PLACCIS, CURVA NORD

marzo 9, 2009

Anche a Cleulis, notte mondiale. I più sfegatati sotto il tiglio.

Alla fine dovremmo tutti fare un passo indietro e riconoscerlo. Chissenefraga della Caf, di Ruperto, di Moggi e della Juve che se ne va in B con meno trenta. Chissenefrega delle arringhe, del pm Palazzi, delle retrocessioni, del sistema a piramide Moggi – Giraudo – federazione, designatori e arbitri. Chissenefrega della giustizia sportiva, dei ricorsi e della Uefa che incombeva. Chissenefrega di Guido Rossi e di calciopoli. Alla fine, almeno per una sera, anche i tifosi più sfegatati di Cleulis avranno messo da parte il dente avvelenato. Una volta tanto, niente rivalità del tipo: che puzza che tanfo la juve entra in campo (cioè dico juve perché è la prima che mi viene in mente, tanto per me son tutte uguali). Per una volta, il cuore sportivo del paese si è unito in un unico grido: forza azzurri! Sfegatati come non mai, bardati dei più stravaganti e variopinti colori, anche il nostro paese non si è sottratto al blasonato rito dei caroselli, come nel resto d’Italia. E tra urla a schiamazzi, i “pooo-po-po-po-po-poooooo-ro” si son sprecati dopo l’ultimo dei rigori. Per la cronaca spiccia, i punti di ritrovo erano tre: il nuovo bar di Pakai, l’habitué “Al cacciatore” e – novità assoluta, che gli americani non esiterebbero a definire luogo “cool” del momento – il maxi schermo issato a Placcis. Qua, pareva di stare all’Olimpico, curva nord. Con Arnaldo, padrone di casa, capopopolo e indiscusso capo ultras a ritmare gli slogan, anche se non aveva spranghe in mano e non c’erano poliziotti in tenuta antisommossa. La notte, riferiscono, è stata magica. Aggiungerei: inseguendo un goal, sotto il cielo di un’estate italiana, per dirla in canzonetta. Oddio, delirio. Gli affezionati del tiglio di Placcis hanno dunque rotto il tabù. Una sterzata al passato: erano anni che non si udivano schiamazzi e urla del genere. Almeno dai tempi del coprifuoco imposto dal mitico Ettore, che non tollerava, il minimo “blec” né prima, né dopo il meriggio. Non so perché, ma quando Zatta mi ha raccontato che fermentavano i preparativi al terminal di via sant’Osvaldo, io ho pensato proprio a lui, al mitico Ettore, a come avrebbe reagito un simil affronto. E poi mi è venuta in mente l’ancor più mitica Tecla e la sua Inter. Non avrebbe di certo sfigurato seduta in prima fila a vedersi le imprese di capitan Cannavaro & Co. o il goal di Materazzi. Con il suo tifo, forse, non sarebbe stata seconda a nessuno, neppure allo scapestrato Andich. Con la fantasia, me li immagino, in quella magica notte, loro due, degni tifosi delle avversarie cugine ambrosiane, avrebbero sicuramente gioito insieme, cantato l’inno di Mameli abbracciati e in piedi, in religioso rispetto. Trepidato alle imprese di Zidane e alla roulette dei rigori. E – azzardo, tanto siamo in fantasia – con l’autorizzazione di Ettore. Onore alle tre tifoserie di Cleulis: replicherete per gli europei? Tutte queste cose le scrivo come me le hanno riportate. Tante grazie per l’invito ma ero impegnato altrove. Io che sto al pallone come Cassano sta alla grammatica italiana, cioè una cippa lippa, devo confessarlo: mi rode il fegato non esserci stato. Ma vi rendente conto? Mi sono perso le notte mondiali di Cleulis. L’evento dell’anno. Avvolto nel tricolore, con la faccia pastrocchiata di verde-bianco-rosso, anche a me è venuta la voglia di alzare le braccia al cielo e gridare: «Chissenefrega di Moggi».

Oscar Puntel

Annunci

f IL PREDI IN DI DI VUEI NOL E’ COMA ÎR

marzo 9, 2009

Tant che un “inviât speciâl” vin mandât la nosta Silvia Puntel a seguî par unna dì i impegnos dal predi di Cleulas, don Tarcisio. A à scuviert che …

Beh, cumò fâ il predi al è di sigûr cambiât, come dut dal rest. Si po’ dî che a son tancj mûts di fâ il predi (cussì ogni mistîr, profession o vocazion). Ai son i predis che a si son adeguâts al mût di vivi di cumò, o che a lu fassin come se al fos doma un lavôr, e alora ai àn una macchinona, a si tolin la zornada libara via pa setemana par pousâ, o “hobbies” da seguî, ai van in ferias, rarementri cu la tonia, i plui a si vistissin come duta la zoventût – forsit una crosuta par prontapet – e parfint “firmâts”. Ai àn mil interès e impegnos al infûr das lôr competences e pocja disponibilitât as esigjences dal popul, ma sigûr vierts a ogni novitât (a disin par vegni incuintri a int…). Ma a vûl una misura. Capìs stâ al pas cul progrès, ma no dismenteant che la leç di Diu a è simpri chê e che cun Lui a no’nd é compromès di sorta. Mi sta ben sa sta ta norma, encja lôr ai son oms, ma jo pensi che l’esterioritât seti il spieli dal interioritât e fâ dal predi una profession di comut no seti l’esempli miôr. Ma vegnin al nosti predi don Tarcisio e cemût che a gno parei al è predi fra di nô. Prin di dut, lui nus à det tancj viaçs che ai sarès plasût fâ il missionari, ma il disegn di Diu par lui al ere sì chel di esaudîlu, ma ta sô tiera, in mieç da sô int. Cui mai lu voressia det. Mi sei toleta il timp, par una zornada, di seguî i siei impegnôs. Savìn za che tal comun di Paluce al è restât bessôl a servî cuatri paîs. Paluce (cun Testeòns, Naunine, Denglâr), Riu, Cleules e Temau. La so sede a è duncje a Paluce, ta cjase canoniche. Al vîf cun sô mari che aromai a è dongja ai novanta. Jê cun duta la sô buina volontât e grinta a fâs plui di ce che a podarès par cjase, ma soredut a è il so pont di riferiment. Al cjata simpri la puarta vierta cuant che al torna dongja: compagnie, confuart, sfogo, ai fâs da segretarie dal telefono e se a ven cualchidun cuant che a nol è a lassin a jei las lôr missivas. Nol à la perpetua ma a è int di buina volontât simpri pronte a dâ une man tai servizis e impegnôs pesants.

La zornade.

Duncja viers las sîs la svee, po dopo dôs o plui messas in dì, cà e là tas parochias, la che al riva in ogni timp e stagjon, cu la sô Panda, una tabaiada cun un o chel altri che a lu fermin pa strada: las oras as svualin. Al rientri simpri cualchidun al à dibisugna di lui par mil motîfs. Gustâ sì e no in presse, e dopo si torna intal ufizi par une infinitât di impegnôs, burocrazie, aministrazion, visionâ conts, bêçs, cjartas di ogni sorte par lavôrs, progjets, contribûts, incuintris cui colaboradôrs di ogni paîs, dutrina, inzornaments par cirî di vegni incuintri a ducj tal mût miôr, partecipâ a dibatits, cunvignes, riunions sul teme dai valôrs e insegnaments cristians. E incjemò, visitâ malâts e chei che ai àn bisogna di confuart e par i mil problemas che a si presentin noi resta propit il timp par tirâ il flât. Ogni tant i impegnôs lu puartin fûr sede, alora a si ingruma dut. Jenfri via, cualchi biela ocasion par festegjâ matrimonis, batisims, ricorences … o al contrari funerâi e disgracies, la che la sô presince a è indispensabil. E l’inseparabil celulâr che al suna in ogni moment. Prin di lâ tal jet devant dal computer a visionâ la pueste eletroniche. A svualin las setemanes, i meis, i agns, e don Tarcisio a no si inacuarç che ancje la sô vite a svuale vie e la sô salût. Noi resta timp par pensâ par se a ricaricasi. Al dà duta la sô disponibilitât, ma no ducj a capissin se ogni tant a nol riva a contentâju, se al scuen ingrumâ batisims, comunions, se al pos presenziâ as messas das solenitâts (Pasca, Nodâl, etc.) un viaç par paîs, o pûr anticipâ o posticipâ di cualchi banda, no simpri al po jessi presint par ognidun al moment just. Jodin la vita che al fâs, disin di capilu, però se vin una esigjence personâl, magari pratindin che al fasi una ecezion.

Il caratar e las manies.

Al à una special vocazion par judâ i plui bisugnôs, ancje economicamentri, e no simpri al sa capî la difarence jenfri chei che ai meritin e chei che a si aprofitin. Al misura ducj cul stes metro, al dîs che al sta a lui sielzi e judicâ, la responsabilitât a è das personas cun cui che al à  a ce fâ. E in veretât al à cjapadas di cjantonadas! Nol sarà mai un predi di bêçs, a si ten si e no il necessari e in chest mût no i resta sigûr nancje un carantan. Pensâ che parfint plui di una cjadenuta daur cul Crist che ai vevin regalât al à gjavade e dade vie. Cuant che al ere a Trep al à riscjât l’esauriment pai Albanês, cjapant sora ancje ingratitudine. Al à finanziât i studis di seminariscj rumens. Si fâs in cuatri par sistemâ cui che al ven di lontan par cirî fortuna chi da nô. A sa cjapâ propit a cûr parcè che tal nosti paîs di emigrants, al sa cetant che la nosta int a à patît cheste cundizion di îr. Po’ tal sanc al à chê di sburî fûr la storie dal nosti paîs (e no doma dal nosti). La storie das fameas che par vecjo a si incrosavin, sui sorenons, sul mût di vivi tradizions, par una miôr conosince das nostas radîs. Al è un archivi vivent, il pont di riferiment di ducj chei che a vulin savei alc di plui da storie dai lôr antenâts. Dut chest lu à puartât a cerî, contatâ, tresmeti a tancj aitis la voie di savê dulà che a si son sbarniçâts i clevolans, in lunc e in larc pal mont. Aromai ai à tant cjapât la man che a nol riva plui a stâ daûr par dâ informazions in mût che a si sintino peâts tal grop. Dai prins ai son stâts chei dal Brasîl, i nevôts di chê int che a cjaval dal Votcent e Nûfcent ai son rivâts a là. Dopo vei contatât don Carlo (torn dal 1980) ai son passats a don Tarcisio che al à començât un scambi fintramai al invît reciproco di cjatâsi. Une prime volte don Carlo, don Tarcisio e don Danilo ai son lâts là jù e po dopo i brasilians ai son vignûts achì. Da chest il leam al si è simpri plui rinfuarcât, tant che ai an volût chel incuintri di l’an passat che ducj savês. Si intropin simpri di plui e a si cirin jenfre di lôr par sintisi clevolans in ta chê tiere lontane. Don Tarcisio al veve però simpri une sbissie: che a nol è rivât a viodi a gjerminâ nissune vocazion a Cleules sot di lui. Don Celso al à vût: don Carlo, don Franco, don Tarcisio, suor Ermanna, suor Giocondina e suor Ernestina. Da trentacinc agns dopo nuiati. Lât in Brasîl, chest ultin viaç, no aial cjatât un zovin che al vores vût la vocazion, ma a nol veva la pussibilitât di lâ in seminari? Det e fat, savût che al vorès vût la disponibilitât di vignî a ca vie, apena che al à podût lu à fat vignî, finanziant lui i studis, e magari dato la mancjance, cul aiût di Diu, cuissà che a nol podi jessi propit chest fantat il nosti pastôr di doman.

Las funzions religjosas.

Tas funzions cul so mût sempliç e sclet al sa dâ simpri la justa impronta di solenitât seti in ta forme, che ta sostance. Cun partecipazion e impegno al fâs simpri dal so miôr, tant che tancj forest a si sorestìn e a nus disin fortunâts par vei un predi cussì disponibil sì, ma ferm tai principis dal Vanzeli, soredut cu l’esempli e cence superbie. Chest al è il predi don Tarcisio: ma al è encje om e coma ducj, cui siei difietuts. Specilamentri cuant che al è cjamât e al à parât jù cualchi raspat di masse e ai finìs la pazience, dal altâr alore al tone e come un burlaç al manda saetàs di ogni bande. Eh! Cuant che al vûl… al vûl. Se il trop al comença a sbandâ, a dî che al è anticuât parcè che a nol mola dulà che ai volarès, par podei fâsi una religjon di comut, cemût che a è la mode di vuei – speciamentri tai Sacraments ai àn doma pretesas e pôc rispiet – lui propit a nol sta e a si fâs sintî a so mût! Podìno dâi tuart?

Coragjo don Tarcisio, cji augurin di fâ incjemò un bon toc di strade in nosta compagnie, perdoninus se ogni tant no sin cemût che tu nus volarès; in font tu seis dai nostis e cui miôr di te podial capinus? Vei pazience che Diu, che dut al sa, sigûr al ti judarà e come la storiuta das ormas sul savalon, al ti cjaparà su pa schene tai tocs di plui dificoltât.

 Silvia Puntel


30ANNI FA IL SISMA CHE SCONVOLSE IL FRIULI

marzo 9, 2009

Storie desunte dal racconto vero di alcuni che-a modo loro-videro e vissero direttamente quella tragedia. Ecco come reagì il nostro paese.

Tre punti di vista differenti che messi insieme danno l’immagine di quello che successe per chi trent’anni fa non c’era ancora e che, volente o nolente, è figlio di quel terremoto. Esso segnò – nel bene e nel male – lo spartiacque per la storia della nostra terra; fu un evento talmente grande da cambiare il corso degli eventi, delle nostre tradizioni e cultura, della nostra economia. 

CATASTROFICO TERREMOTO IN FRIULI

«Alle ore 21.06 una scossa sismica del ottavo grado della scala Mercalli ha devastato Majano, Buia, Gemona, Osoppo, Magnano, Artegna, Colloredo, Tarcento, Forgaria, Vito d’Asio e molti altri paesi della pedemontana. Generosa opera di soccorso per estrarre le vittime delle macerie. A Udine e in tutti i centri della regione una notte di paura e di veglia all’aperto.L’alba ci mostra i segni dell’immane disastro».(dal Messaggero Veneto del 7 maggio 1976) 

Una donna.

Era un giovedì di maggio, la primavera era ormai avanzata e l’anno prometteva bene. Sdraiata sul divano, sola, seguiva uno dei soliti programmi serali alla tv. Erano pochi mesi ch’era entrata in quella casa, un dolce sopore la invadeva, non riusciva a capire se per il gran caldo o per l’ormai imminente fine della gravidanza. D’un tratto l’atmosfera cambiò, la tv se ne andò così come d’improvviso la luce. Il mondo intorno tremava, sussultava, si muoveva, gli oggetti vivevano di vita non loro e l’aria si riempiva dello strepito degli animali legati alla catena. Le si bloccò il respiro, le gambe erano incapaci di muoversi dalla loro posizione paralizzate dal terrore, i brividi le scesero lungo la schiena. Erano da poco passate le nove di sera, per interminabili secondi il mondo attorno si ribellò al controllo dell’homo sapiens. La casa così abilmente costruita, cigolò sotto l’urto di una forza immane che nessun uomo avrebbe potuto controllare. La testa era vuota, confusa, la ragione non riusciva a comprendere cosa stesse succedendo, la terra intorno era sossopra. Poi, com’era subitamente nata, quella forza cessò e l’ambiente d’attorno tornò muto e immobile. La catastrofe era avvenuta senza che l’uomo avesse potuto evitarla, controllarla, fermarla e il vero dolore doveva ancora venire. Esso sarebbe venuto nei giorni seguenti con le parole dei giornalisti, dei cronisti inviati sul posto, delle foto e immagini che sarebbero iniziate a circolare, muta testimonianza dell’impotenza dell’uomo sulla natura. Qualcuno chiamò al di fuori del portone di casa (in quei giorni sempre spalancato per il gran caldo) e lei si riscosse, a fatica scese dal divano – da cui durante la tragedia non era riuscita ad alzarsi e nemmeno a muovere muscolo – s’affacciò su una figura trafelata, spaventata e che tuttavia – al contrario di lei – era riuscita a scappare, a muoversi, a reagire al destino che si era abbattuto – lo avrebbe saputo poi – su tutto il popolo friulano.

Gli uomini.

A Madesimo si viveva la solita giornata di lavoro nel cantiere. Il gruppo era formato da circa una decina di friulani. Quel giorno sembrava come tutti gli altri, otto ore di lavoro nell’atmosfera che preannunciava l’ormai imminente stagione estiva. E pur tuttavia quelle ore sarebbero poi rimaste come un amaro ricordo impresso nella loro memoria. La dolorosa notizia li colse alla sprovvista (del resto chi può dirsi preparato a tali eventi?), talmente di sorpresa che la presero quasi sottogamba. L’autista si era rivolto a loro con una semplice e quasi banale domanda, quasi a tastare il terreno, a non voler essere lui direttamente a dare la notizia, a voler sentire da loro, sperando che loro già sapessero: «Avete sentito cos’è successo in Friuli?». Una domanda che conteneva già in sé una specie di attesa della catastrofe, dell’imminente tempesta, ci si aspetta sempre il peggio da una domanda così. La risposta negativa fece dire all’autista solo lo stretto necessario. Rispose ai lavoratori che ora lo guardavano stupiti con due parole, raccontò loro il meno possibile, tentò di essere telegrafico come un comunicato stampa. Quello che avrebbe dovuto dire loro non lo disse, non se la sentì … Il Friuli era in ginocchio trafitto da una catastrofe immensa, disumana, che colpiva una terra già avara di ricchezza e soddisfazioni, una terra di emigranti lavoratori. Una terra quasi sconosciuta all’Italia perché non aveva mai dato problemi, lavorava, pagava le tasse e basta, il Friuli era sempre stato tutto lì. Ma l’Italia e il mondo avrebbero conosciuto quella piccola porzione di nord-est e l’avrebbe – purtroppo –  conosciuta attraverso le immagini della desolazione e della distruzione ma anche attraverso la dignità di quel popolo che subito si rimboccò le maniche e rifece, ricostruì, rimodellò. Telefonarono a casa gli operai, o almeno ci provarono, una, due, tre volte, poi si resero conto che era impossibile chiamare, sapere qualcosa e il giorno stesso partirono a vedere quel che era successo, a cercare i loro cari, i loro averi, il loro focolare. Attraversarono il Friuli con diverse variazioni di percorso imposte dai soccorritori, deviando attraverso le campagne non vedevano lo sfacelo che si era consumato, il disastro divenne palese solamente quando giunsero in una dei paesi più colpiti, Osoppo. Le rovine erano dappertutto ma la macchina dei soccorsi era già in moto. I sopravissuti si davano da fare, scavavano con quello che avevano, per recuperare i loro cari dispersi sotto i calcinacci di quelle ch’erano state le loro case, i loro pochi averi, scavavano con la determinazione di chi vuole farcela, di chi sfiderà l’avverso fato ancora una volta. Quegli uomini seduti sul furgone che guardavano attoniti un paesaggio devastato, irriconoscibile, si rendevano ben conto delle difficoltà e dei sacrifici che avrebbero dovuto sopportare per rifare tutto, per riportare tutto alla normalità, ma a nessuno di loro venne mai in mente di lasciare la loro terra, di arrendersi di fronte a una natura perversa e cattiva. Loro sarebbero stati gli artefici di quella ricostruzione che tutto il mondo in un secondo tempo elogerà e prenderà a modello. Loro verranno esaltati per il coraggio, l’abnegazione, con cui rifecero com’era e dov’era, sfidando la natura, il destino avverso, con la dignità dei veri uomini.

All’estero.

In un  tranquillo sobborgo di Philadelphia un uomo, nel pomeriggio di un giorno qualunque, faceva zapping tra un canale e l’altro tentando di vincere la noia. Spesso si alzava dalla poltrona per fare qualche lavoretto inutile, così tanto per passare il tempo, aspettare i figli e la moglie che sarebbero rientrati di lì a poco. Erano ormai più di vent’anni che si era stabilito negli Stati Uniti e lì aveva fatto fortuna, costruito una famiglia. Aveva lasciato la sua terra da adolescente e si era subito integrato nel nuovo mondo assorbendo usi e costumi, ma talvolta lo prendeva una malinconia sottile per la terra natìa al di là del grande oceano. Si sentiva comunque friulano e italiano a tutti gli effetti e quando i suoi figli nelle sfide sportive che spesso avvenivano tra Italia e USA parteggiavano per l’America, si infuriava, sbraitava ed era giunto a picchiare il figlio minore che si ostinava a fare il tifo per un pugile americano che sembrava avere la meglio su quello italiano. Possiamo dunque immaginare il dolore e l’angoscia che provò, quando, cambiando per l’ennesima volta canale, vide la sua terra d’origine segnata da un grande cerchio rosso e lesse i nomi di quei paesi ch’egli conosceva a menadito: Gemona, Osoppo, Buia …  Riconobbe d’immediato la sua regione e lesse d’un fiato il titolo comparso in sovrimpressione, sentì la voce dello speaker annunciare l’apocalissi che aveva colpito il suo fogolâr. La sua piccola patria sembrava essere crollata sotto i colpi sleali di una forza malefica. D’un tratto pensò ai suoi cari che aveva lasciato là, pensò poi alla vecchia casa, al vecchio cortile, ai sassi che aveva calpestato da bambino, al vecchio paesello che poteva essere stato spazzato via. Si rese conto che quelle montagne che aveva sempre impresse nei suoi pensieri la notte quando si addormentava in un paese che – nonostante gli anni – lui riteneva ancora straniero, questa volta avevano tradito. Da esse erano scese valanghe di pietre devastanti, distruggendo i paesi che si trovavano ai loro piedi. Quelle montagne tanto amate si erano alleate col mostro che in una serata primaverile aveva spazzato via il vecchio Friuli, le sue case, la sua gente. Prese in mano il telefono e con l’angoscia nel cuore seppe ch’era impossibile chiamare, linee saltate e il caos che regnava sovrano nel piccolo mondo antico. Riuscì ad avere notizie solo molti giorni dopo e seppe che stavano tutti bene, ma qualcosa gli fece capire anche che il vecchio Friuli – come l’aveva lasciato lui – non ci sarebbe stato mai più. Le chiese, le case, i ponti, sarebbero stati ricostruiti come prima, ma lo spirito dei friulani? Seguiva alla tv l’evolversi della situazione e come pianse il suo cuore alla notizia, pianse subito dopo anche il cielo. Dopo un periodo afoso, caldo come non lo era mai stato, avvenuta la tragedia, le cateratte del cielo si ruppero ed esso versò lacrime su quella terra. Sembrò che la natura si fosse improvvisamente pentita del male che aveva fatto e che piangesse sui mille morti, sui 200 bambini orfani, sui 70mila senzatetto. Come avrebbero fatto i friulani senza la loro casa? Un popolo da sempre afflitto dal mal dal madon, per cui il tetto sulla testa era sempre stato tutto, come avrebbero fatto?

Gli spettatori.

L’Italia intera vide, il mondo vide. Stavano tutti a guardare e per tutti il Friuli era in ginocchio. Tuttavia decisero che per quel popolo, così silenzioso, così ‘duro’, così lavoratore, valeva la pena muoversi, dare una mano. Primi a partire fra tutti furono i friulani sparsi nel mondo, come una famiglia che al momento del bisogno si ritrova, essi tornarono nella loro terra ferita, seppellirono i loro cari, ricostruirono le loro case, aggiunsero volontà a volontà, incoraggiarono i superstiti. Poi vennero tutti gli altri, comprese le istituzioni. Il mondo si commosse e il 13 maggio si trovava in Friuli nientemeno che il vice-presidente degli Stati Uniti d’America Nelson Rockfeller che avrebbe stanziato 21 miliardi di $ per quella terra. Il grande colosso dell’America sembrava essersi impietosito per quella terra che aveva donato alla potenza mondiale tanti e validi figli. Il presidente Giovanni Leone era già stato sul posto il 7 maggio, visitando le zone colpite, le anime colpite. Affiderà il compito di coordinare i lavori a un uomo il cui solo nome evoca il mito in Friuli: Giuseppe Zamberletti. Quest’ultimo sarà assurto nella memoria dei friulani a un Padre della piccola Patria ricostruita. Il Commissario Straordinario ha sempre avuto parole di lode per il popolo friulano, in un’intervista raccontava di come tra le macerie, la sera riuniti in gruppo, si suonasse la fisarmonica e di come lui si sentisse a casa fra questa gente dignitosa e determinata, non facile alle lacrime.

REPLICA DEL TERREMOTO: CROLLI, FERITI, PAURA.

«La tragedia del Friuli si aggrava: oltre 4 mesi dopo il sisma distruttivo. Ieri dalle 18.31 alle 18.40 due scosse violentissime (superati il 7,5 e l’ 8 grado Mercalli) seguite da oltre 11» (dal Messaggero Veneto del 13 settembre 1976)

L’undici settembre quando il mostro tornò, il mondo e l’Italia pensarono che il Friuli non si sarebbe mai più risollevato. Il Corriere della Sera titolò a tutta pagina “Il Friuli si arrende” e mise la foto di un uomo che se ne andava sconsolatamente tra le rovine. Zamberletti sembra che abbia commentato: «Non hanno capito niente di questo popolo!». E aveva ragione. A distanza di trent’anni tutto è stato ricostruito, tutti tentano di imitare il modello Friuli, anche pochi giorni fa c’era notizia che su un’importante rivista americana si suggeriva per la ricostruzione di New Orleans lo stesso modello. Il Friuli ha fatto scuola. Spesso ripensando a questa calamità, io, che sono nata nello stesso anno, figlia del mostro, figlia della ricostruzione, figlia del modello Friuli, mi chiedo se noi – che con la nostra nascita abbiamo in un certo qual modo dato un segnale di speranza in mezzo alla tragedia – saremmo, in tali frangenti, in grado di rifare quello che hanno fatto i nostri nonni, i nostri padri, se avremmo la stessa loro caparbietà, la stessa loro determinazione nel ricostruire, nel seppellire i cari con dignità, senza inutili piagnistei, lamentazioni e se saremmo ancora in grado di dire – basta che ci diano i mezzi – fassin di bessoi! Spero che quel dna sia sempre lo stesso e che il benessere paradossalmente ottenuto da quella tragedia non ci abbia fiaccato l’animo e lo spirito.

Sara Maieron


CJANTERINS VERSO IL PALIO

marzo 9, 2009

 Dopo la festa per l’olimpionico Giorgio Di Centa celebrata a Paluzza

Dopo la storica impresa di Giorgio Di Centa alle recenti olimpiadi di Torino, a Paluzza e a Treppo Carnico si è deciso di organizzare una 3 giorni di festeggiamenti con stand enogastronomici, convegni e musica. Il comitato, nato per organizzare e coordinare la kermesse denominata “Primavera in Carnia con Giorgio Di Centa”, ha cercato di coinvolgere le varie associazioni e gruppi presenti nell’Alto Bût. A tale invito, anche noi, Giovins Cjanterins, tra incertezze ed entusiasmi abbiamo deciso di partecipare alla festa, allestendo uno stand enogastronomico. La volontà e la voglia di fare bella figura tra noi era tanta e ha coinvolto anche altri giovani del paese. Il comitato organizzatore ci ha allestito due gazebo nella piazza Fontana di Paluzza, luogo per l’occasione ribattezzato piazza “Freestyle” (stile libero). I festeggiamenti hanno preso il via a Paluzza sabato 29 aprile, con il passaggio rapido e quasi inosservato delle frecce tricolori, proseguendo con il convegno “Carnia, terra di campioni” e vari intrattenimenti. Nel tardo pomeriggio, sotto una pioggia scrosciante, i diversi partecipanti all’organizzazione hanno finalmente acceso i fornelli. Sui nostri, veniva cucinato il classico frico e nei paioli, sotto uno scoppiettante fuoco a legna, la polenta. Inoltre, da noi, si potevano apprezzare un assaggio di formaggio tenero alle erbe aromatiche, (abilmente prodotto e fornito dalla nostra Dorina – che ringraziamo),  oppure formaggio fresco e stagionato, prodotto localmente, il tutto accompagnato da dell’ottimo vino. Per i palati più golosi, c’era una vasta scelta di dolci confezionati amorevolmente in casa dai nostri amici del gruppo di donatori di sangue di Cleulis (a loro per il superbo lavoro la nostra riconoscenza). Non è mancata la musica con fisarmonica, basso e chitarra e vari canti. Gli odori e le musiche, che abbiamo diffuso per le vie di Paluzza, hanno riportato numerose persone indietro con la mente nel tempo, facendo riassaporare e condividere momenti e bei ricordi di un tempo passato. Momenti questi che ci hanno dato e riempito di soddisfazione soprattutto per l’ elogio fattoci per la preparazione impeccabile e, a dire di molti, squisita dei piatti. Il clou della manifestazione si è svolto domenica 30 Aprile, con la sfilata da parte delle varie associazioni sportive e gruppi, lungo le vie di Paluzza, che portavano il loro omaggio al campionissimo Giorgio. Il tutto incorniciato da una inaspettata nevicata. A dare lustro e  musica ci ha pensato la nota fanfara della Julia. Alla sfilata abbiamo partecipato anche noi, accompagnati da un nutrito gruppo di Clevolans, tutti vestiti impeccabilmente nei minimi particolari, con i costumi tipici carnici. Costumi che rappresentavano e rappresentano la vita, le gioia e i dolori della nostra amata terra. Per l’occasione erano giunte anche varie troup televisive. Molta emozione e imbarazzo hanno suscitato tra di noi le riprese e le interviste, da parte del programma rai Festa Italiana. Entusiasmante nella serata, oltre ai suggestivi fuochi d’artificio, è stato ricevere la visita di Giorgio nel nostro stand per ringraziarci. Motivo per stringere la mano al campione e farsi fare un autografo. Visti i capricci del tempo, si è voluto prolungare la manifestazione anche nel giorno seguente. Nel pomeriggio, tra la stanchezza accumulata e la soddisfazione per la buona riuscita nella organizzazione e preparazione della festa, abbiamo iniziato con un po’ di rammarico a smontare il tutto. Al termine di questa inconsueta manifestazione tutti noi siamo rimasti molto soddisfatti e contenti sia per il lavoro svolto, sia per il piacere di fare gruppo. È stato bello soprattutto vedere aggiungersi altre persone, che spontaneamente ci hanno offerto il loro aiuto. Speriamo che altre persone si aggiungano alla nostra prossima (e impegnativa) uscita, che sarà il Palio das cjarogiules. Invitiamo, come sempre, tutti a partecipare, anche per il buon nome del paese. Cogliamo l’occasione per ringraziare il Circolo Culturale di Cleulis che ci ha aiutato logisticamente, e coloro che ci hanno sostenuto burocraticamente e incoraggiato moralmente, e per che no, anche a quelli che ci hanno messo un po’ il bastone tra le ruote.   

Giovins Cjanterins


NUOVA SEDE PER GLI ALPINI

marzo 9, 2009

Apriamo con la notizia più importante. Finalmente, tra pochi mesi, anche il gruppo alpini di Cleulis avrà una sua sede e questo grazie alla disponibilità del presidente della latteria, Walter Puntel. L’occasione è stata data dai lavori da effettuare nello stesso stabile e in tale circostanza ci sono state proposte due stanze, da noi subito accettate. Immediatamente sono stati iniziati i lavori e auspichiamo di riuscire a portarli a termine il prima possibile; molto dipende dalla disponibilità, dall’impegno e da qualche sacrificio da parte di tutto il gruppo per avere in breve un magazzino e un luogo di ritrovo. Il gruppo si è anche impegnato in varie manifestazioni. Il 20 agosto, in occasione della tradizionale festa sul “Cuel da Muda”, è stata organizzata una serata musicale. Inizialmente essa era stata progettata all’aperto, ma causa maltempo si è tenuta presso l’albergo “Al Cacciatore”. Protagonisti sono stati un gruppo di musicisti della bassa friulana che si sono impegnati a farci passare due ore di puro divertimento. Grazie alla collaborazione di molte persone la serata si è conclusa ottimamente. Purtroppo anche per la festa sul Cuel il tempo è stato inclemente, anche qui comunque la giornata è trascorsa bene grazie alla partecipazione del coro dei “Giovins cjanterins” che si sono esibiti in alcuni canti alpini per la gioia di tutti. Dopo la Santa Messa è stato servito il consueto pranzo alpino allietato dalla musica del nostro amico Emanuele Screm di Valle Rivalpo.  Colgo l’occasione per ringraziare tutti coloro, alpini e non, che ci hanno sostenuto e aiutato per l’ottima riuscita sia delle feste, sia per i primi lavori di ricostruzione della sede. In particolare un grazie al Comune di Paluzza per averci concesso alcune piante servite al rifacimento delle staccionate intorno alla cappella del “Cuel da Muda”.  Il gruppo ANA di Cleulis coglie l’occasione per augurare a tutti i lettori un sereno Natale e un felice 2006.

Arnaldo Puntel, capogruppo