Cleulis, concuistât di Cosacs e Giorgians

maggio 25, 2015

I mongui, i cosacs, i giorgians: chestas las trupas di popui che a sji son unîts ai todescs pal invasion dal nosti teritori. Plui o mancul vin capît la lôr storia, i lôr intrîcs, i lôr acordos di concuistâ. Ma cemût aia vivût la nosta int dut chest? Cerin traviers las testemoneanças di cualchidun che al è inmò a contâla, di capî la miseria, las pouras, , l’opresion, minaças e roubarias, i patiments che ur è costât par difindi la nosta cjera.

Duncja 1944-1945: sji erin formâts i partigjans cul intent di difindi il popul e contrastâ la invasion. Das lôr azions no simpri justas, a vevin scjadenât l’ira dal esercit invasôr, sordeut di chei che sji erin unîts ai todescs, vâl a dî i traditôrs di Stalin e dal Armata Rossa. Cuindi chescj popui “nomadi” s’a varessin judât a vinci la vuera, a saressin stâts parons da nosta Cjargna, a vevin dut l’intares di combati i partigjans ch’a contrastavin il lôr sum, però lôr plui che difindinus ju invalegnavin cuintri il popul ch’a pensavin che al fos d’acuardi cun lôr, cussì a sji la cjapavin cu la int in ogni maniera, pensant che ju protegjessino platavin.

Insom dal Moscjart, aventi di Pakai vecjo (l’ostaria di prin) a è la cjasa da Pasca da Bova, maridada giovina cuntun tamoveis, ch’al è vignût in cuc. Dai fîs a è inmò la Gjema ch’a è dal 1916 e che in chel timp a veva 28 agns. Nus conta ch’as “rivavin chesta pussjissions su pal stradon, cjars plens di ogni sorta: fameas, anemai, massarias e dut ce che al coventava pal vivi di ogni dì, simpri a torn come i zingars che noj veva patria. Ai erin grezos, sporcs, vistîts cun stramas una sora chê ata, stivalons, gjacetas di piel e di pioura, colbacs e las feminas plui o manucul, cun sciai di cuzinas, fazolets; plens di miseria e pedoi, pults. A erin sigûrs plui biâsj di nou, nonostant las lôr roubarias, dut ce che a cjatavin: rouba, mangjativa, ai raspava dut, a mi la vacja e las piouras, parfint la cjarozula e dut il fen par dâ da mangjâ ai lôr cjavai, però mi fasevin encja cetant dûl, s’a nol fos stât pal lôr mût cussì prepontent. Però i giorgians no. Lôr a erin tant plui fins, biei e di buina maniera, sicûr plui bogn”.

Encja agna Tuta nus à lassjât chest ricuart. A conta che cuant che i partigjans a àn savût che a rivavin i todescs cul seguit, a àn fat saltâ il puint dal Rivat par ostacolâ la avanzada. Tu pos crodi se ju fermava, anzi dopo a àn pensât ben i mongui di masedâsi cu la int dal paîs, ocupant insiema a lôr las cjasas, si capìs, las miôr, cussì ur fasevin di scudo uman se par câs ju varessin atacâts. Cun prepotencia a sparonegjavin e a tolevin dut ce ch’a cjatavino ce ch’al era restât, dopo che la int prevident a veva platât ce ch’a podeva tal mût e tal puest plui impensabil. “Eri sul stâli dal Moscjart, jo e me sûr Rita, ch’ai rivin cui lor cjars oltri la maseria a toli il fen. Tu podevas ben protestâ: ai fassjevin il lôr fat, a butavin su a forcjadas. Ur cola una biela bara di fen, cor a tolilu su, me sûr mi tira via che za mi vevin pontât il fusjîl. Tevut al era in vuera. No soi a contâ la miseria patida, par fotuna che vevi agna Luzia da lassjâ il Giuanut cuant che scuignevi lâ a sorc e duts las aventuras di nou feminas par procurâsji alc da mangjâ”.

La prima cjasa passât il puint da Cleulas a era chê di santul Teu dal For. A veva la visuâl plui completa su la Gleia par vei il control. Al conta Gjenesio: “La mitragliatrice simpri puntada su la taula, nou erin ritirâts intun cjamarin. Una volta a àn tirâ un colp di fusîl sul sofit, ch’al à sbusât il plancum, il paion e al à rot un veri dal balcon, la vin riscjada biela”.

“Dopo nus àn parât fûr, che vin scuignût lâ ta cjasa di Cristof, da pît dal Pecol – a dîs la Bianca -, vevin las piouras e un roc. Mari mi manda a passjon sun lôr su par Ramontan. Jout i mongui che a lavin par ducj i stâi a cirî anemai; paradas ju di cors las piouras, tal cjamos dal frindei da Ana, scjampada via pai Roncs mi corevin davûr encja traint, vevi pierdût i scarpets, ma sei rivada scolça e strasameada di me agna Maria tal Salet. Mê Mari a à sintût a vignî ju pal Pecol una turba cu las piouras, al era ancje il gno roc, ch’al à conossuda e tacât a belâ, ma lôr nua, a son lâts cun dut; lu ai encje vaît chel roc, che lu tignivin tant dacont. Una volta sei lada tal gabinet e ai cjatât su un biel vuluç di bêçs, ju ai puartâts a me mari, ma jei no à volûts tegjiu e ju à puartâts al comandant, ch’ai pareva di roubaju. Forsi lôr a savevin da fin che ur tocjava e ai pensava che i bêçs no ur vorès siervît ati e cussì ju dopravin encja tal gabinet”.

Maria dal Siro a veva 14-15 agns e a sji impensa benon, ma no doma jei, encja Valerio ch’an veva 5 o 6. “A son rivâts d’atom – a dîsj – Erin bessoi, nou fruts; Cirino prisonîr, gno pari al estero, mê mari a sorc. A son rivâts a cjasa, a àn butât dut pal aria, spalancant las puartas cul fusîl imbraçât, tolet ce ch’ai voleva, sgarfant tal pajon di di foia, a cjatin un fanâl di bicicleta, a disevin che se no ur davin la bicicleta a varessin tirât una bomba. La veva comprada cun ce che al veva vuadagnât a lavorâ tai fortins. Jù pa scjala a àn encje butât ju un Crist di zes, ch’al sji è sclesât, che lu vin inmò. Siro al veva platada la bicicleta cun dut ce ch’al podeva ta cjavina di Rosaria, dulà che inmò cualchidun al veva puartada la sô rouba, su pa puarta e il balcon par platâ, a vevin fata una tassa di legnas dongja dal cjalcinâr da lignera, al veva fata una bûsa e soterât alc. “Nou erin ducj un berli – sji impensa Valerio -. Jo eri sentât sul balcon. Siro lu vevin butât a bas tal curidôr, cui fusjîls puntâts, che ai voleva la bici, la Lina a è coruda a clama Florinda, che rivada a à tacât a trambascjûr e manaçâur, fato sta ch’a sji son indi lâts”. “Cutuardis dîs a è stada fûr me mâri a sorc, in che volta – continua Maria – apena che sintivin ch’ai rivava, scjampavin di Rosaria o da Silvestra, lôr a vevin i oms Tita e Pacai e a vevin plui coragjo”. La sera ogni tant lavin sù di Paulinon; las feminas as filava, as cusiva e s’à contavin, insiema as veva mancul poura, se la zornada a era cuieta. Ma in chê volta che ai sbaravin ju pal Cuel das Cidulas, vin cjapât Valerio e la Isa e ju vin platâts ta cjamosa dal purcit”. “E cuant che a è stada la ritirada? Ai veva i todescs aventi da Torata dal Moscjart, tai fortins, las munizions e prima di ritirâsi a àn fat saltâ dut. Erin a Rosari e stavin cjantant “… Sempre ascolta le preghiere di Cleulis tuo fedel …” che intun moment vin sintût un tâl tonon, ch’ai tremava parfint i veris di Gleisia; ducj corûts di fûr, la jù dapît sji viodevin flamadas e fum. Ce poura encja chê volta”. “In cjasa nosta – mi disin – a ‘nd era doi giorgians, doi polacs, dopo dai mongui. I giorgians no ju podarin mai dismenteâ, sji clamavin un Grisha e chel âti Sanson. Ai erin biei, brâfs, monts, educâts e rispietôus. Sanson al era simpri maladiç, al veva simpri freit e mi toleva tal braç – al dîs Valerio – forsi i impensavi i sei fruts, s’an veva”. A vevin, aì dal Voc, una cusina militâr culà che a fasevin i lôr “rancios”, di chei beverons e nus puartavin ancje a nou alc. “Sì – a dîs Maria – coma chel ‘sûf cun denti tocs di cjarn, magari di pioura, nus faseva tant ariç, che no lu vin mai mangjât, specilamenti tu, Valerio, che tu sês tant ariçous. Però la prima marmelada la vin cerçada da lôr”. “Ma Grisha al è chel che nus è restât plui tal cûr, cuissà ce fin ch’al à fata, al era un grum preot, no sai par ce religjon. Una volta mama a era ju par Sot, a à sintût a trai ben ben, a pensava as sôs frutas in cjasa di poura che ur fos socedût al o che las vessin toletas. Al era tant l’ingosj che la femina a è svignuda. Puartada a cjasa i doi Giorgians a erin tancj preocupats che un ai sbateva un ûf e chel alti al faseva la polenta par tirâla sù. E chel mongul ch’al è rivât una sera cun tas fassias invuluçada una scueta? L’à poiada su pa gratula e al à det che in cambio i detina nosta sûr Lina.

Da Micalesa a vevin coma un magazin, una volta nus àn puartât a mi e a Lina un biel fazolet a rosas e a mâri un neri, encja a Mafalda e a sô sûr ur àn dât un par on. Par scherz, mama a veva justa metût su un laveç sul spolert, al è vignût ca e j à metût denti una bomba. Rouba ch’a nus vegni un colp. L’era timp di ploia, a son rivâts una dì cuntun pâr si scarpas dutas sfondadas, a vevin la suela di carton. A ‘nd era di cuartîr encja tas scuelas. Cetant ch’al à vaît Grisha cuant che al è lât, ai diseva a mari che lu tignis cun jei e jei ai diseva: “No pos, parcè che dopo a cji copin di sigûr”. Nus veva lassada encja una sô fotografia. “Da me – a dîs la Luci da Rosa – no ‘nd era di cuartîr, erin za un trop nou e vevin una cjasa forsi di no lôr gradiment. A erin a bas, stanzas una denti di chê ata, la cusjina, la cjasata, la cjavina e un’âta che a veva l’entrada par devûr. Par riva in chê tal mieç, vevin sbusât il mûr, par taponâ la bûsa a ‘nd era plen di imprescj di menaus… Ai denti a ‘nd era di dut ce che erin rivâts a platâ, parfin il coredo di Veronica, par lâ a toli alc, scuignivin toli la cjandela. A serviva encje di rifugjo in câs di pericul pai oms, ogni tant encje par partigjans s’à si intivavin a vignî ju in paîs. Mi inpensi da pioura che la vevin sierada intuna di chês stanzas e cui madons platât puartas e balcons, par ch’al fos not e no belas. A rivavin chescj Mongui, Todescs di ogni ora, vosant: “Partizan, partizan”, a ju lavin a cirî par dutas las cjasas, pensant che ju vessin platâts. Da insom fint dapît ai savoltavin dut; cui fusjî splanâts, nou canaia ingrumâts, spaurîts, trimants, no dousavin a vierzi bec, nencja par vaî. A vevin simpri inasa la bicicleta, a fasevin di mot, disint: “Minzineta, minzineta”. A riva dongja Vinicio, Primo, Enos, Nisio e la gnet di Maria dal Biel, la Mafalda, ur contava struzinant chescj mongui su la “minzineta”. Da chê volta a je lât a jei chel soranom: e la Mafalda la clamavin “Minzineta”. A vevin biei e grancj cjavai, par lôr ai erin indispensabi, al era un capitâl, ju tratavin forsi miôr dai cristians. No sai cemût un ur era crepât, gno pari i à tirât ju la piel, l’à puartada tal riu, par un posj di dîs che si amorbidis e disinfetas e dopo cun chê nus faseva i çucui.

“E sì, – al continua Bepo – a era propit cussì. Paurona di fâ lâ il sanc in aga. I mongui nus terorizavin. Da me gno pari al era in Gjermania, me mari a sorc e nou fruts cun mê nona. Son rivâts denti sgarfant e vosant e su pa scjala da cjamara me nôna ur è lada daûr, i àn dât un poc, roubas di traila ju pa scjala, no vevin rispiet par nissun. Par fortuna che erin rivats a platâ alc encja ta capela, sot dal altâr. E cji impensistu Luci cuant che aj an tentât di toli Angjelina e la Elsa da Svualdina? Ce berlis biadas frutas. Angjelina a è rivada a scjampâ fint di don Celso, che la veva platada tal gjalinâr. La Elsa a è coruda di sôra, par sierasi denti ta cjamara, no è rivada che ai erin davûr di jei. Alora sji è butada ju dal balcon, sji è fata mal intun pît, ma è scjampada lo stes inseguida da chel mongul, via par Faeit”. (“Lui al cjata Toni da Verda, che al veva un orloi di sachetin, ch’ai picava la cjamêsa. Sji è fermât curious – a conta la Bice -. E cussì ancje la Elsa a è rivada dal preidi, e cussì salvada encja jei”). “Nus vevin puartat dongja encja piouras roubadas no sai da dulà, che las vevin metudas ta stala da Uta e nou fruts vevin di lâ ogni dì cun lôr a passjon. A Nâto i vevin tolet la vigjela. Al è lât daûr das stafadas e al è rivât ai dal Crist di Temau, ai a l’an pûr tornada. E i trei dîs di carta bianca? Poben in chei dîs a podevin fâ dut ce che a volevin, parfint copâ, cence rindi cont a di nissun”.

“Da me, dopo i mongui vevin i Giorgians, in 8, ma a era una âta vita cun lôr. Un al era mestri e se mi jodeva par strada mi scorsava a fâ compits, mi judava encje a fâ chei di matematica. Nus puartavin la migjestra di Ceci, buina e ben cusinada. Vevi una volta un prontapet cu la Madona di Castelmonte su di una bareta, mi fâs mot un giorgian di dâja, jo no volevi. Mi à metût tal pugn, un vuluç di bêçs, i la ai dada biel svuelt, cuissà s’al pensava che lu ves protet da ce ch’a sji spietava ta ritirada. Una volta i giorgians a àn fat encje un conciert, a erin una ventina di lôr cun vous straordenarias. A vevin tanta passion di musica, teatri, cultura. Propit difarents di chei aitis popui, nus tiravin dongja, nus insegnavin a cjantâ, vevin imparât alc di cjants encja tal lôr lengaç. Sji viodeva che propit ai tigniva a vei cu la int una convivença plui pacifica”.

Sji dîs che a è nassuda encje una fruta achì da una mongula, e cualchi frut dopo tai paîs cà e là a vevin il pari mongul. Cuissà cemût e par cuâl destin.

Silvia Puntel

Annunci

Con Avaaz, al Pas di Premôs

maggio 25, 2015

Anche dal nostro paese, un piccolo tassello per una manifestazione internazionale

Il 21 settembre 2014, in occasione del vertice sull’emergenza climatica di New York svoltosi pochi giorni dopo, Avaaz (comunità internazionale online che si batte per i diritti umani, per la difesa dell’ambiente, etc.) ha lanciato la prima marcia mondiale per l’ambiente, quella che sarà poi definita la più grande mobilitazione per il clima di sempre. Questo ideale si è così concretizzato nel nostro comune, con una marcia per la pace e per l’ambiente fino al passo di Pramosio. Se questo è stato il luogo simbolo per i tragici eventi che accaddero durante i due conflitti mondiali, ora è divenuto posto significativo di resistenza al passaggio del mega elettrodotto privato, la cui realizzazione stravolgerebbe per sempre queste magnifiche valli. Così domenica 21 settembre alle ore 11 ci siamo ritrovati a casera Pramosio. Siamo un centinaio di persone: oltre a diversi valligiani, sono molti anche i friulani accorsi dalla Bassa. L’amministrazione comunale di Paluzza appoggia l’iniziativa e oltre al sindaco Mentil sono presenti anche i consiglieri Flora, Scrignaro e Tassotti. Presente come sempre, anche la protezione civile, pronta a intervenire nel caso di necessità. Il tempo è inaspettatamente bello, non c’è più la nebbia che nei giorni precedenti “a veva cjatât bon stâ ta conca di Premôs”. Insomma ci sono tutti i presupposti per una giornata memorabile. Le bandiere d’Europa, d’Italia e della Pace rendono ancora più colorito e originale il corteo che s’incammina lentamente verso il passo, dando così tempo ai ritardatari di unirsi alla marcia. Gli amici carinziani invece salgono dall’altro versante. La strada sale ripida e durante il percorso ci fermiamo per due momenti di riflessione, ma anche per riprendere fiato e naturalmente per apprezzare il panorama e la bellezza del nostro territorio. Poi si riparte, è un’immagine inusuale su questa strada, ma le montagne che ci circondano non sembrano meravigliarsi (ne han viste di peggio!) e pare partecipino anche loro all’evento. Giunti al passo gli amici carinziani sono già lì ad attenderci. Là in mezzo alle trincee dove 100 anni fa italiani e austriaci si sparavano contro, ora noi ci incontriamo per una battaglia senza armi. Una battaglia nobile, comune, per la pace, per l’ambiente e per un futuro migliore. Il clima di festa è reso ancor più amichevole dall’ottima pastasciutta cucinata sul posto dagli alpini del gruppo Ana di Cleulis e dalle note dell’inno alla gioia di Beethoven (Inno dell’Europa). In poco tempo le nuvole tornano ad essere minacciose sopra di noi, per cui resta solo il tempo per i discorsi ufficiali e per la foto di rito da spedire ad Avaaz (foto che sarà poi pubblicata durante il vertice dei capi di governo a New York insieme a quelle di centinaia di manifestazioni in altre parti del mondo). Di lì a poco inizia a piovere, così anche se per molti di noi la discesa è bagnata siamo felici di aver condiviso assieme questa giornata dai molteplici significati e per aver rinsaldato l’amicizia tra i nostri due popoli. Poi alla casera attorno al fuoco c’è modo per riscaldarsi e continuare la festa.

Un grazie a tutti quelli che hanno condiviso questa giornata in modo particolare al nostro gruppo ANA e ai volontari della protezione civile per disponibilità e il supporto nell’organizzazione dell’evento.

Hans Puntel


Relazione anagrafica della Parrocchia di Cleulis – ANNO 2014

maggio 17, 2015

BATTEZZATI                                    3

DEFUNTI                                            7

DEFUNTI fuori parrocchia              3

PRIME COMUNIONI                       5

NATI                                                     3

SANTE MESSE                               190

ABITANTI PRESENTI IN PAESE AL 31.12.2014   390

Residenti nel Comune di Paluzza al 31.12.2014       2.318 (-38 unità dal 31.12.2013)


Sguardo su gente, storia, cronaca di Cleulis e… dintorni

maggio 17, 2015

25 dicembre – 6 gennaio. Festività natalizie. La vigilia di Natale con la sua atmosfera nostagica e dolce si è celebrata la Messa alle 21, animata dai Giovins Cjanterins con i canti tipici del periodo natalizio. Dopo la Santa Messa, i numerosi fedeli si sono ritrovati sul sagrato della chiesa per scambiarsi gli auguri davanti a una fetta di panettone e a un corroborante vin brulé. Il giorno di Natale, la Messa solenne e i Vesperi in latino chiudevano questa giornata di gioia e di fede. Sul far della sera la piazzetta del paese si è animata di bambini accompagnati dai genitori per l’arrivo di Babbo Natale che, anche quest’anno, aiutato dalle “babbo nataline”, ha distribuito doni a grandi e piccini. La festa per l’arrivo di Babbo Natale si è conclusa con le deliziose frittelle e un the caldo offerto a tutti i convenuti dai volontari del paese. Mercoledì 31, ultimo giorno dell’anno, ci siamo ritrovati in chiesa per il canto del Te Deum di ringraziamento; il giorno successivo abbiamo festeggiato i nostri 4 coscritti che, come da tradizione, aprono l’anno con l’allegria e la spensieratezza tipica dei ventenni. Alla Messa a loro dedicata i compaesani hanno partecipato numerosi, come poi nel pomeriggio in tanti hanno accompagnato casa per casa l’esiguo gruppo dei coscritti nel canto della stella. La prima domenica dell’anno come di prassi è dedicata al nostro gruppo alpini. Durante la funzione, numerose penne nere hanno riempito la cantoria della chiesa. Dopo, il gruppo si è ritrovato per l’assemblea annuale e per un momento di sana convivialità! Il giorno dell’Epifania ha chiuso questo lungo e intenso periodo natalizio con la benedizione dell’acqua e di tutti i bambini del paese.

1 febbraio – la Candelora. Se è vero l’antico motto che dice che “se alla Candelora piove e tira vento dell’inverno siamo dentro”, quest’anno con la bufera di vento e neve che hanno preceduto e seguito questa festa la stagione invernale è appena agli inizi! La celebrazione della luce dopo i lunghi giorni delle tenebre invernali, si è svolta con la processione delle candele lungo il perimetro interno della chiesa. Alla fine dopo la messa i ceri benedetti sono stati distribuiti ai fedeli presenti che, come consuetudine, li hanno appesi nelle proprie case e, per chi ha ancora animali, nelle stalle a protezione degli occupanti.

14 febbraio – Carnevale e Quaresima. Nel pomeriggio di sabato 14 febbraio, si è svolta a Cercivento la sfilata dei carri mascherati. Al corteo hanno preso parte tutti i paesi dell’Alto Bût con i propri carri; anche Cleulis si è presentato con il proprio carro dedicato al mondo dei puffi. Una ventina di maschere dal grande puffo alla puffetta, da Gargamella al baby puffo hanno sfilato dietro il furgone su cui troneggiava la caratteristica casa dei puffi. La sfilata multicolore partita da Cercivento di Sotto si è conclusa a Cercivento di Sopra dove ad attendere le numerose maschere c’erano i crostoli ogni ben di Dio. Martedì Grasso il carro dei puffi, per la felicità dei tanti bambini presenti, ha sfilato lungo le strade di Placcis e Cleulis per poi ritrovarsi tutti insieme a far festa nella piazzetta del paese. Mercoledì delle Ceneri, nonostante le numerose stelle filanti e coriandoli ancora presenti per le strade, ci ricorda che il tempo del carnevale è finito e iniziano i 40 giorni di riflessione e di digiuno che ci porteranno a celebrare la Pasqua. Le ceneri imposte sul capo dei fedeli sia mercoledì, sia la prima domenica di Quaresima ci ricordano proprio questo.

14 marzo – cidulas. Di solito las cidulinas vengono tradizionalmente lanciate il giorno di San Giuseppe, ma candendo la data durante la settimana, l’evento è stato anticipato a sabato 14.

 Luigi Maieron


Latteria. La relazione del Presidente.

maggio 17, 2015

Anche il secondo anno del nostro mandato è trascorso. È il momento dei bilanci, delle conclusioni, di spuntare quello che è stato fatto e verificare se corrisponde o meno a quello che ci eravamo prefissi.

Mentre il primo anno è stato incentrato a far quadrare i conti, nuove tasse da pagare, bollette e cartelle esattoriali si aggiungevano a quelle già esistenti, quest’anno abbiamo cercato di concludere i lavori che da subito ci erano sembrati indispensabili per dare senso al lavoro dei soci che nel lontano 1904 avevano fondato, con non pochi sacrifici, la nostra latteria. I locali che caratterizzavano le stanze adibite alla lavorazione del latte versavano in precarie condizioni, la ruggine, la polvere, i tarli si erano ormai impadroniti di quello che rimaneva in questi locali.

Sia il Consiglio precedente, che tutti noi, avevamo deciso che bisognava intervenire. L’appello che un anno fa era stato fatto al volontariato per recuperare questo patrimonio, ha subito preso corpo e già dal mese di giugno, un gruppo di persone si presentava ogni martedì sera e per circa due ore, muniti di spazzole, pennelli  e… tanta buona volontà. A poco a poco queste stanze hanno ripreso vita, al posto del silenzio, e dell’umidità si sentono ora, rumori di falegnami, elettricisti, muratori improvvisati che piano piano ridanno vita a quello che sembrava ormai irrimediabilmente perduto. Entrando adesso nella vecchia latteria, sembra di essere tornati indietro nel tempo, tutto è stato rimesso al suo posto, sicuramente tanti ricordi affiorano, specialmente per le persone che un tempo erano parte integrante di tutto questo. Voglio ringraziare ancora una volta chi si è impegnato per raggiungere questo risultato, specialmente Pier, Paolo, Andrea, Beppino, Sereno, Walter, il nostro elettricista Tullio che ha rifatto l’impianto elettrico, così come si presentava un tempo.

Ora ci sentiamo sicuramente “un po’ sollevati” per essere riusciti in qualche modo a ridare “vita” a tutti quegli oggetti che non meritavano di essere lasciati abbandonati. Mancano ancora alcuni piccoli lavori, e l’intento finale può dirsi raggiunto, una mostra permanente a disposizione di scolaresche e non, visitabile su richiesta, corredata da pannelli con le immagini delle nostre malghe, con percorsi per raggiungerle e le notizie principali che le caratterizzano.

Un ringraziamento particolare merita il nostro consigliere Danilo, sua l’idea del dipinto sulla facciata esterna, che l’artista Romano ha realizzato con tanta maestria. Penso che dia un tocco particolare a tutto l’edificio, oltre che fornirci un ricordo per tutti i casari che nel tempo hanno lavorato al suo interno. Voglio inoltre precisare che detto “lavoro” è stato interamente donato dal consigliere stesso.

Prima di passare alle elezioni del nuovo consiglio, voglio ancora dire un grosso grazie ai componenti del Consiglio uscente, a tutte le associazioni che sono presenti nello stabile, per il sostegno economico che ci forniscono, all’Amministrazione comunale che anche lo scorso anno ci ha fornito un contributo, concedendoci gratuitamente un quantitativo di legname da opera, nella speranza che questa collaborazione possa continuare ancora per non disperdere quel patrimonio, non caratterizzato da ricchezze economiche, ma dai tanti valori che ci ha preceduto ci ha lasciato in eredità.

Celso Puntel


Giovins Cjanterins. Un anno ricco di eventi.

maggio 17, 2015

Gli impegni più gravosi per l’associazione si concentrano maggiormente nel periodo estivo con l’organizzazione della Sagra dai Cjalsons e la partecipazione al Palio das Cjarogiules, ma anche negli ultimi mesi dell’anno appena conclusosi e nel mese di febbraio 2015 gli eventi di maggior rilevanza che hanno visto i Giovins Cjanterins in prima linea, sono stati fondamentalmente tre: l’organizzazione della gita a Innsbruck (13-14 dicembre), il 3° Concerto dell’Amicizia e la partecipazione al Carnevale di Cercivento. È stata la prima volta che il gruppo organizzava una gita ma, nonostante i timori iniziali, il riscontro ottenuto e le adesioni immediate sono state per noi motivo di orgoglio, in quanto l’intento era proprio quello di creare un momento di aggregazione e divertimento, coinvolgendo non solo i giovani ma anche gli adulti. […] Il 28 dicembre poi, abbiamo organizzato un importante evento benefico a favore dell’Anffas di Tolmezzo, con la realizzazione del Terzo Concerto dell’Amicizia, dedicato ai nostri amici prematuramente scomparsi, Lino e Manuel. […] Un grazie per la buona riuscita va soprattutto alle tante persone che hanno partecipato e alla loro generosità che ci ha permesso di devolvere all’Associazione Anffas una somma di 900 Euro, cui va aggiunto il contributo di noi Giovins Cjanterins di 300 Euro. L’ultimo avvenimento che ci ha visti impegnati è stata la partecipazione al Carnevale di Cercivento con la creazione di un piccolo carro artigianale a tema “i puffi”. Siamo stati particolarmente contenti della partecipazione di numerosi bambini del paese, grazie ai quali siamo riusciti a creare un bel gruppo. È stata una bella e divertente esperienza, che speriamo di poter ripetere anche il prossimo carnevale. In conclusione vorremmo manifestare la nostra gratitudine a tutti coloro che in ogni maniera appoggiano le nostre numerose attività e ci sostengono sempre con entusiasmo.

Manuela e Gloria Puntel

 

 


Perché difendiamo la famiglia

maggio 17, 2015

Forse mai come oggi la famiglia è stata così tanto assediata, così tanto bersagliata. Eppure noi ci collochiamo dalla parte di coloro che la difendono. Pensiamo di avere tutte le carte in regola per giustificare tale scelta.

Difendiamo la famiglia perché è l’anticamera di tutto: il luogo primario della nostra umanizzazione. È nella famiglia che si impara il primo alfabeto della vita! Se le prime esperienze sono positive, avremo quella fiducia di fondo (ritenuta fondamentale dallo psicanalista statunitense Erik Erikson, 1902-1994) che porteremo sempre con noi; se saranno esperienze negative, ne risentiremo per la vita intera. Una cosa è certa: vi sono cicatrici psicologiche, circuiti virtuosi (o viziosi) contratti nella prima infanzia, che non si rimarginano più. È la prova che la famiglia ci forma. Ecco un punto su cui tutti sono d’accordo. Lo psicologo e psichiatra statunitense Arnold Gesell (1880-1961) è deciso: «la maturità psicologica che viene raggiunta nei primi cinque anni di vita è prodigiosa!». Il nostro maestro-scrittore Mario Lodi (1922-2014) conferma: «Nei primissimi anni di vita dell’infanzia il bambino impara l’80% di quanto gli servirà per tutta la vita». La psicanalista svizzera Alice Miller (1923-2010) è ancora più decisa: «L’opinione pubblica è ancora ben lontana da avere consapevolezza che tutto ciò che capita al bambino nei suoi primi anni di vita si ripercuote inevitabilmente nella società: psicosi, droga e criminalità sono l’espressione cifrata delle primissime esperienze!».

Difendiamo la famiglia perché è la famiglia che soddisfa il bisogno di appartenenza scritto nel nostro patrimonio genetico. Nessuno ama essere figlio di nessuno!

Difendiamo la famiglia perché è la clinica del cuore. In essa non si è accolti per quello che si sa come a scuola; non per quello che si fa, come al lavoro; ma per quello che si è! Ebbene, questo è il primo capitolo dell’amore, secondo lo psicanalista austriaco Bruno Bettelheim (1903-1990): «Non puntate ad avere il bambino che piacerebbe a voi! Abbiate rispetto per ciò che il bambino è!».

Difendiamo la famiglia perché è la prima scuola di socialità: la famiglia è una società in miniatura: il luogo dove si vive al plurale, ove il piccolo dell’uomo fa la prima conoscenza del “noi”. Nella famiglia il bambino esperimenta la prima relazionalità che non può essere soddisfatta dalle nostre varie connessioni digitali d’oggi.

Difendiamo la famiglia perché è una riserva di valori: del valore Gratuità, del valore Sicurezza, de valore Amore, del valore Intimità, del valore Relazionalità di cui abbiamo appena detto. Ecco in breve (troppo in breve!) perché la difendiamo la famiglia! Sono ragioni da meditare per scoprirne tutta la valenza argomentativa.

Oggi lo spazio ci impone di chiudere senza però prima aver detto che la nostra difesa della famiglia non si fonda solo su ragioni religiose. Non è necessario appartenere a una religione per difendere la famiglia. Molti pensatori non cristiani, ad esempio, l’hanno protetta, l’hanno difesa. Pensiamo al grande filosofo greco Aristotele, a Cicerone, a Marx stesso. Pensatori che hanno capito che la famiglia è il primo patrimonio dell’umanità, anche se non è rintracciabile tra i 1007 siti individuati sinora dall’Unesco. La famiglia è un frammento di mondo che ne guida il destino! Bersagliare la famiglia è seminare mine antiuomo, è tagliare il ramo su cui siamo seduti. Davvero abbiamo tutte le carte in regole per difenderla, per sostenerla, per amarla!

  Dal Bollettino Salesiano, febbraio 2015