1903, a Socchieve). Ciro si è formato all’Università di Princeton ed ha perseguito la carriera come avvocato. Nel 2010, è stato eletto “Register of Wills”, nella Contea di New Castle, nel Delaware. Attualmente, lavora come giudice per la Army National Guard, la Guardia Nazionale dell’Esercito. Il suo impegno per le sue origini italiane lo ha portato a presiedere il Comitato Culturale del Festival Italiano e ad avviare il primo Festival d’Autunno, dedicato al patrimonio della cultura italiana della città di Wilmington. Nel 2007, Ciro ha ricevuto il premio ‘Mayoral’ per il suo servizio a favore della comunità, un riconoscimento per il suo impegno civile in città. Ha presieduto la Commissione del Delaware sul patrimonio e sulla cultura italiana ed è professore associato presso l’Università di Wilmington. Si è sposato in Vaticano nel 2000, con Laura. Hanno due figli: Jake e Louise. I migliori auguri per questa nuova sfida, Ciro!  

Loretta Primus

 

 

 


Cleulis, concuistât di Cosacs e Giorgians

aprile 5, 2016

Tal numar di Gleisiute Clevolane di Nodâl 2015, vin contât dai fats dal 1944-45: cuant che trupas di mongui, cosacs e giorgians a sji son unîts ai todescs pal invasion da Cjargne. Achì, contin atas testemoneances. Tornin a començâ da Tonin

Al continua a contâ Tonin: “La sera a una certa ora al era l’oscurament. A pensavin forsi che cu la lûs si podes fâ segnâi ai partigjans. A cji obleavin a meti sù pai balcons, tramas par taponâ. Nou ta cjamara vevin scûrs, ma da mieç in ju vevin listutas coma las persianas che a filtravin un pouc di lûs. Pauli da Delfina, ogni tant (al veva 20 agns) al vegniva a fânus compagnia la sera, encja par dânus un pouc di coragjo. Una sera mê mari a met gno fradi tal jet e sù pa lûs una bisca rossa, intant che al si induarmidiva. Dopo un tic al va Pauli, anin par lâ tal jet e sintin scarpâ su pa scjala. A salta fûr me mâri, al vigniva sù un. “La vastu?”, i domanda. E lui: “Qui casino, luce rossa”. A à tacât a berlâ, son vignûts fûr chei che a erin di cuartîr achì su la puarta. Al à cjapât tanta di chê poura che al è tornât indaûr a vuarcs. A mi e a Pauli chel comandant che vevin achì nus à mostrât ce tantas cicatrices profondas che al veva ta vita, das feridas di vuera”. Lavin jo e mê mari ta stala. Cjatin Nelut che nus conta: “Ai cjapât un spâli, cumò che l’ai joduda biela. Eri sui stâisj dal stâli, ta feritoia dal tet cjalavi ju in Culisjit i cosacs che a balinavin. Mi vevi metût un puarç devant par platâmi, sint a vierzi il stâli, al era un che al lava a cirî las piouras. Ai fat un moviment dal spavent che il puarç al è colat propit sul cjâf dal mongul, al alça i voi, jo no tiravi nencja il flât, a ‘nd era inmò puarçs ator ator a secjâ, al spieta un pouc e dopo forsi pensant che al fos stât un colp d’aria, sji è s’indi lât. Pensait se mi ves jodût!”. “Jo e Ennio una dì lavin a passjion su pal Bosc Bandît, nus traevin sù, chè i colps sji ficjavin tai faus, no sai se as cjaras o a nou. Encja tal salet lavin a passjon, dulà che a erin cui cjavai. Ogni tant nus lassavin montâ e fâ un zirut. Gerardo al saveva montâju che al lava plui spes. Ai volût provâ encja jo. Sei montât su una maseria, tirât dongja il cjaval e sù. No vevi fat 10 metros, che mi à scaraventât abas. Nus vevin dât una braida ta Gleria di chês dal demanio. A era plena di claps, lavi cul picon a ingrumâju par cirî di imbonila, tal mieç al era un clapon dulà che lavi a platâmi di devûr cuant che vevi poura che sentivi a trai. Al è inmò aì e par ricuart aì al à di restâ. Erin a mateâ aì da scuela, una volta. E cji viodin a vegni fûr da banda di Premôs dai aparechios in pachiada. Ta Gleria ai erin i cjars dai Cosacs. A àn tacât a mitragliâju. A son lâts in Zuplan, ta Mont da Tierç e jù indaûr a tonâ. Tanta poura encje che volta. Jodevin ogni tant a pasa dai aleâts americans che a lavin denti a bombardâ in Gjermania, tornant indaûr a butavin ju pa Creta i fuscj dal carburant vueits. Che dotoresa che vevin achì nou a à encja curât par un pouc Doardo e Don Franco, cuant che ur era scopiada chê bomba. Prima di partî, a à saludada mê mari. Ai veva cjapadas las mans, ai as strenzeva, ai voleva dî alc, che a sji viodeva che a era disperada, ma no rivava a fâsji capî, a menava il cjâf e a diseva: “Mama, mama”. Cuissà se a pensava a ce che ur vares spietât dopo in tal Todesc”. Da tancj dal paîs ai sintût a nomenâ Angjeloç e dî ch’al era stât lui a salvâ il paîs. I todescs a vevin manaçât di brusâlu, simpri par via dai partigjans. Prin a popolazion in Cjargna a savin la tesara anonaria par razionâ i vivars, tant par persona in gjenar e ogni volta cji distacavin i bolins, tu vevas dirit doma a chel tot. L’oblig di dâ al “ammasso” ce che cji domandavin, las veretas pa Patria, a restava ben pouc par fortuna, che almancul chel an a disin che and’era tantas cartufulas, che no son mai ati stadas a cussì, e pouc ati. Viodût che no rivavin a stanâ chescj partigjans, a gjavavin il mangjâ: se no cu las armas, sji sares proviodût cu la fan. Ma par dut chest, a à rimetût doma la biada int, cuindi par chel la nosta int a è stada costreta a lâ ju pa Furlania, a sorc. Ogni femina, ogni fantata a à alc da contâ a proposit, magari dopo riscjos se a rivavin in cualchi puest di bloc a ur secuestravin encje chel che cul sanc e sudôr a erin rivadas a procurasji.

Angjeloç al à salvât il paîs.  Ma tornin a Angjeloç. Razias, rastrelaments, violenza e roubarias, minacias encja di muart a vevin gjavat ogni fuarcia, ogni volontât al popul, sfinît da miseria, tradiments, cença coragjo a lava a cirî confuart dal preidi, che al era impotent parcè che nissun di chei che a contavin lu scoltave. Tant plui che i partigjans, che a vevin i lôr rifugjos tas Vals, Valcjastelana, Mont, a pratendivin che ur fases da vuardia i oms e i zovins che ai erin restâts a fasevin i turnos pal paîs, sul tor da Gleisia, par visâju se ai rivava i todescs. A vevin da puartâur i vivars fin lassù, savin che una volta, nus veva contât Pauli di Neliti, che un troput di zovinas cul zei plen di gjenars a vevin di lâ in Valcjastelana. E a lui ai tocjava puartâ la damigjana di Vermount. Rivâts in Prafermous a sji son fermâts a fâ una pousa; al à vierta la damigjana, e ta bareta, metût fûr un got par dâ a chestas fantatas. Rivats su e joduda la damigjana disjvuçada, a àn fat una granda sfuriada e minaciât Pauli di un cjastii esemplâr. Intant don Celso, che nol podeva plui jodi la sô int cussì, al à pensât di lâ a protestâ aì dal Comant todesc a Paluça. Nart da Delfina al si è ufiert di compagnâlu, ma tant che a erin via pa Cjaranda, a àn tacât a berlâju daûr par fermâju. A àn scugnût tornâ indaûr. Informâts i todescs dal fat, fra lôr al era Angjeloç che al faseva da interprete e ju à convints a vignî a jodi. I partigjans ai erin pronts a fâja paiâ a Pauli, lu vevin cjapât par meti in pratica il cjastii, ma cuant che ai son vignûts a savei che a stavin rivant i todescs, a l’àn parada via cussì e Pauli al è stât sparagnât. La int a era duta in plaça, atôr dal preidi, un comandant cosac prepotent, trist cul fusîl splanât al manaçava la int e di dâ fûc al paîs, al cuistionava di brut cun Fidêl. “Al veva una bareta cun tuna stela rossa tal mieç”, sji impensa Valerio. Tun moment a rivin a duta corsa, motociuculas todescjas, cu la mitragliatrice di devant. Ta prima, dongja dal conducent, al era Angjeloç. Al fâs un vuarc fûr da ciucula, al gafa pal stomi il cosac e lu sbat cuintri dal tei. Al comença a trambascjâi denti cun rabia; chest al è sblancjât, al à sbassât il cjâf e cuant che al à molât, al è lât via cocjo-cocjo. Da chê volta a no ‘nd è stât plui episodis cussì, anzi fûr dal puarton da canonica a vevin metût un cartel scrit par todesc, talian e cosac. “Qui casa del Pope, vietato entrare”. Grazie a Angjeloç, a dîs la int, il paîs al è stât salvât.

Ma cui erial Angjeloç? S’al fassin contâ da Berto, so nevôt. “Jo no eri achì – nus conta Berto -. Sei lât in vuera dal 1938 e tornât tal Otubar dal 1945, cuindi ai doma sintût a contâ da invasion dai mongui e dai todescs, cuant che sei tornât a era za stada la ritirada. Erin in Libia, jo, Mario di Titin e Lino da Vuana. I Amerecans nus àn intimât di rindisji e duncja sin diventâts prisonîrs. Aì di Drea al era encje un Cosac miedi, che mi contava Zuan da Filzita, che lui al era a combati in Grecia e al veva cjapât la malaria, Nelut gno fradi compagn: ju à curâts propit chel miedi aì.

Tornant a Angjeloç (da Pinêta lu clamavin), al era fradi di mê mari Dumina. Da frut al era stât a lavorâ in Todesc, cuindi al saveva benon chesta lenga. In chel timp al era a lavorâ in America. Savût da vuera, al à lassât dut par vignî a difindi la nosta Patria; al voleva lâ volontari. Destinazion: Abissinia, ma lu àn scartât par via da schena, cussì al è lât dopo ta milizia. Ai sintût di chest fat sucedût achì, dato la sô conoscença dal todesc al colaborava, al dîs, come interprete. Al era restât vedu, e vût 3 fias e un frut ch’ai veva metût il non come Mussolini. Cuant che sei tornât da vuera (che a era finida da circa 3 meis) gno barba lu vevin metût encje in pareson (come spia o traditôr) che sei lât encja a cjatâlu: al era a Tumieç e pouc dopo lù an liberât”. Sin nou, vuei, a ricuardâ Angjeloç che cul so amôr di Patria e di paîs nus à salvâts da cuissà cuâl âtas disgracias. Al sji impensa Valerio ch’al veva mâl intun zenôli e al veva da lâ intal ospedâl di Tumieç; cjamât suntuna cjarozula, a son rivâts in som Tumieç che al era un puest di bloc; tirâts fûr i permès, al sji svizina Angjeloç: “Dulà laiso? Ce veiso?”. I vin contât e nus à det di spietâ un moment; al torna dopo un pouc cun tun biel scarnoç di pêrs par me. “Dopo il so intervent sin passâts cença fastidis”. Finida la vuera a Angjeloç di duta la sô famea noj era restada che la fia Gina e il nevodut Ennio. Coma tancj paisans al à scuignût cjapâ la valîs e lâ al estero, cussì encja la Gjina in Svuizara. Dopo sji è maridada, in provincia di Sondrio. La fia e i parincj ai son stâts simpri dongja e jodût di lui. Una volta che al veva fata una scjampada achì in paîs, al era lât a Paluça, pai siei fats. Sji cjatava aventi di Von, cuant che coma una scurtisada, una ponta tal pet lu à fat stramaçâ par cjera. Nol è stât nua da fâ. Aì a è finida la sô vita. Al era il 28 novembar dal 1959. Par comoditât lu àn metût in varas aì di sô gnet Gjusepina, che a stava in placia. Dut il paîs al era a dâi l’ultim salût, cun riconossinça par dut il ben che al veva fat par nou.

Silvia Puntel

 

 


Il Giubileo della Misericordia

aprile 5, 2016

Con la bolla Misericordiae vultus papa Francesco ha indetto il nuovo Giubileo straordinario della Misericordia che si è aperto il giorno 8 dicembre scorso, solennità dell’Immacolata Concezione di Maria e terminerà il 20 novembre 2016, solennità di Cristo re. Le date non sono casuali: Maria è stata preservata dal peccato originale perché diventasse la madre di Gesù, Re venuto sulla terra per manifestare la misericordia del Padre. L’8 dicembre si sono ricordati anche i 50 anni della conclusione di Concilio Vaticano II°. Dice oggi papa Francesco:” Misericordia è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro.  

Che cos’è il Giubileo? Giubileo ricorda la parola Giubilo (gioia e quindi festa). Gli antichi ebrei chiamavano yobel (giubilo) il corno che si suonava per dare inizio all’anno giubilare che si ripeteva ogni 50 anni. Per gli ebrei il sabato era giorno di festa; ogni sette anni c’era l’anno sabbatico, in cui ci si riposava, non si coltivava la terra e si raccoglieva quello che cresceva spontaneamente, si liberavano gli schiavi e si annullavano i debiti. 50 anni corrispondevano perciò a sette anni sabbatici. L’anno del Giubileo era un anno sabbatico di proporzioni più grandi, era considerato santo, quindi il Giubileo si chiamava anche Anno Santo.

Che cosa si voleva far capire con il Giubileo? Liberando gli schiavi e annullando i debiti si voleva ricordare a ogni persona che i suoi beni erano un dono e anche i poveri e gli schiavi avevano dei diritti che bisognava rispettare. In questo modo si ristabilivano rapporti giusti fra gli uomini.

Per i cattolici cos’è il Giubileo? Anche per i cattolici il Giubileo è un anno di gioia, perché si ristabiliscono rapporti giusti con gli altri e anche con Dio, chiedendogli il perdono per i peccati e ottenendo l’indulgenza, il condono della pena dopo la morte. Per avere il perdono è necessario confessarsi; per l’indulgenza, oltre alla confessione occorre, in momenti diversi ma non lontani fra loro, ricevere la comunione, andare in pellegrinaggio alle quattro basiliche di Roma (S. Pietro, S. Giovanni in Laterano, Santa Maria Maggiore, San Paolo fuori le Mura) o a una delle chiese giubilari più vicino a casa, recitare il Credo e una preghiera ( (Padre nostro, Ave Maria, Gloria) per le intenzioni del papa, fare dei gesti di carità.

Quanti Giubilei ci sono stati? Il primo Giubileo fu celebrato nel 1300 per decisione di papa Bonifacio VIII°. Ne venne poi stabilito uno ogni 100 anni, quindi ogni 50. Oggi il Giubileo ordinario si ripete ogni 25 anni. Dal 1300 ne sono stati celebrati 26. Il papa però può indire giubilei straordinari, come avviene ora con il Giubileo della misericordia voluto da papa Francesco. Il Giubileo inizia con l’apertura della porta santa della basilica di S. Pietro a Roma che rappresenta la porta della salvezza; è chiusa da un muro, che viene colpito dal papa con un martello e quindi demolito. Il papa passa la porta per primo. Da quel momento tutti i pellegrini possono superarla.

Perché questo Giubileo è della Misericordia? Oggi molti pensano di non commettere peccati, o almeno di non commetterne di gravi. Occorre perciò riscoprire il senso del peccato e il bisogno di essere perdonati nella confessione. La misericordia è il modo che Dio ha di guardare ciascuno di noi: nonostante tutto, continua a fidarsi di noi come un amico che ci ripete: “ Ce la puoi fare!”. Dicendo: “Beati i misericordiosi perché otterranno misericordia”, Gesù ci invita a guardare gli altri come lui ci guarda. In che modo? E’ ben chiaro nella parabola del figlio prodigo, raccontata da Luca, l’evangelista che parla di più della misericordia: il padre attende il figlio che si è ribellato, se ne è andato, ha sperperato il denaro ricevuto da lui e, quando il figlio pentito torna, fa festa.

Chiese giubilari nella nostra diocesi. Ogni diocesi ha la facoltà di scegliere dei luoghi speciali (santuari, cattedrali e perfino luoghi di particolare significato), ove aprire una porta santa. Dunque non occorre più andare fino a Roma per lucrare l’indulgenza plenaria. Nella nostra diocesi di Udine ad esempio l’arcivescovo ha indicato le seguenti chiese giubilari: la cattedrale di Udine e i santuari della Madonna delle Grazie, della Madonna Missionaria di Tricesimo, di Castelmonte e Lussari. Noi carnici, quando abbiamo visto l’elenco di queste chiese, siamo rimasti tristemente sorpresi e ci è venuta spontanea la domanda: “ Eh, mah! E… la cattedrale di S. Pietro di Zuglio?”. Dobbiamo purtroppo riconoscere che non si tratta di una dimenticanza, perché all’arcivescovo era stata fatta la proposta di inserire anche questa chiesa che è, ed è importante sottolinearlo, la più antica cattedrale della nostra diocesi (visto che Aquileia si trova nella diocesi di Gorizia). Fino ad ora non abbiamo ricevuto risposte esaurienti e forse, lo auspichiamo vivamente, più avanti qualcosa si farà anche per S. Pietro. Non è accettabile infatti che venga dimenticato questo lembo della nostra regione che è la Carnia e soprattutto questa località così ricca di storia soprattutto per quel che riguarda la nostra fede cristiana. La cattedrale di Zuglio ha anche un vescovo titolare che è mons. Zenari, attualmente nunzio apostolico in Siria che molti conoscono perché più volte è stato presente nel giorno dell’Ascensione al bacio delle croci. Insomma, per noi carnici S. Pietro è un importante punto di riferimento.

Una iniziativa per il Giubileo. Molte sono le proposte che ci pervengono dalle diocesi o agenzie-viaggi in concomitanza con il Giubileo, offrendoci possibilità di pellegrinaggi a Roma, Medjugorie o Lourdes. La parrocchia di Paluzza ha pensato di organizzare un pellegrinaggio giubilare a Fatima e Santiago di Compostela che si dovrebbe svolgere, se il numero degli aderenti sarà almeno di 20 persone, dall’11 al 18 giugno. Capisco che, trattandosi di una quota a persona non indifferente di euro 1.205, per molti non è facile aderire. Tuttavia tutti quanti avranno la possibilità di lucrare dei benefici di questo giubileo anche nelle chiese indicate in diocesi e con le dovute disposizioni che sono state illustrate qui sopra. L’importante è che questo Tempo di Grazia ci aiuti a riscoprire la misericordia di Dio per una vita cristiana più intensa e convinta.

                                                                                                 Siôr Santul

                                                                                               Don Tarcisio

 


Vocabolari Clevolan

aprile 5, 2016

Don Tarcisio, prima di dî Messa, a sji divertisj a interogâ i clericuts su las peraules cjargnelas di una volta. Constatât che tancj fruts a an italianizât la nosta lenga e che cussì a no san plui nencja cui che a son “agna e barba”, il nosti preidi al à decidût di lassâ neri su blanc il “vocabolari” che un doman nol esistarà plui: o par vie che l’italian al vinçarà (rouba che no sji augurin) o par via che cierts mistîrs (e las peraulas colegadas) no si fasaran plui. Comencin cussì la publicazion di chês che a son las peraulas di una volta, …par il clevolan di doman!

Adincenas = Un secondo pascolo alla sera per le vacche. In Premôs, ai àn apena molât las vacjas adincenas.

Adòra= presto. Tocja sveâsi adora par lâ rezi

Agna e Barba= zia e zio. Me agna Luzia e gno barba Zuan mi àn puartât a Sagra di Placia

Argjâl= Fieno sparso per seccare. Vuei vin un biel argjal di fen

àrghinas= Strumenti. Cji vulin las àrghinas di San Pauli par finî chel lavôr?

Badecs = Rami secchi (in senso negativo). Sei lât in tal bosc e ai cjapât su cuatri badecs

Baila= Fare presto. Baila a tirâ dongja che la ploia a è davûr la Creta

Bàrboi= giovane capra maschio. Ai una pioura e un bardoi

Bàtim = Acqua e oli benedetti per il Battesimo. Gno fî al à screât il bàtim (Al è stât batiât dopo Pasca)

Bergje = Alloggio per animali in montagna. In Lavareit, las vacjas a vegnin logadas ta bergje

Bignâ= togliere remi e corteccia da un albero tagliato. I menaus a àn apena bignât, tal bosc.

Bleon = Lenzuolo. Sji scuen cambiâ i bleons dal jet

Bredul= Scanno Al era cussì cjoc che al è colât dal bredul

Brena = Rami verdi dell’abete Par Nodâl, metin un pocja di brena dal puartaro


Assemblea Associazione Latteria Sociale

aprile 5, 2016

Domenica 28 Febbraio si è svolta l’assemblea generale ordinaria dei soci dell’Associazione culturale “Latteria sociale di Cleulis”. Alla presenza di una parte dei soci e del vicesindaco del comune di Paluzza Luca Scrignaro, il presidente Danilo Puntel ha evidenziato che l’anno 2015 può considerarsi un anno storico. Anno storico perché nella ricorrenza del Santo Patrono, c’è stata l’inaugurazione della mostra permanente ex-latteria nel suo insieme. L’intento dei propositori è stato quello di far sì che i locali restaurati di questo edificio – voluto e costruito con enormi sacrifici dai soci fondatori non andasse perso – venissero tramandati alle future generazioni, assieme ai valori e principi che essi racchiudono. Recentemente è stata inoltrata la richiesta alla rete museale della Carnia “Carnia Musei” (presso la Comunità Montana della Carnia) di poter inserire anche la nostra sala mostre nel circuito museale della Carnia. Speranzosi che tale domanda venga accolta per poter far cosi conoscere come avveniva un tempo la lavorazione e trasformazione del latte. L’assemblea si conclude con i ringraziamenti a tutti i volontari che si sono prodigati e impegnati per il restauro e a tutte quelle persone che hanno sostenuto e messo a disposizione attrezzi e materiale per completare e arricchire la mostra permanente.

Infine, in merito all’articolo sulla ‘Lataria di Cleulas’, apparso sul precedente numero (137/ Inverno 2015), il Consiglio della Latteria desidera inoltre ringraziare, per il materiale fornito per l’allestimento della mostra permanente, queste persone: Laura Puntel (di Viti), Giuseppe Puntel (Aip), Osvio Puntel e Olivo Puntel “ Cjirulin”.