Sguardo su gente, cronaca, storia di Cleulis e… dintorni

febbraio 11, 2014

5 agosto. Sant’Osvaldo. Lunedì 5 agosto festa di san Osvaldo la mes­sa solenne è stata celebrata da don Alberto Zanier. Don Zanier anche se originario di Piano Arta è anche un po’ cleuliano. essen­do pronipote di don Carlo Primus. Infatti, alla sua ordinazione sacerdotale del primo giugno nel Duomo di Udine, era presente un nutrito gruppo di gente di Cleulis. Nel po­meriggio, i vespri cantati dai no­stri cantori e la processione con la statua del santo per le vie di Cleulis e Placcis chiudevano questa giornata religiosa sempre sentita in maniera particolare dai cleuliani vicini e lontani. In particolare, quest’anno hanno vi­sitato per la prima volta il paese una ventina di Brasiliani, accompagnati dal nostro Tacio. Erano discendenti per lo più delle famiglie Re, Rampon e Gjubil. Dagli Usa, sono arri­vati anche Felix Maieron e Iside Puntel, con la figlia Gloria. Inoltre, con loro è ritornato in paese dopo moltissimi anni, Gino Primus, di Azaria Pul. In ottobre, invece, accompa­gnato da due nipoti, c’è stata la visita di Lino Puntel (classe 1927) emigrato in Argentina dal 1931. Era andato via che aveva 4 anni, ed è voluto tornare per visitare il luogo dove era nato: dopo 82 anni. 

10 – 11 agosto. Palio das cjarogiules. Nel fine settimana del 10 e 11 agosto si è svolto a Paluzza il ventinovesimo Palio das cjarogiules. Come consuetudine alla manifestazione è stato invitato anche il nostro paese. Lo stand dei “Giovins cjanterins” di Cleulis nei pressi della piazza principale è stato letteralmente preso d’assalto dai molti turisti e valligiani. Anche alle gare dei vari nostri pali i nostri ragazzi e ragazze si sono ben comportati ottenendo buoni piazzamenti.

 Settembre. Asfaltatura “Strade nove”. Nella prima settimana di settembre è stata ultimata “l’asfaltatura a fino” della strade nove, ora dal bivio con la strada per Aip e sino all’ex asilo del paese la strada si presenta come un tappeto e, riempiendo le cunette verso monte per lo scolo dell’acqua piovana, si è guadagnato alcuni centimetri (sempre importanti in montagna) per facilitare il transito veicolare.

1 novembre. Festività di Ognissanti e commemorazione dei defunti.  Venerdì primo novembre alla messa per la festività di Ognissanti la Chiesa era piena. Questa festa a ridosso della commemorazione dei defunti richiama sempre molta gente di fede che prima va alla celebrazione eucaristica per la propria anima e poi va a visitare e pregare per l’anima di chi ci ha già preceduto. La sera della vigilia dei defunti ci siamo ritrovati nuovamente in chiesa per la recita dei tre rosari. L’indomani la messa è stata celebrata nel primo pomeriggio in cimitero per tutti i defunti di Cleulis e Timau che ivi riposano.

10 – 11 di novembre. Bufera di vento. Nelle giornate di domenica 10 e lunedì 11 novembre si è scatenata su Cleulis e zone limitrofe une vera e propria bufera di vento talmente forte da scatenare alberi e schiantare comignoli, oltre che sollevare tegole e pianelle dai tetti di case e fienili. Era da molto tempo che eventi simili e di tale intensità non si verificavano nelle nostre zone.

21 novembre. Madonna della Salute. L’ultima domenica dell’anno liturgico a Cleulis da più di un secolo si festeggia la Madonna della Salute. Questa ricorrenza è molto sentita da tutto il paese perché un tempo segnava il ritorno a casa degli emigranti che andavano a fare la stagione in vari paesi d’Europa e si voleva così ringraziare Maria per averli fatti rientrare sani e salvi.  Così quest’anno anche con un freddo pungente e con venti centimetri di neve caduti due giorni prima, alla messa solenne del mattino, la chiesa era piena di fedeli ad invocare la Madonna per la salute dell’anima dell’anima e del corpo per sé e per i propri cari. Nel pomeriggio i vespri cantati in latino e la processione con la statua della Madonna portata a spalla dalle nostre giovani per le vie del paese.

 

a cura di Luigi Maieron

Annunci

Cuant che a si vierzeva il bosc

febbraio 11, 2014

Vuei, tornan indevûr cul timp, sin ta Valuta sot la Mont da Tierç, ta zornada ch’a si vierzeva il bosc. A vevin fat un lot ta Valuta. Il vuardian al stabiliva la zornada par vierzi il bosc dopo che i menaus ai vevin puartât fûr las taias e intassât ramaçs e brenas. Vâl a dî che la int a podeva da chel dì in poi, lâ a fâ fûr las legnas e ce che al era restât. Prin di chê dì, se tu lavas dascous e a ti becava Fidêl a era sigûr la multa. Al meteva fûr la ordenança cul avîs par che ducj a podessin savei. Duncja si viodeva l’ora e si preparavisi par timp. Erin una grumia, par plui mularia e feminas che al biel cricâ dal dì si inviavin cul zei su pa schena, cjamâts cun marinda (di solit un eto di marmelada o di sgombro, una gjanduia, una scjatoleta di sardinas o simmenthal piçula e sigûr çuç o argjel e polenta), dopo massanc, manaruta, caruculas, trefui… Tal gno trop a erin la Wilma e la Tecla di Eufemia, la Sperancia, la Mariuta… E sù fint insom da Creta sul Cueston dulà che a era la teleferica, ai lassavin caruculas e trefui che nus servivin plui tart par mandâ jù las cjamas. E dopo sù in Cuel Alt e ta Valuta. Subit a cerî la dassa ch’a nus sameava plui granda, magari dongja da strada, si cjapava ognidun la sô. Bisugnava vei fortuna e cjatâ chê justa, parcè che parsora a podeva vei doma brena, ma sgarfant sot podeva platâ legnas miôr. Dopo vei fat un biel grum, cominçavin a stropalâs fint jù da teleferica aventi dal Sgolvais. A era fata cussì: la cavaleta cun doi gros pâi fûr banda, plantâts tal teren, in profonditât, ben salts. E par traviers, ad alt, un ati, tal mieç un gancio fuart, di fier, dulà che al veva di passâ il fîl a sbalçs (ch’al era di fier ben intorzolât ben grossut), chest oltre la cavaleta al continuava inmò cualchi metro in pendença, fint a jessi ben saldât cun plui zîrs tal ancoragjo che al podeva jessi di fier o un gros pâl implantât profont tal teren, cun aitis par traviers, sot cjera par saldâlu benon. La cavaleta a era circa alta doi metros, po il sbalç al continuava jù fint ta Baraçada, sora il riu di Sgolvais-Jerbamala e al rivava aventi da maseria di Crovatut. Al finiva rasentant il teren dulà che dopo al vigniva intorzolât intun ati ancoragjo coma un paracjar di fier implantât tal peton. Chest viavai, da Valuta a teleferica al durava un pous di dîs cui trops che a si incrosavin sù e jù  ognun al faseva la sô tassa tai paragjos da teleferica. Il plui biel al vigniva dopo, cuant che si veva di mandâ jù las cjamas, naturelmentri a si faseva a turno, cui che prin al finiva la sô tassa al començava a butâ jù.

Dopo vei fata la fassinan leada cul treful (fîl di fier), si meteva la carucula cul gancio tal mieç e a si picjava sul fîl dulà che al era incjemò bas, si la pocava fint al gancio da cavaleta e dopo cun fuarça si dava una biela sburtada par che a cjapàs velocitât, fin a rivâ dapît. Là jù un ati al spietava, dulà che a rivava in plena velocitât, sbatint sul teren, a tocjava stâ lontans che al era pericul che cul salt al podès alc dintor, dopo distacâ la carucula e tirâ via la cjama par chê che a rivava dopo. Intant dal percors da cjama, la cuarda a vibrava fuart e cuant che a si fermava a voleva dî che a era rivada benon e cussì dopo un pouc par chei che a cjamavin insom a si dava vous che al era libar e a podevin tornâ a mandâ jù. A fuarça di butâ jù a podeva stâ che il fîl a si smolàs e al faseva “valanghin” magari propit parsora dal riu dulà che a veva di vei plui fuarça, dato che la corsa a si indeboliva par via che al era un avalament e cuindi la cjama a si podeva encja fermâ se no veva cjapada avonda velocitât. Alora si toleva una legna e a si tacava a bati su la cuarda par jodi se la ves judada a partî indevûr, o pûr si tornava a mandâ jù un ata cun plui velocitât in mût che forsi a vorès pocada encja la prima, ma pous viaçs a lava dreta, il plui das voltas a riscjavin di colâ dutas dôs sul puest o di stroucjâsi. A podeva sucedi encja che la cuarda a jesses fûr da carucola, enfra il gancio blocât. Alora sì che a eron dolôrs par rivâ a distrigâ. Encja cualche incussient si rampinava par un trat su pal fîl par jodi s’al rivava a butala jù ta chest câs, riscjant no doma di colâ, ma che ripartint lu podès travolzi. Sigûr al voleva un pieç di timp par che ducj si rivàs insom, ma si davin simpri una man l’un cul ati. Fortunâts chei da Plaças che a podevin puartâ dopo a cjasa las legnas cu la louza, jù pa strada dai Roncs e Cronouf, fin in plaça; nou inveza inmò cul zei via pai Taiaduz, Valisselas e po finalmenti a destinazion. Pensait cetant che nus costavin chês legnas. La teleferica la àn doprada par plui chei che a vevin prâts e stâi in Cuel Alt o aventi, encja par butâ jù i fàs dal fen. Chesta comoditât no à durât propit tant che il seâ cussì lontan su pa mont al è lât simpri al mancul e po ai àn fat la strada ch’a va in Faas, tal Lavareit e in Cuel Alt. Se a si sieâ e si taia inmò, si po lâ a toli cui mieçs di traspuart e la Creta e il Cueston insalvadeîts cuasi no si conossin ati.

Ma inmò prin da teleferica, cuant che a si lava a fâ legnas e a seâ tai Sgolvais o in ducj chei che prâts parsora fint sot da Mont da Tierç, dut cul zei, si stropavin las legnas un pouc in dì, encja a vora si lava e domandâ par plasei se si podeva butâlas jù pa Creta, cu la cjama al era pericolous, ch’a tu russava tal cret par zirâcji, cui fàs po inmò di plui, a tocjava vegni jù encja devantdevûr, a trats, e cença cuasi jodi dulà che tu metevas i pîs: doma cui che al era pratic e al conosseva i scjalins lu podeva fâ. A erin aitis timps…

 

Silvia Puntel


Dietro la cantoria un messaggio…

febbraio 11, 2014

Durante i lavori di restauro della cantoria della Chiesa parrocchiale di Cleulis (di cui parleremo ampiamente nel prossimo numero di G.C.) effettuati da Sereno Puntel con la collaborazione di Beppino Puntel, è stata ritrovata una bottiglia con all’interno un cartiglio. La bottiglia era posta in una nicchia dietro lo schienale della cantoria che si trova verso il campanile. All’interno della stessa il sacerdote dell’epoca don Celso Morassi, primo parroco di Cleulis, mise un dattiloscritto con i riferimenti e la data di completamento delle due cantorie. Ora a restauro effettuato anche don Tarcisio Puntel, attuale parroco, ha depositato nella bottiglia un manoscritto che ricalca quello di don Celso ma con i nuovi riferimenti e la data dell’ultimazione del restauro.  

Riportiamo il testo integrale del messaggio:

Nell’anno millenovecentoventisei mese di febbraio essendo Sommo Pontefice S.S. Pio XI glorioso regnante e Re d’Italia Vittorio Emanuele III, Arcivescovo di Udine Antonio Anastasio, curato di Cleulis don Celso Morassi da Cercivento, fabbriceri Puntel Beniamino Duz, Puntel Pietro Sati, Puntel Elia Rampon, venne costruita la nuova cantoria su disegno di Puntel Antonio Toniz per opera di Puntel Leopoldo di Antonio Toniz, Puntel Santo di Pietro Sati, Bellina Matteo fu Pietro. Cleulis 12 febbraio 1926


Riconoscimento a Pamela

febbraio 11, 2014

Arriva dalla Francia un nuovo riconosci­mento alla ricerca in campo letterario svolta da giovani studiosi dell’Università di Udine. Pamela Puntel, di Sereno e Monica Muser, laureata in Lingue e letterature stra­niere all’Ateneo friulano, ha vinto il premio “Lauzun – Bonnat” assegnatole dall’Accademia di scienze, lettere e arti di Agen per la sua tesi di laurea triennale sull’opera di Georges Leygues, scrittore transalpino di fine ‘800. Il lavoro di Puntel, intitolato “Ge­orges Leygues. Le coffret brisé” (Georges Leygues). Lo scrigno spaccato prende in esa­me la raccolta di versi che lo scrittore pub­blicò nel 1882. Il premio “Lauzun – Bonnat” viene attribuito a ricercatori che abbiano fornito un contri­buto originale alla conoscenza della storia culturale della regione di Agen, importante centro, fin dal Medioevo, a metà strada tra Bordeaux e Tolosa. L’Accademia di scienze, lettere e arti di Agen fu fondata nel 1776 e riconosciuta con decreto imperiale nel 1861.

 

 

 


Timau-Cleulis regina della Tre Rifugi

febbraio 11, 2014

Estate 2013: altra stagione intensa per i podisti delle Polisportiva Timau-Cleulis, i quali fra Trofeo Gortani, staffette al¬pine, sky-race e corse su strada si sono dati un gran daffare sulle strade e sui sentieri regiona¬li e nazionali. Come ogni altra stagione, anche questa appena trascorsa ha regalato tante soddisfazioni agli atleti e ai tifosi della nostra società. Sabato 23 novembre si è defi¬nitivamente chiusa la stagione 2013 del Trofeo Gortani con le premiazioni che si sono tenu¬te a Moggio Udinese. Durante la premiazione per la Timau¬Cleulis sono saliti sul podio ben 13 atleti i quali, assieme a tutti gli altri podisti che hanno par¬tecipato alle competizioni del Trofeo, hanno contribuito a far salire sui podi riservati alle so¬cietà la nostra Polisportiva, che ha ottenuto i seguenti risultati:

• nella classifica generale GRAND PRIX delle società la Timau-Cleulis risulta seconda;

• nel Trofeo Gianni Mirai, riservato alle categorie giovanili maschili, la Polisportiva si aggiudica il primo posto;

• nel Trofeo Portatrici Carniche, riservato a tutte le categorie femminili, la Polisportiva giunge terza.

Come da tre anni a questa par¬te, la Timau-Cleulis l’ultima do¬menica di luglio ha organizzato a Cercivento la Stafete dai Ci¬rubiz, competizione che apre il mese dedicato alle staffette alpi¬ne. Nonostante il gran caldo che affliggeva la nostra Regione, gli atleti non si sono lasciati scoraggiare e la presenza di 25 squadre ha testimoniato la buona riuscita della manifestazione. La gara femminile è stata dominata delle atlete delle Polisportiva: infatti la coppia Garibaldi-Spangaro ha sbaragliato le avversarie infliggendo ben 14 minuti di distacco alle seconde arrivate. Anche in campo maschile la Timau-Cleulis ha dominato la gara vincendo con il trio Romanin-Primus-Ferigo che distanziano i secondi arrivati di 1 minuto. Questi i risultati delle altre due squadre maschili: 8° il trio Cortolezzis-Carrera-Bellina e 16^ la squadra Bianchini-Gardelliano-Muser. I podisti si sono cimentati poi nelle altre staffette, correndo a Ravascletto la Staffetta delle Vette, a Camporosso la Staffetta del Monte Lussari e infine a Collina la regina delle staffette alpine: l’amatissima e contesissima 3 Rifugi. Come ogni anno, la competizione alpina a squadre più importante della regione ha richiamato nel territorio di Collina moltissimi atleti, infatti le squadre presenti erano ben 103. E’ stata questa gara a dare la soddisfazione più importante per la nostra società. Infatti per la prima volta la Timau-Cleulis è salita sul gradino più alto del podio della 3 Rifugi: il trio femminile Garibaldi-De Martin-Menean ha coronato questo sogno vincendo la gara con 1’22” di vantaggio sulle atlete della Gran Bretagna e con 4’44” sulle avversarie ceche. La seconda squadra femminile si è invece guadagnata una buona 9a piazza con la compagine Spangaro-Di Lenardo-Bulliano. Anche la gara maschile ha riservato il podio agli atleti della Polisportiva: il trio Galassi-Ferigo-Primus infatti è giunto al traguardo di Collina in terza posizione dietro all’Aldo Moro e ai vincenti scozzesi. Questi i risultati delle altre compagini maschili: 7° il terzetto Cardini-Romanin-Carrera, 32° il trio dei fratelli Erwin, Hans e Antonio Puntel, 38° la squadra Cortolezzis- Primus-Muser.

Il Campionato Carnico 2013 si è concluso per i Caprioli domenica 6 ottobre con l’ultima partita disputata ad Alesso in casa del Val del Lago. Tale partita è stata la conclusione di un’annata altalenante fra alti e bassi, che ha riservato alla squadra di calcio sia soddisfazioni che delusioni. Al termine del campionato, i Caprioli di Mister Massimo Mentil hanno chiuso la stagione calcistica in 6^ posizione con 32 punti guadagnati in 24 partite ottenendo i seguenti risultati: 9 vittorie, 5 pareggi e 10 sconfitte. Augurando alla squadra di continuare ad ottenere risultati sempre migliori, auguriamo anche un pronto e tanto sperato ritorno nel campo di Timau, reso momentaneamente inagibile a causa della costruzione dei nuovi spogliatoi, che ha costretto i giocatori ad andare a disputare le partite nel campo di Paluzza.

Ringraziando come sempre i genitori, gli atleti, i sostenitori, i tifosi, la Polisportiva Timau-Cleulis nel suo insieme e voi lettori, porgo sportivi auguri e buone feste natalizie.

Gabriele Primus


Ricuart di mê mari

febbraio 11, 2014

Il sei ottobre scorso moriva la mia mamma: aveva 96 anni compiuti in maggio. Spero che il lettore mi permetta di parlare un po’ di lei, prima di tutto perché con lei ho imparato a vivere e poi perché vorrei mettere in evidenza qual è il valore di una mamma per un figlio.

Innanzitutto un grazie sincero alle tante persone che sono intervenute al suo funerale che è risultato come una festa di popolo che, pur con sofferenza, è venuto a salutare questa piccola donna umile, semplice, intelligente e dotata di una particolare saggezza acquisita dalle sue esperienze di vita. “Signôr, us presenti dut il ben che cheste femine a nus à fat” è la preghiera che lei nel lontano 1956 ha rivolto al Signore nel momento in cui la zia Lucia spirava; costei era la sorella dei papà che aveva accolto i quattro piccoli orfani di tredici, dieci, sette e due anni, rimasti senza ambedue i genitori in otto mesi. In casa cera solo grande po’ era la zia non ce la faceva a mantenerli tutti, così la piccola Maria a 11 anni “a era za pas mans da int”: così lei intendeva spiegare il suo servizio nelle famiglie. Eppure non le è mancata l’op¬portunità di apprendere dalle suore a Sutrio un metodo per seguire i bambini come maestra nell’Asilo di Cleulis, assieme all’altra Maria sua coetanea: “E fasevin encje il sagjo a fin dal an” raccontava compiaciuta. lnfatti ho potuto constatare che nel 1933 ne aveva parlato anche la Vita Cattolica. “Vevin 52 fruts! Lu sai parcè che lavin pal paîs vosant “Viva noi che siamo in cinquantedoi!”. Poi nel ‘41 il matrimonio, ma papà è partito per la guerra appena una settimana dopo… e rientrato nel ’45 dopo due anni di campo di concentramento in Germania… Poi i due anni di ospedale di papà, la nascita dei figli allevati con tante ristretezze visto che il marito “la prima stagjon al à fate dal ‘50” come boscaiolo stagionale. Ricordo molto bene quel nostro continuo: “Mari ai fan!” e lei era ossessionata dal fatto che non avessimo abbastanza da mangiare fino a restare lei senza. E quando protestavamo perché c’era sempre polenta, ci rispondeva: “Eh fruts, fruts, cuant che il soreli al va a mont la polenta a sa da ont”. Infatti alle quattro del pomeriggio non ne restava neanche una briciola.

Maestra di vita. Quando ero bambino durante le estati, tutti i bambini stavano con le mamme sempre tanto indaffarate nei lavori agricoli. Noi le facevamo arrabbiare, spesso avevamo poca voglia di aiutarle. Ma loro, mentre la-voravano, ci parlavano, ci insegnavano, noi imparavamo non soltanto la buona educazio¬ne ma perfino i nomi delle piante, degli ani¬mali, a leggere l’ora “cjalant la Creta da Temau”. Era una vera scuola. E quel Rosario recitato la sera in famiglia tutti inginocchiati per terra con i gomiti sulla sedia! Rimanevo colpito quando vedevo la mamma che falciava l’erba e nelle stesso tempo recitava la Via Crucis a memoria, portava la gerla con la “gugja in man”… E questa era la vita di tutte le nostre donne. E la domenica era veramente sentita come il giorno del Signore. Primo di tutti a partire per la s. Messa era papà, mentre lei preparava i figli e li inviava alla chiesa uno alla volta. L’ultima era lei che chiudeva la porta di casa. Dopo messa la conferenza di don Celso per le Donne di Azione Cattolica. Eppure riusciva a fare sempre tutto! Non so come ce la faceva! Ricordo con vera commozione come la notte prima di coricarsi, recitava un’antica orazione in friulano: “ In non di Diu e da Madone benedete ch’a seti encje usont la vosta santa benedizion…” prendeva in mano un piccolo crocifisso che era il ricordo del papà e benediceva i figli lontani uno alla volta. Mi ha sempre colpito la sua religiosità genuina, profonda, ma per nulla fanatica.

Maestra del mio sacerdozio. In questo contesto è nata la mia vocazione al sacerdozio. Ero piccolo e volevo celebrare la Messa; era lei che mi insegnava e… in latino come era la liturgia in quei tempi. Non mi ha mai accennato se da grande avessi desiderato diventare sacerdote. Mi sono confidato con un sacerdote che era anche il mio maestro e lei lo ha saputo solo in un secondo tempo. Si è preoccupata perché eravamo poveri e bisognava pagare la retta del Seminario. Il papà allora l’ha tranquilizzata: “Femine non importa, sfenderemo anche chilla porta!”. Papà era anche un po’ matacchione. Lei mi ha insegnato come un sacerdote deve vivere la sua vocazione. Mi ha accompagnato verso il sacerdozio. Le estati le ho trascorse sempre con lei ad aiutarla nei lavori agricoli: i fratelli erano ormai all’estero e papà rintrava a fine settimana. Avevo imparato a falciare quando avevo 11 anni e cioè dopo che la mamma mi aveva scritto una breve lettera in seminario promettendomi che se fossi stato promosso mi avrebbe regalato la falce! “Frut, cuant che il preidi al alce (la consacrazione), chel al è il moment ch’i lu dedichi a ti par che il Signôr al ti fasi daventâ un bon preidi!” Mi ha accompagnato durante il mio sacerdozio. Trentasei anni con me in canonica (18 anni anche il papà). Aperta, gioviale, sempre con quel suo tratto di ottimismo anche quando rac¬contava le storie così sofferte della sua vita. Ventun anni a Treppo e sedici a Paluzza. Fino a 91 anni ha governato la casa e ha pregato. Conservo con una certa gelosia suoi libri di preghiera con quelle pagine consunte per l’usura. Mi viene spontaneo elevare un inno di riconoscenza al Signore per le tante grazie che ho ricevuto e non ultima quella di aver potuto assisterla nei suoi ultimi cinque anni di malattia. Grazie, mamma, per la tua lunga vita che ci hai offerto. Ho potuto ricompensarti solo in piccola parte per quel grande bene che tu hai dato a noi, ma ora so, conosco quanto una persona anziana ha bisogno d’amore e di attenzione. E… continua a benedire la tua famiglia come hai sempre fatto fino ai tuoi ultimi giorni quando vivevi con me. Prima di coricarmi ora ripeterò io per te quel “ In non di Diu…”. E nel ringraziare il Signore ripeterò le bellissime parole della Vergine Maria: “Da fonts da mê anime o gjolt, o esulti… il miôr de mê musiche a Diu lu cjanti che encje se piçule si impense di me… Da fonts da mê anime o cjanti al gran Re”.

Don Tarcisio Puntel