FRUTS DI UNA VOLTA

marzo 9, 2009

 

Nol ere dal sigûr facil il vivi di una volta tai nostis paîs: miseria, fadia, privazions di ogni sorte, no si podeva jessi massepassûts come in dì di vuei. No ere sielta, tocjava contentâsi dal pôc che a produseva la nosta tiera, il “menù” plui o mancul al ere simpri chel e par ducj compagn: mignestre, polente, ‘suf, meste, iota, cartufulas, cavoce, capûs, craut e vie indevant … e di ce che al dave chel fazolet di ort, e po, çuç, ont (si cueieve la spongje par che a duràs plui a lunc) e ce contentece se mari tal cuei a meteve un pugn di farine di sorc par fâ la poscje (ma no masse par che no zupàs tant ont), dal purcit no straçâ nue, cul sanc fâ las mulas, i budiei par insacâ e fâ tripes, fin la bufule da vissie par meti dentri il gras, po fumâ il dut cui vues e las bafas, alc meti dentri te piere dal cuinçâ par conservâ plui a lunc.

Par vistîsi no si discor, fruâ fin che la tele no tignive nancje plui i petui che a si comedave i sbregos, e cemût che a capitavin se no ‘nd ere di compagns, fintramai imprestâsi un flic l’un cun l’altri. Las maias gugjadas a man, ben si intint, e cuant che a no ti lave plui ben si passave ai plui piçui.

I fruts di une volte

Ma se a ere dure la vite pai grancj cul pinsîr di sbarcjâ il lunari, no ere mancul dure pai fruts; il plui prest pussibil ai veve da judâ a parâ indevant e pesâ il mancul che ai podevin su la famee. Pûr cun tante miserie, ‘nd ere simpri bondance di fruts, in medie sore i cinc par famee e la Providence no a mai lassât murî nissun di fan, cumò che ‘nd è bondance di dut se ‘nd è doi le cuasi masse.

Ma tornin a nô, seti stât mascjo o femine, il prin al veve di baiâ i fradis plui piçui e judâ la mari seti in cjase che fûr. Las frutas po a son simpri stadas plui sometudas (ancje dai fradis), a vevin di imparâ a fâ las femenutas za prin di jessi frutas. Man man che tu cressevas a cressevin ancje las pretesas su di te. Cuant che a si ere piçulas a sameave un mateç cirî si imitâ la mari: a ti insegnave a freâ l’alumini cu la paiete, il ram e il leton cul savalon, une piçade di sâl e farine di polente bagnade cul asêt; lavi fûr te cort e cu las frutas dongje inschiriavin cheste massarie e fâ a gare a cui che a la faseve vignî plui lusint. Freâ il plancum cu la spacete di radiis e disfâ te aghe un pugn di soda, al veva di vignî, a diseve me mari, «come il taulîr de polente», dut chest par solit di sabide.

Gugjâ: prin meti sù  i ponts e imparâ a fâ las scarpetas, tacâ cun doi fiers, fâ las rosetas pai telons e dopo cun cuatri fiers la capula, e calâ e cressi (jo ai imparât cun agna Delfina cuant che lavi cun jê a passon in Cuel Alt) e man man maias, cjalcins, manecias, scufonutz par cui che al veve di nassi e cussì vie.

Lâ a toli la aghe te fontane, che las selas picjades sul seglâr a vevin di jessi simpri plenas, e nô cul condil … ‘nt voleve di viaçs!

Te stala a puartâ la aghe par beverâ, puartâ fûr il ledan cuant che las stradas a erin cence nêf par che no ‘nd restas tant tal mussulin d’Invier.

Lâ a stecs ator pai boscs

Dopo a ere la scuela, das nûf a misdì e das dôs as cuatri. Ancje ta pousa dal misdì nus tocjava di lâ a stecs intal Bosc Bandît che al ere il plui dongja (se la stagjon lu permeteva). Si imagjnaiso, cun chei trops di fruts a no restavin nancje las bruscjas. Un troput si meteva dacuardi subit dopo mangjât e sù; se cjatavin una plaçuta vosavin: «Bando, chescj ai son miei che ju ai viodûts prima». Fortunâts se a veva svintât tai diis prima e a veva fat colâ, cjamavin il zei par in pîts che a no restas nancje una busuta. Il Lino di agna Menia – dispetôs coma simpri – al diseva: «Fasìn insiema il grum», puartavin ducj i stecs intun puest, salvo lui cjamâ dome il so zei biel svuelt e dopo al scjampava a cjasa e a nô nus tocjava simpri cirî inmò, besolas, magari vaint. I plui grancj a tolevin un rimpin di len lunc e a tiravin jù diretamentri dai arbui i ramaçs secs opûr si rampinavin sù a crevâiu. Tancj viaçs erin inmò insom Ramontan che a sunava la campanela da scuela (dîs minûts prin das dôs), nô corint butavin il zei e via par no rivâ tart, se no cjatavin la puarta sierada e cui tornava a cjase dopo …

As cuatri di solit cjapavin il zei e lavin a grops tal Plan dai Âi o tai Cenglarins.

Un viaç ta nosta compagnia al ere ancje il Corado, dopo vê cjamât i zeis sin fermâts un pôc a sdranzolasi cui ramaçs dai peçs, intun bot il Corado al plomba jù «Oi, oi» si lamentava e nô a ridilu fûr il frignot. L’indoman il biât frut al è vignût a scuela cul braç ingessât! E nô noi vevin crodût!

A chei timps nol ere inmò il gas, si scuegniva fâ dut sul fûc, ‘nd voleva di legnas! D’Istât par sparagnalas dopravin i stecs che nô fruts puartavin ogni dì dal prât. A ven la vee di Sant Svualt «Mari nus faseiso i cjalçons par doman», «Ben si lais a stecs par cueiu, che a son finîts e mi displâs disneçâ la tassa das legnas». Cjapavin sù i zeis e via a stecs. Plui biel però al ere lâ a peces che si emplave subit il zei e a no pesavin.

Inmò lavôrs: i cjamps, il fen e a servî

Tai cjamps çumâ (d’atom) o butâ (di primavere) las cartufulas, tal prât spandi las solçs, incavolâ, girâ, ingrumâ, puartâ la colazion, previodi da aghe, e se par câs ti saltave cualchi dint dal ristiel ancjemò cjapalas. Cul grimâl da mari da piçui e da grancj cu la cuarduta, puartâ il balotut e al lava simpri in stuart. Pûr la sera no erin mai massa stracs. Dopo stâts a rosari si cjatavisi a tropuz par mateâ, specialmentri a peitara, ogni tant las maris a aprofitavin ancje di chest e nus mandavin a fissâ la tassa dal fen, dai stais si tufavin su la tassa, altro che al mâr …

Cuant che a si era viers i dîs agns, se a no si coventava in famee (magari si veva un altre sûr devûr), nus mandavin nô frutas a siervî d’Istât, a baiâ dulà che ancjemò i prins fîs a erin massa piçui par viodi dai fradis. Za via pal Invier si prenotavisi. Da granduts invezit a vora: a puartâ legnas (si faseva la tassa tai lûcs lontans ta biela stagjon, po d’Autun si las puartava dongja) a trops, gugjant e cjantant intas pousas las stropavin fin a cjasa; a puartâ ledan ingrumât d’Invier; a seâ o sforcjâ; a puartâ materiâl dulà che a regolavin o fasevin cjasas lontan da stradas principâls; a puartâ grava pal comun, che il stradin che al veva di tegni regoladas las stradas (das busâs, che a no erin asfaltadas) al ingrumava tas plaçutas che a erin di puesta insom da riva da scuela, tas crosadiças di Cungjelot, e nô fantatas puartavin dulà che a coventava: via pal Cjanâl che al veva simpri dibisugna di cualche blec, e parfint puartâ trefui e carucolas pas teleferiches, o indasciâ tal bosc. Però l’alegria no mancjava, si inventavin – cuant che erin in compagnia – cemût gjoldi, ce che a nol saveva un, al insegnava chel altri, specialmentri in dispiets. Chest al succedeva soredut a passon.

Passon, zûcs pericolôs e…

Sarà stât tor dai agns ’50 che un troput di canaia toletas las cjaras a àn decidût di lâ a passon tai Rius, dulà che al ere un biel poç, i fruts lu vevin slargjât, cuntun pôcs di claps ai vevin fat una rosta e ai lavin a nodâ d’Istât. Dongja al ere un grant clapon e, dispoiâts, ai vevin poiât parsora i vistîts e i tascapans cu las marindas (pan e polenta, çuç o scueta, un eto di marmelada, una gianduia e cussì via). Si son trats dentri la aghe glaçade a nodâ, ogni tant si univa cualchi fruta, che a no ‘nd ere malicia di sorta.

Una neuluta di gjespas a àn nulît il dolç da marmelada e as ronzavin tor das marindas, alore al salta fûr un da la aghe e cuntuna frascja al à scomençât a para via las gjespas, però cussì ancje i vistîts ai son sbrissâts jù dal clap e colâts ta la aghe, erin ducj strafonts. Pôc lontan chei plui granduts a vevin fat un biel casop e a àn pensât benon di mandâ il plui piçul a impiâ il fûc, slargjâ i vistîts sul tet, che al era di brena ben fissa, par suâju intant che a fasevin inmò una nodada. Il frut ubidient al à fat coma che ai vevin det, un biel fugon par suâ dut al plui prest, ma cussì si è suada ancje la brena dal tet che a à cjapât fûc, i vistîts colâts tal mieç dal boreit, dut un cefâ par salvâ alc e podê cuvierzisi e tornâ a cjasa cun ce che a restava, e par distudâ chel fûc che al scomançava a cjapa ator a tor, cui tascapans puartâ la aghe dal riu. Dopo tanta poura e fadia finalmentri ai son rivâts a domalu. Las cjaras las vevin paradas su pai Rius dai Piculits e cun dut che chel dafâ, las vevin pierdudas di vouli, clama e sivila nos vigniva dongja. Alora cjapin il troi par tornâ a cjasa, che il soreli al ere lât sot da un pieç. Su la Cuesta da Vintula cjatin Etore che al lavorave cui Rabars, ai vevin taiât la Mont da Tierç e fat un sbalç par manda jù las boras su la Cueste da Vintula e dopo da aì fin ai Crets di Aip. Ai domandin a lui sal à viodût a passâ las cjaras parcé che se as erin rivadas prin di lôr a cjasa a sares stât inmò pieis che dal sigûr a saressin fermadas intai fasui o tas plantas. No! No erin passadas. «Ma ce dal mostro veiso fat vuei a là sù cundut chel fum e fûc, voleviso brusâ la mont!» ur veva det cjalantju ducj infumulîts e brusinâts. Imagjnaisi il guano che a àn cjapât dopo, pai vistîts ormai da butâ e las cjaras pierdudas, ma soredut tal jet cence cena. L’indoman cul prin cricâ dal dì ai erin in viaç par cirilas e las an cjatadas inta Cuna. Ai ziravin dutas las cuestas e la picas das monts a passon ancje par cirî trinceas e galarias da Prima Vuera la che ‘nd era ancjemò munizions e granadas e ta lôr incussience ai àn sfiorât disgracias.

… grancj progjets!

A proposit, in Pra Piçul, aventi di chel da Tuta e tai paragjos ‘nd è ancjemò cualchi mûr dulà che (simpri tal timp da vuera dal ’15) la biada int a veva fat piçulas baitas par platâ las vacjas e cussì salvalas (che as erin la lôr plui granda ricecja). Cu la lôr fantasie ur è vignuda la idee di fâ aì una mont. Ai veva pensât: «Sot di un mûr fasin la casera e di chei altris las logjas, tegnin las cjaras cassù, tirin cualchi palanca sora che las puartin a passon, dopo las molzin e fasin il formadi». «Sì – disel Elio di Cjecje,  che al ere simpri cun so pari cuant che al cjamave la mont e al faseve il fedâr – fâs jo il çuç e puarti sù la cjalderia e i imprescj di gno pari, dopo lu vendin insiema da spongja e cjapin biei francs». I mûrs ju vevin za, mancjavin las breas. Idee: il stali di Pieri Tuk in Prafermous! Intal indoman d’ascôs partissin armâts di imprescj, sees, manaries, martiels, clauts, fîl a sbalç, carucolas. Det e fat, displantadas las ploncas, fata una telefericuta che a rivas fin sul puest, a erin restadas doma las cuatri colonas dai cjantons, il tet, il plancum e la puarta dal stali. Taiâ, pestâ, seâ, bati, inclaudâ, ducj indafarâts e plens di buina volontât par costruî la mont. Passa una femina e a sint dut chel fracas e a ven a viodi, a è restada a bocja vierta, viodint il stali a jè inviada la ridarola, po, si capis a è lada a contâ a Ema dal Tuk. Apriti cielo! Dutas las maris vergognadas e displasudas, ce ratas che ai àn cjapât! A àn scuegnût disfâ dut, tornâ a puartâ in Prafermous e toli las breas che as mancjava a cjasa, dopo tornâ a fâ las ploncas e tornâ a regolâ dut coma prin. E finît il sium di vuadagnâ bêçs cu la mont!

E in che volta che ai erin lâts a finila in Zoufplan. Erin dongja dal lât e ai volevin fâ una barcja par traversâlu, a àn tolet un aip di purcit ormai vecjo che al ere di len, smaltât benon tas busâs cul ledan, dôs maces par remos, e via doi a provâlu. Cuant che ai erin un pôc slontanâts dal prât, l’aip si volta, i frutats cif e ciaf a tegnisi ingrimpâts tal aip, fint che chei altris ai son rivâts a sclaudâ dôs stangjas lungjas tas logjas e ai son rivâts cussì a cjapâsi e ai son rivâts a tirâju fûr da la aghe.

Silvia Puntel

 

Annunci

RIFLESSIONI DI FINE ANNO

marzo 9, 2009

E’ al termine di questo anno 2006 che mi rivolgo a voi, cari lettori del San Danel, per fare qualche breve riflessione su alcuni eventi che ci hanno caratterizzato in questo anno che sta per terminare.

Noi apparteniamo ad una comunità civile, ma anche alla Chiesa e tutti gli avvenimenti che accadono attorno a noi hanno un significato importante perché portano un messaggio che siamo chiamati a leggere e a capire per poter crescere sia come cittadini sia come cristiani.

Ho pensato di soffermarmi soltanto su alcuni fatti (naturalmente che riguardano la vita della Chiesa) che penso sia importante richiamare un momento alla nostra attenzione.

In parrocchia

La nostra chiesa. Dopo l’intonaco e la pittura esterna, si è completato finalmente, quest’anno il progetto di sistemazione dell’area circostante la nostra chiesa. Un bel lavoro, finanziato dalla Regione FVG ed eseguito dalla ditta Antonio Puntel. Ma ora dobbiamo incominciare a sistemare anche l’interno. Nel marzo scorso abbiamo fatto domanda alla Regione di un contributo per un nuovo soffitto, gli intonaci e l’impianto elettrico, per un totale di 90.000 euro. Purtroppo la domanda non è stata accolta e nel marzo prossimo saremo costretti a ripresentarla.

Il problema demografico. Un nato e già dieci morti, su molte case sta apparendo il cartello Vendesi e nessun cleuliano le acquista, molte ancora sono decrepite e cadenti dando l’impressione di un paese in decadenza, sono sempre più numerosi i giovani che formano famiglia fuori paese. E’ un segnale che incomincia a preoccupare, perché fino ad oggi Cleulis ha sempre dimostrato la sua vitalità, ma ora la sua popolazione sta invecchiando ed è passata sotto le 400 unità. Se è vero che noi vediamo i problemi del vivere quotidiano in un piccolo paese di montagna, è anche vero che spesso non valutiamo i rischi e le difficoltà della vita dove questa ci sembra più facile. Sarebbe un vero peccato che si disperda un patrimonio di storia, di cultura e di fede che generazioni di nostri antenati hanno sempre tenuto vivo. La speranza sono ancora quei bravi giovani, e per fortuna sono ancora tanti, che a Cleulis sono attivi e credono nel loro paese. A costoro vorrei dire di non scoraggiarsi, di stare uniti e di imparare a valutare anche quanto di positivo il nostro Cleulis può offrire.

La Cresima. Il 2 giugno scorso ben 56 giovani di Paluzza e Cleulis hanno ricevuto il Sacramento della Confermazione, dopo due anni di preparazione. So benissimo che è molto difficile impegnarsi per Cristo a 18 anni, quando il mondo che ci sta attorno cammina per ben altre strade! Anche se per molti di loro la Chiesa resterà estranea alla loro vita, noi continuiamo con passione e convinzione a seminare la Parola di Dio, come il Signore ci ha comandato. Siamo certi infatti che noi possiamo fare ben poco, ma Dio arriverà dove noi non possiamo arrivare. Comunque un appello a quei giovani cresimati è necessario: “ Ricordatevi di quel “sì” che avete detto al Signore in quel giorno. Ripetetelo spesso e acquisterete il coraggio e la forza per rimanere veri discepoli del Signore”.

In Forania.

Un gruppo di giovani. E’ da qualche mese che un gruppo di giovani provenienti dai vari paesi della forania di S. Pietro-Paluzza si incontra mensilmente in una delle nostre chiese. Davanti al Santissimo Sacramento si medita la Parola di Dio, si canta, ci si comunica le proprie esperienze di fede e di vita. Per ora si tratta di una trentina di giovani e si pensa possano aumentare di numero. Una iniziativa promossa dai giovani stessi e portata avanti da loro! Un dono che Dio fa alla nostra Chiesa, una testimonianza contro la mentalità comune e cioè che la fede sarebbe utile per i bambini e le persone anziane, ma non è proponibile ai giovani.

La morte di don Renzo. Anche il parroco di Cercivento, dopo 31 anni di servizio in quella parrocchia, ci ha lasciati. Era nato a Tolmezzo nel 1942 e ordinato sacerdote nel 1966. Dopo un breve servizio nelle parrocchie di Artegna e Villa Santina, nel 1975 è arrivato a Cercivento, forte del suo entusiasmo giovanile e della sua esperienza pastorale. Si è dedicato in modo speciale alla cura della chiesa e della liturgia, compiendo poi con meticolosità tutti quei servizi e ministeri che un sacerdote è chiamato a svolgere ogni giorno. Nel 2001, in seguito alla morte di don Attilio, aveva accettato anche la cura di Timau. Anche questa morte è un duro colpo alla Chiesa dell’Altobut. Basti pensare che nel 1978 nella nostra zona erano presenti ben 12 sacerdoti che voglio ricordare: Don Mario Monaco e don Giacomo Fabris a Paluzza, don Tarcisio Puntel e don Carlo Englaro a Treppo, don Amedeo Cusina a Ligosullo, don Renzo Micelli, don Giovanni Pitt e don Lodovico Morassi a Cercivento, don Guerrino Bulfon a Sutrio, don Carlo Primus a Cleulis, don Attilio Balbusso a Timau e infine don Lorenzo Dassi a Zovello. Oggi siamo rimasti in due a cui si deve aggiungere mons. M. Monaco che ancora, nonostante l’età avanzata, svolge un prezioso ministero nella Casa di Riposo di Paluzza.

Nella Chiesa.

Il papa a Regensburg.Mai avremmo pensato che una frase pronunciata dal Santo Padre a Regensbug, durante la sua visita pastorale nella sua terra di Germania, avesse infiammato il mondo musulmano fino alle minacce e alle ben note scene di violenza. In realtà il papa ha voluto porre alla nostra considerazione un grosso pericolo presente anche oggi: Se la fede e la ragione si escludono a vicenda possiamo cadere anche noi negli errori già commessi in passato. In nome della religione, infatti, si possono commettere violenze inaudite e si può arrivare ad uccidere anche in nome di Dio. Questa sarebbe una religione che non usa la ragione. Allo stesso modo in nome di un efferato razionalismo si può arrivare alle stesse conclusioni: basti pensare alla rivoluzione francese (La Dea Ragione) o al Comunismo. Le manifestazioni violente da parte del mondo islamico, originate da una citazione di un testo medioevale, ci hanno dimostrato che il papa aveva ragione: la religione non può essere qualcosa di irrazionale. Comunque questa esperienza ci ha fatto capire ancora una volta quanto gli equilibri fra gli Stati e le culture siano fragili e che il rispetto dell’altro non significa, come sta succedendo in Europa, perdere la propria identità.

La Chiesa italiana a Verona. Nell’ottobre scorso, la televisione ha portato nelle nostre case le immagini del Convegno  Ecclesiale Nazionale di Verona. In una parola, i cattolici italiani si sono incontrati con i loro Pastori (lo fanno in media ogni 10 anni), per interrogarsi sul loro essere cristiani in questo ventunesimo secolo, come rispondere alle sfide che la società oggi ci pone e in quale modo essere testimoni del Risorto. Se è vero infatti che il Signore Gesù ci ha offerto un messaggio valido per tutti i tempi, è anche vero che le condizioni sociali, culturali, economiche….cambiano e il cristiano si trova a incarnare la sua fede nel tempo. Oggi ad esempio la nostra società italiana sta diventando sempre più multirazziale. La Chiesa è chiamata a diventare missionaria, a portare il Vangelo sia ai nuovi popoli che approdano nella nostra Italia, che agli italiani che ormai in numero rilevante si sono allontanati dalla fede.

Verona ci ha fatto conoscere una Chiesa italiana ancora viva e soprattutto cosciente che il suo ruolo in questo nostro mondo è ancora molto importante.

E’ Natale.

Non posso concludere senza fare un, seppur breve, riferimento all’ormai prossimo Santo Natale. E’ la ricorrenza a cui anche i non credenti riescono ad intravedere qualcosa di quel Mistero che guida la storia umana. Noi cristiani sappiamo che quel Mistero è Gesù: il Dio che si fa Uomo perché ogni Uomo ritrovi la sua dignità di Figlio di Dio. E’ una grande occasione per noi, carissimi, per avvicinarci a Dio senza paura e senza ritrosia…perché incontrare Lui, significa incontrare l’amore.

Auguri vivissimi a tutti i cleuliani vicini e lontani!! Buon Natale e buon anno nuovo.

                                                                                                             Siôr Santul

                                                                                 don Tarcisio Puntel


SGUARDO SU GENTE, STORIE, CRONACHE DI CLEULIS E …DINTORNI

marzo 9, 2009

A cura di RENZA PUNTEL

21 luglio. Dibattito tra la Giunta comunale e la popolazione per discutere su problemi frazionali.

Queste, in sintesi, le tematiche affrontate dopo la premessa in cui, il Sindaco, afferma che i progetti e le idee sono tanti, l’obiettivo principale rimane quello di portare a termine  il programma già avviato dalla precedente Amministrazione.

·        Parcheggi – posti auto: sono state individuate alcune zone da destinarsi a possibili nuovi posti auto, la decisione definitiva viene rinviata a una successiva riunione (26 luglio).

·        Sdemanializzazione “Muses”: si registra un ritardo nella stipula dei contratti dovuta alla  mancanza, in questo periodo del segretario comunale, tale problema troverà un’adeguata risoluzione nel giro di alcuni mesi.

·        Acquedotto:si intende potenziare la rete idrica con l’individuazione di alcune nuove fonti d’acqua a cui poter attingere.

·        Neve: verrà steso un programma operativo in cui si darà la priorità alla pulizia della strada che porta a Cleulis alto, un’attenzione maggiore verrà riservata alle modalità di sgombero della neve accumulata.

·        Cimitero: la normativa che riguarda la gestione dei luoghi di sepoltura è stata recentemente modificata; si intende collaborare con altri comuni per una migliore attuazione delle norme previste.

·        Rifiuti: è in programma la realizzazione di una piazzola in località Moscardo, in prossimità della strada vecchia che costeggia il versante della montagna ad est; il problema dei cassonetti è in alto mare perché manca l’attrezzatura necessaria a garantire la raccolta differenziata nei vari paesi.

·        Elettrodotto: la proposta fatta dai comuni attualmente è quella di realizzarlo interrato o di ripristinare la vecchia linea dimessa del tarvisiano; c’è la possibilità di dover prendere nuovamente in considerazione, l’eventuale decisione di una realizzazione aerea in quanto una nuova società, la Burgo, si batte per ottenere l’elettrodotto.

 

21/ 22 luglio. Anniversario dell’eccidio in Pramosio. Santa Messa celebrata nella cappella costruita in memoria delle vittime, l’iscrizione “Perdonali perché non sanno quello che fanno”, trova un’ulteriore approfondimento nelle parole del sacerdote Don Tarcisio il quale, durante l’omelia, fa riferimento alla violenza delle guerre, ancora presenti in tante parti del mondo, al significato e all’importanza del perdono.

5 agosto. Solennità di S. Osvaldo. La festività del Santo Patrono rappresenta un punto di riferimento sia per la comunità di Cleulis sia per coloro che hanno origini cleuliane; è anche un momento di incontro tra generazioni che offre spunti di riflessione sul valore che ognuno può aver dato o può dare alla propria esistenza. Nel primo pomeriggio, si è svolta la processione per le vie del paese con la statua del Santo che è riuscito, come per tradizione, a intercedere a favore del bel tempo.

17 settembre. Corsa in montagna. Gare di corsa in montagna, organizzate dalla locale società polisportiva e svoltesi ugualmente nonostante la pioggia; per i più piccoli, proprio a causa del maltempo, l’appuntamento è stato rinviato al prossimo anno.

4 ottobre. Asfaltata la piazza del paese.Asfalto nuovo in Piazza della Vittoria dopo i lavori di sistemazione della rete idrica, ciò permette un’agibilità più sicura e un impatto visivo decisamente più consono.

8 novembre. Inaugurazione ufficiale del nuovo ponte sul Bût. Sono dunque terminati i lavori per la costruzione del nuovo ponte in località Laipacco che consentirà, grazie alle dimensioni più ampie, un maggior deflusso delle acque, scongiurando pericoli di tracimazione delle stesse, durante gli eventuali periodi di piena.


NOI BOEMI, SENZA PATRIA NE’ CASA

marzo 9, 2009

Nostra intervista alla compaesana “Beta”. Il racconto della sua avventura di profuga, costretta all’esilio dai progetti del fürer. Con questa testimonianza toccante, la drammaticità di quel momento storico e di chi è stato costretto ad abbandonare tutto. Era il 1945 e non si parlava ancora di “pulizia etnica”

15 marzo 1939 Hitler invade la Cecoslovacchia e si annette gran parte del territorio. Quante volte a scuola abbiamo sentito parlare della “questione dei Sudeti” come una tra le tante cause che portarono alla seconda guerra mondiale? La cessione della regione entrava a far parte della strategia punitiva dei vincitori contro la Germania nel primo dopoguerra. La Boemia, abitata da tempo immemorabile da popolazioni di lingua e cultura tedesca (3 milioni di Tedeschi, quasi un quarto della popolazione), fu ceduta col trattato di Saint-Germain alla Cecoslovacchia (10 settembre 1919), senza alcun plebiscito che tenesse in conto quali fossero i reali desideri dei germanici ivi presenti da tempi immemorabili.  La questione dei Sudeti fu uno dei tanti cavalli di battaglia del führer e fu dopo l’annessione dell’Austria nel 1938, Hitler continuò quella che egli chiamava “la riunificazione di tutti i popoli germanici” ai danni della Cecoslovacchia. Un piano disastroso che non avrebbe portato la pace in quella regione, già percorsa fin dal ’19 da forti tensioni etniche, che si riacutizzarono con la sconfitta del Reich nazista, disfatta che segnò il destino di più di 300mila tedeschi boemi costretti all’esilio. Alla fine della guerra, senza alcuna colpa, che non fosse la loro origine, i tedeschi furono costretti ad abbandonare le terre, le case assieme ai loro averi e ad andare profughi senza meta definita in una Germania al collasso. E i Sudeti finirono nella zona d’influenza russa.

Ho sempre pensato che i libri si lasciassero scrivere, soprattutto quelli di storia, e quando ne ho avuto la possibilità, ho preferito parlare con le persone che hanno vissuto sulle loro spalle determinati periodi storici, le persone che hanno subito impotenti le decisioni prese “ai piani alti” senza poterci fare nulla, solo adattandosi e tentando di sopravvivere.

Oggi ho la fortuna di parlare con una nostra ormai compaesana da tanti anni che in Boemia ci è nata ed è dovuta andarsene forzatamente. È la nostra Elisabeth (la Beta) che ci racconta un pezzo di storia, la sua storia e che ci permette di guardarla anche da un’altra angolazione, quella del popolo tedesco.

La patria natia le è rimasta nel sangue, lo si capisce subito entrando in casa sua. Alle pareti la foto di lei bambina con le calze di lana grossa fatte dalla nonna, i capelli a caschetto, le foto dei parenti, la foto della sua casa là, in quella che ora è la Cecoslovacchia (anzi dopo le scissioni è tornata ad essere Boemia), e poi una riproduzione di una cartina geografica che indica ancora la zona coi nomi tedeschi, le varie province coi vari stemmi.

Faccio subito una gaffe madornale iniziando l’intervista chiedendole se lei è cecoslovacca, gentilmente ma con fermezza mi fa notare che lei è germanica, come – orgogliosamente dice – lo è sempre stata tutta la sua famiglia. Mi scuso e inizio.

Quando e dove è nata precisamente?

«Sono nata nell’ottobre del 1932 in Boemia e precisamente a Neugramatin vicino Bischofteinitz (oggi Novy Kramolin, ndr) nei Sudeti, nel cuore della Selva Boema. La nostra regione era, all’epoca, molto famosa per le terme. Conservo ancora una cartolina del 1919 che mostra il panorama del mio paese, la scuola e l’osteria; dietro la dicitura è in tutte le più importanti lingue europee, comprese l’inglese e l’italiano. Era un paese di contadini. La regione era un po’ il cuore della Germania di allora, come lo era stata dell’impero austro-ungarico prima. Il mio paese natale e la mia casa sono l’ultimo pensiero quando vado a letto alla sera. Mi è rimasto nel cuore e ne sento la nostalgia. Dopotutto ho dovuto lasciarlo forzatamente 50 anni fa. Se la distanza fosse meno grande vi andrei spesso».

È mai ritornata?

«Sì, vi andai dopo la caduta del muro e precisamente nel 1990, quando vivente ancora mia madre. Prima ci voleva, oltre il passaporto, anche il visto. Tranne la lingua, è rimasto pressappoco tutto uguale, compresa la casa, oggi abitata da cechi. Quello che mi ha fatto molto piacere è stato vedere che i cechi non hanno tolto il numero civico, il 7, il nome di mia madre e la data 1937».

Cosa si ricorda di quel doloroso espatrio?

«Abbiamo dovuto abbandonare tutto, ci hanno intimato di andarcene perché quel territorio non era considerato più nostro. Noi eravamo tedeschi di lingua e cultura e dovevamo andarcene. Non c’erano altre motivazioni, era solamente la nostra origine. La nostra casa era su un laghetto, era stata terminata nel 1937 e neanche dieci anni dopo abbiamo dovuto lasciarla per sempre con tutto quello che conteneva. Così come abbiamo dovuto lasciare i terreni, 12 ettari per la maggior parte coltivati a granoturco e a segale, e poi avevamo i cavalli, i maiali, le mucche e le oche. Legato a queste ultime ho dei bellissimi ricordi, quante volte sono dovuta andare a raccoglierle nel lago e quante volte ci sono scivolata dentro. La casa doveva essere ceduta a qualcun altro. Ci siamo portati via quello che riuscivamo. Mi ricordo ancora la mamma che mi legava le lenzuola attorno alla vita nel tentativo di portar via almeno quelle. Ci avevano promesso che avremmo passato un solo anno fuori e poi saremmo ritornati … sono passati 60 anni! Non dimentichiamoci che durante la dipartita eravamo solo donne e bambini, gli uomini non c’erano, non eravamo neanche sicure di dove fossero. Alcuni non ressero alla notizia di dover abbandonare e avviarsi a un destino ignoto e si suicidarono prima del viaggio».

Come fu il viaggio? Dove vi portarono?

«Ci misero su un treno merci, stipati all’inverosimile e i più vecchi avevano già in mente lo spettro della Siberia. Girovagammo in giro per la Germania per un po’ di tempo, con tutti i problemi che c’erano, noi eravamo uno dei tanti. Inizialmente ci ospitarono in varie caserme e poi col tempo ci sistemarono. La Baviera ci accolse come una mamma. Dopotutto erano i nostri vicini di casa, stessa stirpe, stessa cultura. Andammo a vivere in una casetta in affitto e ivi rimasi fino al 1956».

Chi degli alleati arrivò nella vostra zona?

«Arrivarono gli americani. Entrarono col carro armato nel nostro giardino. Mi ricordo ancora la paura che ho provato vedendo i primi uomini di colore che avessi mai visto, scappavamo terrorizzate. Ma capii subito che non avevano cattive intenzioni, mi accarezzavano la testa chiamandomi “Baby” e ci offrivano pane bianco. Fu il primo pane bianco che vidi. Noi bambine correvamo a prendere le uova e loro se le facevano semplicemente poggiandole sul carro armato bollente».

E i russi? Cosa sentivate dell’avanzata russa?

«Si sentivano le peggiori cose. Eravamo tutti molto preoccupati dell’avanzata sovietica, specialmente per le notizie che circolavano. Le donne poi erano terrorizzate, si sapevano i comportamenti dei russi nei loro confronti. Ingenuamente i vecchi rimasti in paese avevano sbarrato le strade con dei tronchi per rallentarne l’avanzata, figuriamoci a cosa potevano servire davanti ai carri armati».

Cosa si ricorda della guerra? Come la vivevate?

«Stavamo abbastanza tranquilli. Il nostro era un piccolo paese e non aveva interesse strategico per cui venne risparmiato sempre dai bombardamenti, anche se l’eco di questi ci giungeva dalle città vicine. Avevamo il coprifuoco e ci rifugiavamo in cantina durante il passaggio degli aerei alleati. Non abbiamo mai sofferto la fame perché vivevamo dei nostri prodotti. Poi dalle città arrivavano sempre degli studenti ad aiutare nel lavoro i contadini. L’organizzazione nazista li obbligava, durante i loro studi ed essendo troppo giovani per arruolarsi, al lavoro dei campi per dare una mano all’economia dello stato. Gli uomini naturalmente erano al fronte e alla stretta finale venivano arruolati anche i ragazzi per la formazione denominata “Gioventù hitleriana”. Anche a me avevano dato la divisa – mai usata dato il quasi contemporaneo tracollo della Germania – gonna e camicia blu. Il mio patrigno, tornando dalla Finlandia, diceva chiaro che la guerra non l’avremmo vinta. Noi eravamo troppo piccole perché ci spiegassero realmente e chiaramente quello che succedeva».

E dopo?

«Nel 1956 trovai un posto di lavoro a Basilea. In Svizzera gli stipendi erano più alti e decisi di ripartire. Nello stesso anno anche il mio futuro marito, Ernesto, arrivò a Basilea. Ci conoscemmo lì, ci sposammo e nel 1959 giunsi in Italia. Ciò che mi colpì subito fu la lingua italiana. Mi ricordai che mio nonno diceva tante parole in italiano e mi sono fatta l’idea che le avesse imparate sul fronte della prima guerra. Il nonno faceva parte all’epoca dell’esercito austro-ungarico».

Vedevate italiani in Boemia prima del guerra?

«Mi ricordo dei cramârs e della loro crassine stracolme di mercanzia, anche se non sono sicura della loro provenienza. La nonna acquistava da loro la lana per farmi le calze. Ero però troppo piccola e ne ho solo un vago ricordo, un sium».

A distanza di 60 anni, una riflessione su quello che è successo.

«Penso spesso al dolore delle persone più adulte nel lasciare le loro cose. Io avevo 14 anni e le mie sorelle erano ancora più piccole e probabilmente non ci rendevamo completamente conto di quel che stava succedendo. Ancora oggi mi chiedo che colpa avevamo, d’accordo eravamo germanici e la nostra sola colpa era di avere avuto un dittatore come Hitler, ma cosa avremmo potuto fare? Mia nonna si chiedeva se questo era il modo di trattare un popolo, togliendogli tutto, sarebbe stato meglio – diceva sempre la nonna – che ci avessero tassati, ma non costringere un intero popolo all’espatrio, fu disumano. Dopotutto il popolo tedesco non era dissimile dagli altri, anche noi subivamo dall’alto le decisioni e anche noi abbiamo sofferto come tutti gli altri. Sbagliato è stato togliere a noi i Sudeti, tradizionalmente abitati da popolazione di lingua e cultura tedesca e non tenere in alcun conto delle esigenze della gente. Certo Hitler era matto, voleva il mondo intero, sarebbe stato giusto che qualcuno lo avesse ucciso prima che ci portasse al disastro e provocasse in noi tanto dolore. La guerra ha portato solo dolori e tristezze».

Sara Maieron


GIOVINS CJANTERINS GASTONOMIA E AGONISMO

marzo 9, 2009

Cleulis partecipa al Palio e non delude

Il 12 e 13 agosto abbiamo partecipato alla manifestazione estiva che tutti gli anni anima le viuzze di Paluzza e che accoglie oltre alle persone che vivono nei comuni limitrofi anche molti friulani e turisti provenienti da diverse regioni italiane o dal mondo: il Palio das Cjarogiules. E’ stata l’occasione in cui Cleulis – dopo tanti anni –  ha voluto di nuovo essere presente a una manifestazione di tale spessore, non senza alcune iniziali perplessità, dubbi e piccole difficoltà, superate poi dall’entusiasmo, dalla buona volontà e dall’impegno di tutti i zovins del paese. Nella mattinata di sabato, sotto una pioggia battente, i oms del gruppo si sono volenterosamente prestati per montare i gazebo e la casetta di legno gentilmente prestataci dal Circolo Culturale. I lavori erano iniziati!! Nel primo pomeriggio las femines hanno allestito tutto il resto, abbellendo lo stand con oggetti della tradizione carnica come il zei, il sampogn, las bales dal fen e la brene.

Abbiamo organizzato al meglio il reparto cucina e la casetta di legno che fungeva da bar e tra una corsa e l’altra alle ore diciannove circa il chiosco era in piena attività. Il menù che offrivamo era composto dai blecs, toç di braide, polente e formadi frant oltre alle immancabili petes fatte in casa che hanno ingolosito il palato di molti, pronti ad assaggiare queste specialità tipiche dei nostri nonni. La bella serata, animata dai nostis sunadôrs con la preziosa presenza di Gjenesio ha avuto termine intorno all’una di notte. Anche la domenica è stata una giornata di inteso lavoro e con il tempo finalmente a nostro favore abbiamo riaperto i battenti. A mezzogiorno tutti a degustare un buon piatto carnico allietati dalla musica folkloristica e dalla simpatia das “Buteghes Viertes”, un gruppo di ragazzi di San Daniele che ha contribuito a creare un’atmosfera gioiosa nel nostro chiosco. Intanto, varie esibizioni organizzate dai “Giovins di Chenti” di Paluzza hanno intrattenuto tutti per le vie e le piazze del paese. Alle diciotto, sfilata dei figuranti in costume seguiti dal vessillo della manifestazione e dalle contrade partecipanti, rievocazione storica nella piazza principale e inizio delle gare del Palio terminate alle otto di sera con il tanto atteso “Palio das Cjarogiules”. Mentre parte di noi partecipava alle gare (in cui tra l’altro Cleulis ha fatto una ottima figura piazzandosi al quarto posto), il nostro stand, con grande sorpresa da parte di tutti noi, pullulava di gente che voleva assaggiare i nostri gustosi piatti. E’ stato per noi motivo di grande soddisfazione poter accontentare le loro richieste.

Alle ore undici spettacolare magia dei fuochi d’artificio e anche questa serata è terminata alle due di notte tra canti e balli. Ancora una volta la gente ha apprezzato quanto stato fatto con complimenti di ogni genere e spronandoci a proseguire sempre così uniti. Un ringraziamento di cuore a tutti coloro che ci hanno dato una mano per i dolci, a Bepo per il seon, al nostro ‘vicino’ Tita che ci ha ospitato non ponendo limiti alla nostra inventiva e a chi ci ha da sempre sostenuti in qualsiasi maniera moralmente e materialmente non escludendo nessuno, a Fabio sostenitore del nostro gruppo, che da lassù sicuramente “al à butât il vouli” e a cui in quest’occasione è andato il nostro pensiero.

ale domenicale. Concludendo rinnoviamo l’invito a tutti coloro che volessero “dâ una man” a unirsi al gruppo, perché il paese sia una realtà sempre più viva. Ringraziamo tutti i cleuliani per l’apprezzamento dimostrato nelle proposte finora realizzate. Il loro supporto è per noi indispensabile, ci incoraggia a proseguire sulla strada avviata. Da tutti noi giungano a tutti i compaesani vicini e lontani i nostri migliori auguri di buon Natale.

Giovins cjanterins