CUANT CHE LA INT A DOPRAVA I MULINS

marzo 9, 2009

Viaç fra strutures che vuei no coventin plui. E nencje no esistin. Però in passât a erin un polmon economic par dut il paîs. In chest numar, incjamò cualche notazion sul edifici da Taviela, par dopo passâ a chel di Cjandit

Cheste a è la seconda puntada dal reportage començât sul numar di Nodâl

Incjemò sul mulin di Pakai

Fra imprescj che si dopravin, ai erin: il tameis (coma un crivel) par passâ la farina, la sesula di len, un casselot che al veva di tegni just 10 kg che al corispuendeva a un pesenâl masinât, al mulinâr ai restava par paia 1 kg di farina. A era la finança che a vegniva a controlâ chestas misuras. Encja la semula si la tornava. La int che a puartava il sac da masinâ dopo sal vigniva encja a toli. «Par nou al era un grant aiût il mulin ta famea – a dîs simpri la Silvia – erin  vot fradis a era miseria nera e fan par ducj ma cu la farina che nus restava podevin ogni tant fâsi dôs petutas o taiadelas. Ogni tant lâ da Maria di Jan “dai Luncs” a fâsi cuei cualchi pagnoca e il rest vendi par vei una palanca in cjasa. Ma intorn dai agn ’40 gno pari (Cjecje) al veva sintût che tal nord Africa a sarès stada pussibilitât di cjatâ plui fazil il lavôr e magari furtuna. La famea a cresseva, la miseria encja, la poura da vuera si slargjava, ‘nd era za atâs fameas di clevolans partidas pal Maroc, e cussì lui cun duta la famea al è lât in Libia. Ma purtrop al era noma un sum, la realtât a era pieis di chê che a vevin lassât. Dopo apena vincjecinc dîs chi erin là jù a è scopiada la vuera, jo e gno fradi Jacum (Cacali) sin stâts rimpatriâts, al è vignût barba Nocent fint a Rimini a tolinus. Jo sei restada dongja agna Palma e Jacum cun barba Nocent fin che, circa un an e mieç dopo, dut il rest da famea al è tornât sù, al era viers il ’42. Là jù no era propit tant mâl, a contava mê mari (la Silvestra), che la tiera intor dal paîs, ai confins dal desert (si clamava Crispi), dulà che stavin, a rindeva avonda, il gran problema al era il cjalt e di conseguenza la sicitât, ma inmò pieis cuant che al rivava il ghibli, il vint dal desert,  che al taponava dut fint a rivâ encja a un metro e mieç. No àn plui resistût a lunc e tornant a son tornâts a ocupâsi dal mulin e di dut ce che ai veva lassât. Guai se no vessin vût il mulin in timp di vuera, no sai propit cemût che voressin fat» a à concludût la Silvia. Si capìs che dopo la vuera cuant che si è viert il mont e tas butagas si tacava a cjatâ di dut e za pront, al à començât a calâ la dibisugne dal mulin, e nol è plui stât convenient tignîlu in pîts. Tant plui che las fias cressudas a son ladas pa lôr strada, encje il mulin cu la Silvestra e Pakai al era daventât vecjo. Al à funzionât fin a pena sore i agns ’50. dopo che Din e la Sjulinuta a àn fat dulà che al era il mulin la lôr cjasa, tas fondas da cantina a àn murât la muela granda, e intal mieç da cort cun chê piçula ai àn fat la taula che a è encjemò di testimoni.

Il mulin di Cjandit

A proposit dal pan, no ducj a vevin il forn par cueilu. Jo mi impensi chel di Marie di Jan, che a stava dongja di nou, sai che cui che al voleva fâ il pan a podeva vegni da jei, a puartavin las legnas pal fûc e cuant che la stanza a era ben cliputa a impastavin cul lavan, di solit la sera intant che al pousava l’impast a lavin tal jet, par dopo l’indoman dâ forma as pagnocas e a metevin a cuei su pal forn. Si sintiva spandi par duta la vila il profum di chel pan, e al durava a lunc cença vegni dûr, che si capìs che no si veva la fortuna di fâlu tant spes. Al era il pan di sorc, di forment, di siala, chel neri, chel mieç par sorta, chel cu las friças cuant che si copava il purcit e a Pasca cualche fuace. Marie di Jan nissun la bateva a fâ il pan plui bon di chei “di Cjandit” coma chi vin det si cjatava dongja Jerbamala, ai pîts dai Rius di Bots ta crosadice dal riu dai Cjamots che al ven jù sot Cuel Alt e chel dal Sgolvais. Al funzionave par dut il timp dal an che noi mancjava mai la âga. Se cualche volta chel di Pakai a podeva sucedi che al ves scjarsitât di âga parcè che al veva doma una presa, il mulin al stentava a zirâ, al era chel di Cjandit che al supuartava. O al ocorinça al contrari al era il mulin di Pakai che se al veva dificoltâts Cjandit lu judava.

Cui che a lavorave

Encje chest al ere ereditât par vecjo dal von Cjandit che al veva una granda passion pal so mulin tant che si veva fate encje une cjasute dongja, dulà che al podeve durmî a là sal veva da masinâ di not. Noma Milia ai mandava vie il gustâ e dut ce che a coventava pai fruts. I fîs man man che ai cresseva ai lavin a dâ una man. A vevin encja un mus par puartâ via i sacs, ai passava di cjasa in cjasa a cjapâ sù, par dopo simpri cul mus tornâ a puartâ indevûr il gjenar masinât. Imagjinaitsi il biât mussut cetant che al era tudât dai fruts che ai saltavin encja lôr su pa gropa e un viaçut sul mus al era il premi par fâ scambi di plaseuts che i fruts di Cjirulin ai fasevin a ducj i fruts dal paîs. Gno pari che al era stât simpri amî di Fredo, nol pierdeva ocasion par che lu lassasin montâ sul mus, ma al mussut forsi noi faseva cussì plasei, in fats una volta che al era via par Cjivilugn, in gropa al mus, chest al à dât un scart e lu à tirât disot, tal prât che al era un biel reticolât si era fat un slembro dongja da bocje che al à puartât il segn in vita a ricuart dal mus. La Cia a era la plui scaltra ta chest lavôr e il von la preferiva a judâlu. Una volta il mulin si era fermât di bot lant che al masinava, jout di cà, controla di là, al era dut a puest, ma nol lava. Al clama la Cia, «jout tu fruta che jo no capìs ce che al à» ai dîs il von, dopo vei ben zirât, si è inacuarte che un cjavrûl al era saltât enfra las palas da ruela dal aga, si era incjastrât e nol podeva plui saltâ fûr, al era za che al tirava i sghirets ma inmò vîf, a à pûr scuegnût lâ a toli il curtis par finîlu, e cussì liberâ las palas e encje il mulin al à tornât a funzionâ.

No dome farine

Plui o mancul al funzionava coma chel di Pakai tal masinâ, in plui, coma chi vin det, al veva von Cjandit la cjasuta cul spolert s’al si veva di scjaldâ ta stagjon freide o fâsi un got di neri tal cjalderin o la bolida tal crût freit dal invier. Però al veva encja un ata inpuartant funzion il mulin dai Cjirulins, si puartava a là a cuçâ ducj i imprescj da tai, manarias, manarins, la lada (chê par scuadrâ i lens), masancs, curtìs, fuarfis, considerant che la maiorance dai oms in chei agns ai erin boscadôrs. Di sigûr al veva il so dafâ e di granda utilitât. La muala par guçâ encja chê a zirava cul âga dal riu. Un âta testemonenance nus a puartât Pieri (Nini), fî di Din di Cjirulin, che al à cjatât un libri dal professôr Domenico Molfetta di Sudri, che al documenta i mulins da nosta cjera, e un articul al è dedicât propit a chei da Cleulas. Mi àn contât che tai paîs coma sudri o Çurçuvint dulà che il sorc al veva una biela vignuda, tal timp dal Fascio a vevin la tesara dulà che a vevin da notâ il gjenar e il peis di ce che ai masinava, e una part dopo a vevin da rindi cont, una specie di dazi su ce che ai produseva. Se ai veva la fortuna di vei buina cjera tai lôr cjamps che ur rindeva, dopo ai scuegnivin tornâ part das lôr fadias, e chest no ur sameava just. Chest plui o mancul al è dut chel che sin rivâts a meti adun, speri di no jessi lada tant lontan da veretât parcè che no è farina dal gno sac, ma di chê che mi àn contât.

(fin)

Silvia Puntel

Annunci

LOURDES, 150 ANNI DI UN DONO

marzo 9, 2009

 

Un secolo e mezzo è passato

E’ trascorso ormai un secolo e mezzo da quando Aquerò (nel dialetto di Lourdes), la Bella Signora, disse a quella povera ragazza analfabeta e dalla salute cagionevole, Bernadette Subirous: “Desidero che qui si venga in processione”. Da quel 11 febbraio 1858, stando ad un calcolo approssimativo, oltre mezzo miliardo di persone hanno seguito l’invito e sono accorse qui, prima dalla Francia, poi dall’Europa e infine dal mondo intero e questo movimento di pellegrini non ha alcuna intenzione di arrestarsi. Nella Chiesa, dopo il Concilio, tutto è apparso in rapida discesa (dalle vocazioni alla partecipazione alla S. Messa) con una sola eccezione: l’affluenza sempre crescente ai santuari e quelli mariani, innanzitutto. Qui le persone cercano ciò di cui hanno maggiormente bisogno. Cercano il contatto con il Divino, con il Mistero; cercano quel calore, quell’accoglienza, quel coinvolgimento che non trovano altrove e non sempre neppure nelle parrocchie. Ai piedi di questa grotta hanno trovato conforto gli umili, i malati nel corpo e nello spirito. Com’è possibile spiegare il fenomeno di Lourdes, così vivo anche dopo un secolo e mezzo dalle apparizioni? Penso che la forza di Lourdes sia unicamente quella del Vangelo. Le parole dell’Immacolata Concezione sono infatti un’eco del messaggio evangelico, perché richiama in primo luogo la necessità della preghiera, quindi della penitenza, intesa nel senso forte della conversione, di abbandono del peccato e dell’egoismo per aprirsi e abbandonarsi a Dio. Un appello accolto dal popolo dei credenti se si pensa al numero dei pellegrini che dai due milioni di prima del Concilio, oggi sono diventati sei milioni ogni anno.

La B.V. di Lourdes a Cleulis.

Nel 1928 ricorreva il 70° anniversario di Lourdes. Don Celso, parroco a Cleulis da otto anni, pensò che Lourdes avrebbe potuto essere una buona occasione per ravvivare la fede anche nella sua parrocchia. Ebbe così la geniale idea di costruire nella nostra chiesa la grotta con l’immagine dell’Apparizione; tale opera si realizzerà durante il 1929 e a tal proposito il parroco così scrisse sul libro storico:

11 febbraio 1929. Oggi si è inaugurato il nuovo altare della Madonna di Lourdes che, per volontà unanime di popolo, è stato costruito. Tutti contribuirono sia con denaro che con opera. D’Andrea Eufemia e sorella Luigia regalarono la statua della Madonna, Primus Teresa Coletto la Bernardetta, duecento lire le donò Puntel Giobatta Teusce, cento Antonia jan, cinquanta Bellina Paolo, cento Primus Giuditta, il resto tra la popolazione. Il lavoro in legno venne fatto da Puntel Leopoldo su disegno di don Celso Morassi. L’interno della grotta venne eseguito da Primus Gregorio e dal curato. Nel complesso il lavoro è risultato decoroso ed è costato lire milleduecento circa”.

Tre anni dopo, nel 1932, don Celso ebbe la brillante idea di creare attorno a questa ricorrenza per la parrocchia un momento di riflessione, preghiera e approfondimento della fede. In quei tempi infatti, durante l’inverno, tutti gli uomini e giovani erano presenti in paese e incominciavano ad emigrare un mese più tardi, si viveva un momento di calma perché non c’erano i lavori della campagna.

Nel libro storico, così il curato annoterà questa prima esperienza:

“La festa della Madonna di Lourdes ha acquistato un posto importante nelle solennità dell’anno. Quest’anno il curato l’ha fatta precedere da un ottavario di predicazione dedicato in modo particolare ai giovani con istruzioni adatte al loro stato e alla loro vocazione e nella preparazione al matrimonio. L’ottavario è stato frequentatissimo ad ha ottenuto buoni frutti”.

Questa importante iniziativa pastorale sarà per alcuni decenni un punto di riferimento, un momento atteso e ricco di grazie per Cleulis. Basta leggere la nota che don Celso lasciò scritto nel 1958, in occasione dell’11 febbraio:

“Nella ricorrenza del primo centenario delle apparizioni di Lourdes, anche in questa parrocchia, dove la devozione alla Madonna è veramente sentita e dove c’è un altare dedicato a Lourdes ed una festa preceduta da una novena con centinaia di comunioni, si sono tenute le SS. Missioni dal 2 al 11 febbraio. Il Rev.mo don Ermacora degli Oblati Diocesani è stato il missionario che con competenza, amore e sacrificio, ha dispensato abbondantemente la Parola di Dio in tutti quei giorni. La popolazione ha partecipato unanime alle SS: Funzioni, ai Sacramenti, specialmente i giovani e gli uomini che si preparavano ad emigrare. Le SS. Comunioni durante la S. Missione hanno superato le 2.000”.

Tuttavia le cose in seguito cominciarono a cambiare: Gli uomini e giovani sempre meno, grazie a Dio, furono più costretti ad andare all’estero e trovarono un’occupazione in Italia e sempre più vicino a casa, anche le giovani e le mamme sempre più lasceranno il lavoro dei campi per occuparsi nell’industria o nel terziario, i bambini frequenteranno la scuola a tempo pieno. Il successore don Carlo, deciso a proseguire sulla linea di don Celso, continuerà a proporre l’ottavario d’inizio febbraio, ma con sempre meno partecipazione. Oggi purtroppo non siamo stati in grado di creare qualcosa di alternativo secondo le esigenze dei tempi .

La Madonna non delude mai.

Per la Chiesa le apparizioni sono un intervento speciale a favore del popolo cristiano. Sono quindi grazie straordinarie, utili al rinnovamento spirituale da accogliere con gratitudine e consolazione. E’ vero che la Madonna non ci rivela nulla di quanto già è contenuto nelle scritture, ma viene per ricordarci il “Vangelo dimenticato”, viene cioè a riproporci le verità evangeliche che l’umanità ha dimenticato, soprattutto in particolari circostanze storiche. Nel secolo XX, dopo“l’inutile strage” della prima guerra mondiale, si affermarono quelle ideologie del male che porteranno l’umanità a conoscere quegli efferati totalitarismi che creeranno i lager, i gulag, i forni crematori, le pulizie etniche …insomma le violenze più gravi contro l’uomo che l’umanità abbia mai conosciuto. Oggi si va affermando un nuovo totalitarismo, subdolamente celato sotto le apparenze della democrazia. Le correnti della antievangelizzazione imperversano con la furia di un uragano. Non solo la fede è rifiutata, ma vengono colpite le basi stesse della morale cristiana, coinvolgendo la famiglia e propagandando il permissivismo morale: i divorzi, l’amore libero, l’aborto, l’anticoncezione, la lotta contro la vita nella fase iniziale come in quella del tramonto, la sua manipolazione…. Maria viene a ricordarci che le armi più potenti contro la deriva dell’umanità  dovrà essere la conversione del cuore, una grande devozione verso la Santa Eucaristia, la recita quotidiana del Rosario, la preghiera costante, l’accettazione delle sofferenze  per la salvezza del mondo.

 

Il siôr santul don Tarcisio


GIULIO PUNTEL NUOVO CAPOGRUPPO

marzo 9, 2009

Ana di Cleulis rinnova le cariche sociali. Nuova sede presso la latteria.

Domenica 6 gennaio, si è svolta come di consueto l’assemblea annuale del gruppo alpini di Cleulis. Il programma prevedeva dapprima la partecipazione alla santa messa e successivamente l’assemblea che per la prima volta si teneva nei locali della latteria turnaria gentilmente concessaci dal presidente Walter Puntel. Erano presenti un buon numero di soci del gruppo oltre a una rappresentanza degli alpini di Paluzza , Cercivento e Timau. La grande novità di quest’anno era quindi la sede dove si doveva tenere l’assemblea: sarà in futuro questo il locale del gruppo, che dalla sua costituzione sosteneva l’esigenza di averne uno proprio. Finalmente gli alpini avranno un luogo in cui incontrarsi e organizzare le varie attività del gruppo. E’ stato giustamente sottolineato dal capogruppo la proficua collaborazione tra gli alpini e i soci della latteria che hanno molto gentilmente permesso alle penne nere di svolgere qui la loro annuale assemblea con un doveroso ringraziamento a essi. Quest’anno per il gruppo era in scadenza il consiglio direttivo e il suo capogruppo e quindi si doveva anche procedere alle varie votazioni. L’assemblea ha designato il socio Giulio Puntel quale un nuovo capogruppo; i consiglieri eletti sono: Denis Bellina, Roberto Bellina, Agostino Maieron, Federico Matiz. Dal discorso del neo capogruppo si deduceva che il 2008 sarà un anno denso di impegni sia nelle varie feste in Carnia, che per i lavori all’interno dello stabile della latteria visto che gli alpini del gruppo si sono impegnati a portarli a termine entro la fine dell’anno, inoltre è nell’intento del gruppo migliorare di anno in anno la già accogliente “placia da Baraçade” con opere di abbellimento varie. Auguri allora al neo eletto perché il 2008 sia un anno denso di soddisfazioni, in puro stile alpino.


NO ‘ND E’ RESTATS TANCJ CUN CHESTE SPILE SUL CJAPIEL

marzo 9, 2009

I ricordi di Natale, la memoria di tanti compaesani che non son tornati, ragazzi ventenni che ora sopravvivono nella memoria dei loro cari. Una croce di guerra, uno stemma sul cappello, il posto d’onore alle adunate, la pensione minima, senza mai nessuna rivendicazione. 

Questa sera eccoci qua, da nonno Natale, irrompiamo nei suoi ricordi in una umida serata di marzo, interrompendo la sua consueta visione del telegiornale e costringendolo a tornare indietro nel tempo. Cosa non sempre piacevole per lui, classe 1919, chiamato alla leva – e tanti altri con lui – per servire la Patria in tempo di guerra. Figlio di Pietro Maieron “Cec” e Caterina Mentil (la Garibalda). Suo padre si era sorbito il fronte sul Carso, sua madre “in varas” era avvolta dalla bandiera tricolore, come portatrice, insignita dell’onorificenza di Cavaliere di Vittorio Veneto, suo fratello Tobia disperso ufficialmente durante un bombardamento alleato del campo di concentramento in Germania dov’era internato, dopo essere stato catturato sul Canale di Corinto. Generazioni di carnici, friulani, italiani, segnati dal lutto della guerra. È rimasto lui solo, di cinque fratelli: Tobia, Giacomo, Lucia e Palmira, queste ultime decedute in tenera età, l’una arsa viva, l’altra di tos paiana (pertosse). Rimane lui solo e due sbiadite cartoline del fratello Tobia dalla Germania, con strazianti testimonianze di cosa significa avere fame… Reduce dal fronte greco-albanese, di quello russo, uno dei pochi che ancora può raccontare come testimone oculare la guerra e i suoi orrori. Quello che mi ha sempre colpito dei reduci con cui ho avuto la fortuna di parlare e il loro non accanirsi mai contro le alte gerarchie, la politica che così aveva deciso, una cosa incomprensibile per noi che rivendichiamo i nostri diritti per qualsiasi cosa. Per loro, era così e basta, non si rivendicava niente, si malediva magari mentalmente i responsabili di tanti dolori, ma si eseguiva quello che era il Dovere con la D maiuscola. Un grande differenza rispetto ai nostri giorni dove si protesta per qualsiasi cosa, anche per le stupidaggini più grandi. Dove si parla sempre di diritti e mai di doveri. Ma la vita di Natale non è stata solo vita militare ma anche la normalità, la gioia di una famiglia, di tre figli, la disponibilità a prestare la sua opera infermieristica ai clevolans che ne avevano bisogno, facendo punture qua e là, medicazioni e quant’altro. Tanti di loro, massime leipadins, si ricordano delle cure di Natale.  Il nonno è nato il 25 dicembre 1919 a Laipacco in una casa adiacente all’ex Tambra.

Il destino già da piccolo ti ha portato a viaggiare, vero nonno?

Sì, verso i dieci anni la mia famiglia emigrò in Francia. Ma alla fine rimasi solo io con mio padre Pietro, mia madre con il resto dei fratelli rientrò dopo due anni, io rimasi fino a diciannove, feci pure due anni di scuola là. Il rientro fu forzato dalle autorità francesi, perché un giorno mentre eravamo nel bosco (mio padre era menau) due poliziotti vennero a cercarci e mi diedero l’out-out, o mi naturalizzavo francese o dovevo rientrare in Italia, mio padre decise per il mio rimpatrio.

Ma saresti subito dovuto ripartire.

Praticamente io rimasi a casa un anno, durante il quale feci il pastore a Buttea, finchè non fui chiamato sotto le armi e dopo tre mesi spedito in Albania. Un disastro! Senza i rinforzi tedeschi non so se saremmo mai riusciti a tornare. Mi ricordo chiaramente la nostra ritirata dal Golico, mentre noi indietreggiavamo passavano i tedeschi sui sidecar, senza di loro saremmo stati tutti prigionieri. Poi ci imbarcammo a Corinto, io sulla Crispi e Cirillo sulla famigerata Galilea, uno dei ricordi più tristi di tutta la guerra. L’affondamento del Galilea e le voci, le urla di aiuto, le imprecazioni fendevano il buio della notte, è una cosa che ti si conficca nel cervello e finché vivi te lo porti con te. Quando arrivammo al porto di Bari la notizia del siluramento si era già sparsa e la gente si stringeva attorno a noi, così come scene drammatiche si ebbero al nostro rientro a Udine, dove la gente ci abbracciava, ci baciava.

Poi la Russia. 

Dopo circa tre-quattro mesi partimmo per la Russia. Io partii piangendo, erano le due di notte del 5 agosto, e io pensavo alla grande festa che c’era nel mio paese, mentre io ripartivo per il fronte e la guerra. Avevo paura, ero già stato ferito al braccio e alla gamba in Grecia e ricoverato per deperimento organico.  Per dare un’idea del posto dove ci avevano spedito, dico solo che la notte di Natale il termometro segnava – 38° gradi, io stesso dovetti subire le conseguenze del congelamento, terzo grado il piede sinistro e due il naso, ma sono stato fortunato, molti di loro morirono di congelamento. E per il congelamento fui ricoverato in ospedale da campo, con me c’era anche Delfino (fratello di Merigo), finché un giorno il tenente medico venne da noi e ci disse «chi è in grado di camminare, scenda a valle e prenda qualsiasi mezzo perché i russi sono a trenta chilometri». Io andai da Delfino a salutarlo perché aveva una ferita all’addome che non gli permetteva di camminare, non sarebbe più rientrato. Io invece riuscii a ritirarmi, fui ricoverato a Varsavia, poi definitivamente a Imola, dove mi vennero amputate le dita del piede sinistro.

Tra le due esperienze. Quale la peggiore?

Diciamo che climaticamente la Russia fu dura, ma nulla da eccepire sulla gente russa, mentre in Grecia i rapporti furono molto più difficili, ti colpivano a tradimento, non a caso io fui ferito là. E per quanto riguarda i russi e la loro ospitalità,  vorrei appunto narrare un episodio. Durante la marcia di avvicinamento al fronte russo, effettuata in notturna, molti di loro, che avevano già male ai piedi, si fermavano a riposare nella pianura. Arrivati al fronte, ci accorgemmo che ne mancavano 4-5, allora tornammo indietro a cercarli, e li trovammo ospitati nelle case, dove li avevano rifocillati e accolti per la notte. La gente là era disponibile e una volta fui chiamato a intervenire per difendere una ragazza russa dalle mire violente di un soldato italiano. La guerra è guerra e i soldati, sono soldati di qualsiasi nazionalità essi siano. In Russia ci avevano alloggiati nei bunker costruiti dai Tedeschi, la sera ti addormentavi e durante la notte i topi ti correvano sulla faccia, la mattina indossavi gli scarponi, molto spesso già occupati da un bel topone.

Una persona di cui ti ricorderai sempre.

Il primo giorno che eravamo in Grecia, salendo sul Golico, accanto a me c’era  il compaesano Lino che piangeva, mentre un altro compaesano, Berto, lo prendeva in giro «cos’è, hai già paura?» e lui rispondeva onestamente di sì. Aveva ragione ad averne, due giorni dopo, fu colpito in pieno alla testa e stramazzò davanti a noi, le ultime parole furono per la sua ragazza di allora. Momenti incancellabili. Purtroppo anche Berto poco dopo, fu colpito durante una ricognizione e non fece più ritorno. Poi ci furono Firio e Linçut che accrebbero il vuoto nelle file dei Cleuliani. Solo di Firio posso dire qualcosa di sicuro, fu colpito davanti al Golico e ricoverato in un ospedale da campo, poi bombardato dagli alleati.

Come fu che divenisti infermiere sul fronte russo?

Tornati dalla Grecia, cercavano un po’ di uomini  resistenti per farli seguire un corso da infermieri, io fui tra i prescelti e feci il corso di circa 40 giorni all’Ospedale di Udine, Santa Maria della Misericordia. Lo superammo in sette, ci insegnarono a fare punture, chiudere coi ganci le ferite, medicare, cose così, semplici ma importanti durante la guerra. Sul fronte fui chiamato a curare anche una ragazza russa. Vedendo la fascia con la croce rossa sul mio braccio una donna mi si avvicinò, mi portò da sua figlia e le fece alzare la gonna al ginocchio e vidi che aveva una gamba tutta piagata, le feci avere il possibile per curarsi e disinfettare le piaghe. L’armamentario medico che mi portavo appresso di sicuro mi aiutò, mi tenevo unto con le creme che ci davano. Col ritorno poi mi avvalsi di quello che avevo imparato per dare assistenza a chi me lo chiedeva, qui in paese.

Sei stato pure uno dei primi ad arrivare in Pramosio nel terribile frangente del massacro…

Sì, ci andai per vedere cosa era successo e per recuperare mio cugino Aldo, che si trovava in Pramosio per un caso fortuito, ossia come sostituto di un altro ragazzino che si era ammalato. Fu un triste destino, sarebbe stato lassù solo per tre giorni e in quei tre giorni, fu ucciso.  Quel giorno mi ero recato a prendere calcina al fiume (allora era lì che si trovavano i “cjalcinârs), lì incontrai il fratello di Umberto (Combi) e Paolo (Burlaç), era circa mezzogiorno quando sentimmo gli spari, subito dopo arrivò Rosina che ci riferì che qualcuno di Timau aveva dato l’allarme che in Pramosio avevano ammazzato tutti. E proprio mentre parlavo vedevamo i probabili assassini scendere dalla parte “dal Plan dal jeur”, a gruppetti di tre o quattro. Prudentemente, noi allora aspettammo fin circa alle quattro del pomeriggio, e quindi salimmo a vedere. Lungo la strada, lì dove sarebbero state rinvenute in un secondo tempo le due donne trucidate, abbiamo trovato il sacco di Paolina Tassotti, ma, devo dire che non badammo molto alla cosa, anzi lo raccogliemmo e proseguimmo a passo sostenuto. Lassù vedemmo il macabro spettacolo, riconobbi mio cugino solo dal braccialetto di pelle che portava, perché la faccia era irriconoscibile, sporca com’era di sangue. La pallottola era penetrata dalla nuca ed era uscita vicino al naso, lo abbiamo messo dentro al sacco e un po’ per uno lo abbiamo trasportato in paese.

Quando sei tornato hai trovato i Cosacchi?

Sì, ma non ho avuto nessun problema, solo una volta sulla strada “di Cjivilugn” due di loro mi hanno fermato e mi parlavano, ma io non capivo cosa mi dicessero, alla fine mi hanno lasciato proseguire per la mia strada. Invece ho avuto problemi coi tedeschi. Una volta infatti, recandomi a Resia a lavorare ho incontrato una pattuglia sul ponte di Zuglio e se non c’era un mio compaesano con loro che capiva e parlava correntemente tedesco, mi sarebbe toccato seguirli. Lui mi ha salvato.

Da poco con la nonna hai festeggiato i 60 anni di matrimonio, com’è andata?

Ci conoscemmo in uno dei viaggi che si facevano “lant a sorc jù pa furlania”. Anche perché io ero “leipadin” e una volta la divisione fra noi e quelli di Cleulis era molto forte. Ci siamo sposati dopo due anni di fidanzamento e grazie a Dio siamo ancora qui. Appena sposati siamo andati a vivere a Laipacco, vicino “a ostaria da Carlina”, poi nel 1957 siamo venuti nell’attuale casa, che avevo cominciato nel ’53.

Il ricordo più bello e quello più brutto.

Certamente il ricordo più bello fu l’annuncio della fine della guerra, quando tornai a casa e trovai mia madre “inta cort”, voglio rammentare che dal fronte non avevo mai potuto dare mie notizie, perché non eravamo in condizioni di scrivere lettere e quindi mentre io le potevo ricevevo, loro non sapevano nulla di me. Il più brutto, fu sicuramente quando, saliti sul Golico, vidi come i morti venissero agganciati con la piccozza alla cintola e scaraventati giù dalle rocce, una cosa shoccante per un ragazzo ventenne. D’altra parte non si sarebbe potuto fare altrimenti. Poi di immagini crude che ricorrono nella mia mente ce ne sono a bizzeffe: ho quella di quel capitano ormai cadavere da un po’ di tempo con i vermi negli occhi e negli intestini aperti, ho quella del mio compagno morto per un colpo di pallottola accanto a me e io che ero vicino a lui, non me n’ero accorto. Ce ne sono tante. In Russia stavamo nelle buche scavate nella neve, una granata un giorno ne colpì una, morirono tutti e cinque i soldati. Riecheggiano nella mia mente le grida di un soldato che di notte chiamava aiuto perché il suo compagno era morto sopra di lui e lui non riusciva più ad uscire dalla buca.

Come erano i rapporti con i tedeschi?

Su questo posso dire poco o nulla, dove eravamo noi ce ne erano solo tre. Ognuno se ne stava ben separato comunque, anche se la prima volta che erano arrivati lì si erano messi a ridere vedendo il nostro cannoncino da 45 e ce ne fecero subito avere tre da 85 contro i carri armati russi.  In ogni modo tutti ambivano al loro vestiario, appena qualcuno di loro veniva colpito, ci si avventava sui cadaveri all’accaparramento, gli stivali erano i più contesi, volevi mettere coi nostri scarponi?

Tu segui sempre il telegiornale, che te ne pare delle guerre di oggi?

Mah, io vedo solo camion, camionette, blindati, insomma congegni meccanizzati, è tutta un’altra cosa. Noi, in prima linea, uscivamo a piedi, allo scoperto, lanciando bombe a mano, una certa differenza, non credete? In Russia prima di ogni attacco, passava in fretta e furia il cappellano militare, bisbigliandoci «mi raccomando ragazzi pregate l’Atto di Dolore, non dimenticatevi l’Atto di Dolore», poi spariva trafelato e da come la vedo io abbastanza spaventato.

Un grottesco incontro col re Vittorio Emanuele III…

(Qui Natale si mette a ridere di gusto) Il re era venuto in Grecia e quel giorno eravamo tutti ben schierati in sua attesa. Era un omino piccolo, bruttino, che certo non faceva bella figura accostato a quegli energumeni dei corazzieri. Beh, arriva sulla sua macchina, scende solennemente e … inciampa e stramazza al suolo come un salame. Ci fu un boato, risa e sghignazzi da parte nostra con i comandanti che con urla e minacce cercavano di riportare l’ordine, evidentemente e nonostante tutto riuscivamo ancora a ridere per qualcosa.

Ci vorrebbe un bollettino intero per raccogliere tutti gli aneddoti più o meno allegri, più o meno crudi di una vita passata su due fronti. Ma ora lasciamo che il nonno ci mostri le due croci di guerra (una quella dell’XI Armata), le Croci di sua madre e soprattutto il suo cappello alpino e si vede che ce lo mostra con malcelato orgoglio e mostrandoci la spilla dei reduci, ci lascia con queste malinconiche parole: «A no si ‘nt viodin tantas ati ator sui cjapiei». Oggi bisognerebbe riscoprire il valore stesso della parola “orgoglio”: questi reduci sono quelli che devono aver orgoglio, perché hanno compiuto il loro dovere, hanno affrontato sfide disumane senza mai il pensiero di tirarsi indietro, piangendo, gridando, ma andando sempre avanti, ne sono usciti, son tornati, hanno fatto una famiglia e in silenzio hanno vissuto la loro vita. Mai una parola di biasimo per le gerarchie, mai sentito parlar di risarcimenti, sono andati, han fatto e oggi ci insegnano. Un pensiero a tutti quei ragazzi che non sono più tornati, lasciando nel dolore, le famiglie, le morose, i figli magari. Un pensiero a tutti quelli che negli archivi hanno un fascicolo con sopra scritto “disperso”, ma che rimangono nel pensiero dei loro cari.

Rosalia e Sara Maieron


FRIULSAB DI LUCIANO E BEPPINO PUNTEL

marzo 9, 2009

Effettuano le sabbiature e le vetrificazioni delle vasche per il vino

Nella vasca pulita sta il vino buono. In realtà il detto è un altro, ma questa piccola licenza ce la siamo presa per raccontarvi una storia particolare che è legata alla vita di un imprenditore carnico e della sua famiglia. È la storia della Friul Sab di Paluzza, un’azienda fondata più di vent’anni fa da Giacomo Puntel ed oggi guidata da due dei suoi figli, Luciano e Beppino. Cosa c’entra con il vino? La Carnia non è rinomata per la sua produzione enologica, vi starete dicendo. È proprio questa la cosa curiosa. Giacomo Puntel, già dagli anni ’60, ha raccolto la sfida di lavorare per le cantine vinicole, occupandosi della sabbiatura e della vetrificazione delle vasche in cemento in cui viene conservato il vino. Un lavoro insolito che poche aziende fanno e che implica parecchi disagi e molto spirito di sacrificio. «Dopo che il vino viene tolto dalle vasche nelle quali è stato depositato – ci spiega Puntel – bisogna intervenire per pulire e sanare le superfici incrostate e deteriorate. Per fare questo si usa un particolare metodo che sfrutta l’alta pressione impressa alla sabbia da una macchina ad aria compressa. In questo modo vengono asportate le incrostazioni e ripristinate le condizioni originali delle pareti. Si procede poi con la stesura di un rasante e quindi con la vetrificazione attraverso l’utilizzo di particolari prodotti per il settore enologico, che ridanno alla vasca la sua completa funzione di contenimento, quasi si trattasse dell’interno di una bottiglia di vetro». Tutto ciò avviene in condizioni molto disagevoli. Il foro di entrata delle vasche di solito è di 40 o 50 centimetri di diametro. Dopo essersi introdotti all’interno del contenitore, in una situazione di semi-oscurità, si comincia con le diverse operazioni. Le vasche contengono di solito 300 o 600 ettolitri, ma possono arrivare anche a 3mila, appena si comincia a sabbiare, lo spazio interno si riempie subito di polvere che poi viene aspirata dall’esterno.  Un piccolo inferno di poche decine di metri quadri nel quale bisogna restare in media due giorni, fra operazioni di sabbiatura e vetrificazione. Chiaramente le attrezzature e le protezioni che vengono usate garantiscono la massima sicurezza, anche se non possono eliminare la sensazione angustiante che danno questi spazi chiusi.  L’impresa carnica si occupa anche dell’adeguamento degli impianti, sostituendo le porte, i camini e le altre parti non più a norma o usurate. Lavoriamo per molte cantine della nostra regione – precisa Puntel – ma anche per tante aziende del Trentino, dove si è mantenuta la tradizione delle vasche in cemento. Da noi il boom dell’inox ha cambiato un po’ il mercato, anche se per me il vino si conserva meglio nel cemento. Resta più compatto e subisce di meno gli sbalzi di temperatura». Giacomo ha lavorato molto anche all’estero. In Macedonia, Moldavia e in generale nei paesi dell’ex Unione Sovietica, ma anche in Israele. Oggi la Friul Sab è guidata da Luciano e Beppino Puntel, che hanno raccolto da loro padre il testimone. Insieme a loro ci sono quattro dipendenti. Un mestiere sicuramente non facile, ma che ancora oggi permette a questa azienda, solida e concreta, di essere un punto di riferimento per molte importanti cantine vinicole.

Estratto da: Informimpresa suppl. al n. 2 – gennaio 2008