Osterias e sunadôrs

agosto 4, 2010

Un lûc dulà che si cjatavin encje par fâ cualche cjant. Une passion par il sunâ. Prime che al rivàs il Trio Pakai, Cleulas si è simpri mostrât cjanterin e balerin. Al pâr che a veva di jessi encja una banda.

Ostarias

Sichè duncja encja las ostarias a vevin la lôr impuartan pai aprovigjonaments alimentârs pa bisugna da int e coma lûc di incuintri. Sot il gno ricuart as era trei: “di Peta”, ch’al era encja tabachin, “di Eufemia” e “Pakai”. Di gjenars si podeva cjatâ di dut, dal pan fresc di ogni dì, fin as samenças e farinas pai anemâi, bevandas di ogni sorta. Ma la sera, specialmente d’inviern, cuant ca tornavin i oms e i fantats, dopo fata la stagjon, si podevin cjatâ tal ostaria par passâ cualchi ora in compagnia. Al era il bancon cu la belança. Il lavandin, plui tart la machina da cafè. Sù la pareit devûr, las scanzias cu butiglias di senapa, licôrs, vâs di veri cun minzinas, mentas, bonbons di ogni colôr, spezias, cafè di vuardi… Sot il banc butiglions di vin, bira, gasosa, becero, chinotto, ma nencja ìnsumìâsi di aga minerâl (sai vessin savût i vecjos ch’a si veva di comprâ l’aga a voressin sgrisulît). Ca e là cuatri-cinc taulins cu las cjadreas, una stufa a legnas, al era dut l’aredo. Dopo son rivâts il “calcetto”, il biliart, la television, il juke-box e cumò i ‘videogiochi”. Si podeva jodi un mieç litro di vin, cuatri taces suntuna taula, po doi o cuatri aventôrs a zuâ das cjartas. Specialmente la sera al era il ritrovo da zoventût. Pareva un pierditimp, si disevin: «vâstu a bati il cûl al fant?». Di solit ai zuavin a ramin, treisiet, scarbocjo, briscola. Ogni tant tu sintivas a berlâ chei ch’a zuavin a mora. No simpri però a lava dut lis, a podeva stâ encja cualchi cavîl o barufa, ma nua di particolâr che subit si sedava dut, magari bevint dopo un taiut insierna par fâ pâs. A faseva cuasi part dal zûc encja chest. Però chel cal mancja di plui al è il cjantâ. Massime cuant che il got a lava sul cjâf si tiravin dongja par fâ una cjantada e cjocs, sancîrs, zovins, vecjos, stonâts, intonâts, dut al lava ben, no coventavin maestris. Siguramenti il risultât al sodisfaseva ducj. A cjantavin cjants di vuera, di naia, di folclôr, di gleisia e cualche volta encja… dal rest. Contents di cjantâ in ogni ocasion, specialmenti intas fiestas. Bastava stâ in compagnia ch’a era subit alegria. No tas ostarias. il compit das puemas al era cjantâ in gleisia su la linda ma la fiesta, dopo gjespui o rosari di Mai un troput si fermave sot il tei di plaça a fâ una cjantada. Chês che a tignivin su la usança a erin las fantatas “di Mestin”. Ogni tant a si univa encje cualchi fantat. Parfint sul lavôr (sal permetteva) i zovins ai cjantavin. Domandait Valerio cu la sô scura, cuant che ai lavin a sblancjâ, ce tant cai àn cjantât. Par un biel pouc dopo a è lada a finî che ai cjantava doma tal ostaria. Cuant che a vigniva la Nicea da Francia, pas fiestas di Nodâl, a tirava dongja una taulada di paisans, ducj chei presints, cu la Gjova a si sostentava a cjantâ. A vorès rinunciât sigûr di lâ a mangjâ par no fermâ e slungjâ chescj biei moments ca riviveva da sô zoventût.

 Sunadôrs

Ma no doma il cjantâ encja il sunâ al era un grum praticât, sintût. Ai erin ducj “auto-didatti”, “auto-didatti”, vâl a dî a sunavin cença conossi un fruçon di musiche, a vorela. Vevin Viti cu la sô armoniche particolâr e Gjenesio che al è inmò su “la cresta dell’onda”, che ai clamin dapardut. Alora al era Teu “dal For” cul armoniche, Ugo cu la chitara, Vanino cul violin, dopo a ‘nd era cui ca sunava il mandolin e aitis che no m’impensi. Simpri a si univin Massimo e Basili par fà comedia. Una volta al era propit Basili cu la gjacheta e il cjapiel voltâts devantdevûr, una cjandela impiada sul cjapiel, la cravata par cinturia, montât su la taula di Eufemia ch’al dirigjeva la orchestra. Cuant ch’a si cjatavin a stavin dîs intîrs cença vegni a cjasa, massima di carnevâl. Par ultim ducj ricuardin Pakai e la sôs aventuras cun Gjenesio pardut il mont. Dopo di lui il pais al è restât vuarfin di musica. Mi contin che par vecjo a veva di jessi encja la banda a Cleulas.

di Silvia Puntel

Annunci

Sguardo su gente, storie, cronaca di Cleulis… e dintorni

agosto 4, 2010

13 marzo 2010. Elettrodotto. Presso la sala riunioni della Comunità Montana della Carnia, si svolta una riunione pubblica per informare la popolazione sulla nuova proposta di tracciato aereo dell’elettrodotto Wurmlach-Somplago. A questo incontro, organizzato da Carnia in Movimento, la gente ha partecipato numerosa dimostrando una volta in più quanto sia sensibile alla preservazione e al mantenimento dell’ambiente naturale che la circonda.

14 marzo. Giovins in assemblea Dopo la Messa, si sono incontrati presso la loro sala sopra la latteria, i Giovins Cjanterins di Cleulis per l’annuale assemblea e per definire il programma che li vedrà impegnati in varie manifestazioni estive a cominciare dall’organizzazione della Sagra dai Cjalsons.

20 marzo. Cidulines Il via vai del mattino dei nostri giovani con le slitte colme di ramaglie sulla strada che porta sul Cuel das Cidules preannuncia al paese il lancio delle Cidulines. Infatti, al calar delle tenebre, un bel fuoco ardeva sul omonimo colle, la musica e la voce che declama le rime dedicate alle coppie innamorate si sentivano nitide fino in paese; le parabole arcuate delle rotelle di faggio infuocate, lanciate con maestria dai giovani, lasciavano una effimera scia luminosa sopra il cielo stellato di Cleulis.

24 marzo. Nuova scalinata Si sono conclusi i lavori da parte di An tonio Puntel e figlio, della scalinata e del sentiero che dalla Chiesa portano al par cheggio sottostante. Con la sfalciatura e sramatura degli alberi e prati sottostan ti si può dire che ora la nostra Chiesa ha una degna cornice esterna.

27 marzo. Afds Dopo la Messa celebrata in loro onore si sono ritrovati per l’assemblea e la cena presso l’albergo del paese i nostri dona tori di sangue.

28 marzo. Le Palme Con la Domenica delle Palme, inizia la settimana più importante per noi cristiani che ci porterà alla domenica di Pasqua. Anche quest’anno la processione con i rami d’ulivo partita dalla piazza di Cleulis per arrivare in Chiesa, tra canti e salmi; qui si è celebrata la Messa e si sono benedetti e distribuiti i rametti d’ulivo a tutto il popolo.

1 aprile. Settimana Santa Giovedì santo, mentre fuori nevicava, si è celebrata la messa in Coena Domini. La Via Crucis del venerdì santo, visto il gran freddo, si svolta in Chiesa con il bacio della croce e il suono fragoroso delle Crasules e dei Batecui. Sabato santo alle 18.00, si è celebrata la lunga veglia pasquale con la benedizione del fuoco. Domenica di Pasqua durante la messa si sono benedette le uova e altri prodotti che la gente aveva deposto presso l’altare in cesti variopinti.

25 aprile. Rogazione Si è rinnovata un’antica tradizione che, in ogni paese friulano era molto sentita e che oggi con l’abbandono della vita di campagna va scomparendo: la benedizione dei prati e dei campi che circondano i nostri paesi (rogazioni). Dalla piazza del paese, è stata impartita la benedizione a tutta la campagna circostante.

16 maggio. A San Pietro Anche un gruppetto di giovani di Cleulis ha raggiunto il colle di S. Pietro per gridare il proprio “sei achi” con la croce astile della nostra parrocchia per il tradizionale bacio delle croci. 6 giugno. Corpus Domini In paese, molto sentita è la preparazione delle strade dove passerà la processione con il Santissimo: bandierine, frasche di maggiociondolo e faggio e l’addobbo con pizzi e fiori delle “maines” hanno fatto degna cornice alla processione che si svolta nel pomeriggio lungo le vie di Cleulis e Placis.

13 giugno. Prime comunioni Sette nostri bambini si sono accostati per la prima volta a ricevere Gesù. La cerimonia, iniziata con la processione dalla piazza del paese dei fanciulli con le rispettive famiglie, si è celebrata in una chiesa gremita e con momenti di grande emozione grazie anche alla perfetta organizzazione da parte delle catechiste.

19 giugno. Serata sot il Tei La terza edizione di “In file sot dal tei” quest’anno si svolta in Chiesa causa maltempo. L’ospite che ci ha tenuto compagnia per più di due ore è stato Mauro Tedeschi, scrittore e cantautore veronese con una giovinezza passata tra le nostre valli e con animo carnico! La serata è scivolata via intensa ed emozionante spaziando tra le canzoni e le trame dei due romanzi (Gombe da Poç e Roccavento), arnbientati in Carnia e che Mauro ci ha proposto con la sua inseparabile chitarra.

di Luigi Maieron


Ursula, lei coltiva cavoli?

agosto 4, 2010

Era l’identità numero sette. Ed è stata una sorpresa per tutti vederla su RAI Uno. “Ursula Puntel di Cleulis di Paluzza, provincia d Udine, è lei che coltiva cavoli?”. Il tormentone si è diffuso in paese per qualche settimana, quando si è saputo che avrebbe partecipato alla trasmissione “I Soliti ignoti — identità nascoste”, condotta da Fabrizio Frizzi. Dunque, dopo che si è saputa la notizia (il programma era registrato), i nostri televisori sono stati accesi per settimane al motto di: “Eisa la Ursula usnot?’. Finché – una domenica fra aprile e maggio – i non pochi amici presenti nella sua rubrica sono stati avvertiti, via sms: “Se non avete nulla da fare, stasera guardate su Raiuno, potreste riconoscere qualcuno”. Per farla breve, il passaggio televisivo della Ursula si consuma nel giro di 5 minuti. Ursula si presenta con nome, cognome e paese completo. Il concorrente, che viene da Monfalcone, chiede di vedere le mani, poi va agli indizi. Cosi scopriamo le manie di Ursula. Cose che mai avremmo sospettato: tipo che “qualche volta legge riviste di gossip”. Cose da buona padrona di casa: “Controllo che il gas sia chiuso, prima di uscire di casa”. Cose di famiglia: “Conduco un’attività a carattere familiare”. Valore dell’identità: 50 mila curo. Pitturata e avvinghiata dei colori imposti da mamma Rai, alla fine la celeberrima frase che tutti abbiamo cercato per settimane: “Ursula Puntel di Cleulis di Paluzza è lei che…?”. Confusa con una che gestisce agriturismi, abbiamo anche potuto ammirare la foto che la ritrae circondata da cavoli di “Valisseles” o di ‘Cjivilugn”. I dettagli chiedeteli direttamente a lei.


Ricordo di Cirillo Primus che morì sul “Galilea”

agosto 4, 2010

Una pagina tragica della storia del Reggimento Alpini, peraltro poco nota è la vicenda dell’affondamento del piroscafo “Galilea” silurato nel canale d’Otranto dal sommergibile britannico “Proteus” mentre dal porto di Poseidonia (canale di Corinto) trasportava in Italia parte del Comando dell’Ottavo ed il Battaglione “Gemona” già duramente provati durante la campagna italo-greca del 1940-41. Fortissime le perdite: 21 Ufficiali, 18 Sottufficiali e 612 Alpini. La notizia del luttuoso evento provocò costernazione in molte località del Friuli, ove il reparto era stato in larga misura reclutato. L’attacco fu veloce. Alle 23:45 la Galilea fu colpita da un siluro sulla sinistra che causò uno squarcio di circa 6 metri per 6, subito sotto il ponte di comando, nel secondo compartimento. La nave cominciò immediatamente a sbandare raggiungendo un inclinazione di circa 15 gradi. Il comandante immediatamente cercò di portare la nave verso le isole di Passo e Antipaxo che erano alla distanza di circa 9 miglia. A causa delle intemperie e delle avarie questa manovra fallì. Come molte navi adibite al trasporto truppe, la Galilea non aveva abbastanza lance e giubbotti di salvataggio per tutti i passeggeri. Le condizioni meteorologiche avverse peggiorarono la situazione. L’agonia della nave continuò fino alle 3,50 del 29 marzo quando affondò. Il luogo del naufragio è ufficialmente riferito sulle coordinate 04.93 N 20.05 E. La notizia del disastro presto raggiunse il Friuli. Il dolore e la disperazione di quei giorni si può ancora trovare a tutt’oggi. Molti dei soldati non furono mai trovati mentre i corpi di altri furono trascinati dalla risacca sulle coste greche. Nel naufragio morì anche un nostro alpino. Si tratta di Cirillo Primus. Ecco il ricordo che ci viene presentato da suo fratello, Vigji Primus (da Brè), che oggi vive vicino a Philadelphia: “Mio fratello Cirillo aveva frequentato le scuole a Paluzza, era uno dei più bravi nel disegno e si era meritato per questi il premio di 25 lire. Era molto orgoglioso quando consegnava a sua mamma questi soldi. Aveva la passione delle biciclette: le teneva come specchi. Poi amava le montagne, le stesse che lo videro crescere e partire per fare il soldato il 21 gennaio 1940. Circa tre giorni dopo la chiamata di leva, venne destinato al Battaglione “Gemona”, Ottavo Reggimento Alpini, Compagnia Comando. Trascorsero un periodo in una zona chiamata Savorgnano del Torre, da lì partirono prima per Plezzo e poi per la Grecia, a Corinto. Mio fratello era nato l’11 novembre 1921”. A Muris di Ragogna, è stato eretto un monumento per commemorare gli alpini deceduti a seguito dell’affondamento del piroscafo Galilea.