LE MIE PARROCCHIE

marzo 9, 2009

Mi ricordo come un giorno di quarant’anni fa il mio vecchio parroco mi aveva dato un consiglio: “Vedi, ragazzo mio, (avevo allora 17 anni), ti raccomando, quando sarai sacerdote fa in modo che ti venga affidata la cura di una piccola parrocchia e qui ti fermerai per tutta la vita!”. In quei tempi, con l’abbondanza di sacerdoti che molti di noi ricordano, questo non era impossibile. Quando, 33 anni fa, sono stato consacrato sacerdote, il vescovo mi ha destinato alla parrocchia di Nimis, ma il mio servizio pastorale doveva raggiungere anche i numerosi paesetti sparsi sulle montagne vicine. Seguirono gli anni di Gemona con le sue popolose borgate e le sue chiese. Nel 1977 sono venuto a Treppo Carnico e solo allora ho avuto la sensazione di aver ottenuto quanto il mio vecchio parroco mi aveva consigliato: una piccola parrocchia, una vita tranquilla con la possibilità di curare con diligenza quelle anime che il Signore mi aveva affidato. A questo si era aggiunto l’insegnamento nella Scuola Media che mi consentiva di rimanere in contatto con i giovani ed un certo ambiente culturale. Allora in ogni piccola comunità era presente il sacerdote che teneva saldamente in mano l’organizzazione della Chiesa. Poi le cose cambiarono…e abbastanza in fretta! I sacerdoti anziani uno alla volta morirono o si ritirarono a vita privata, i pochi rimasti dovettero addossarsi un carico pastorale sempre più impegnativo anche perchè le nuove ordinazioni sacerdotali si sono ridotte al lumicino. Così anche io mi trovo a seguire tutte le parrocchie del comune di Paluzza, un tempo servite da cinque sacerdoti: la frazione di Rivo che fino al 1986 era seguita dal cappellano della Casa di Riposo e poi Paluzza con le due chiese di S. Daniele e S. Maria e ancora Cleulis dal 2001 e infine da due mesi anche Timau. Nei tempi passati i tre comuni di Paluzza, Treppo Carnico e Ligosullo formavano un’unica parrocchia, ma era sempre presente un congruo numero di sacerdoti.   Per quanto mi riguarda, oggi posso dire di essere stato presente come parroco in tutte queste comunità: Treppo (1977-1999), Tausia (1979-1999), Ligosullo (1985-1999), Paluzza e Rivo (1997), Cleulis (2001), Timau (2006). Avevo fatto i miei progetti prima di diventare sacerdote: progetti che regolarmente sono saltati. Il buon Dio mi chiamava a qualcos’altro. Talvolta gli ho fatto anche resistenza: “Ma, Signore, cosa mi stai chiedendo? Non è troppo? Dove mi vuoi portare?”. Oggi però devo riconoscere che sono contento di avermi lasciato trasportare da Lui, di non aver seguito i miei calcoli umani. Certamente il Signore talvolta ti chiede di fare cose che non capisci, ti chiede di affidarti a Lui, ma poi quando ti guardi indietro e ti accorgi che i problemi si sono andati via via risolvendo e quanto di positivo sta venendo avanti anche in questi mutamenti che ci sembrano drammatici, allora capisci che in tutto ciò c’è la mano di Dio che non ti abbandona e che guida la sua Chiesa. Oggi non sono più quel piccolo parroco dalla vita tranquilla, senza tante preoccupazioni che avevo sognato. Più l’età sale e più il carico pastorale aumenta, ma questo non è più motivo di lagnanza, ma piuttosto di gioia perché sono molte le persone che guardano alla mia testimonianza di sacerdote a attendono dalle mie mani e dal mio cuore i doni che Gesù ha preparato per tutti. Certamente sono preoccupato dei limiti che la mia salute e soprattutto i miei peccati mi impongono, ma sono anche convinto che è sempre il Signore che agisce nel cuore delle persone e che io sono soltanto un mezzo o, come diceva Madre Teresa di Calcutta “la penna con la quale il Signore scrive le sue meraviglie”. Devo infine riconoscere che qualcosa di nuovo sta venendo avanti anche qui da noi: i credenti si stanno responsabilizzando, prendendo in mano le varie attività e necessità delle loro parrocchie. E’ bello per il parroco arrivare in paese e trovare le sue chiese accoglienti, pulite, i fiori sull’altare, i paramenti ben custoditi, i canti della liturgia ben curati e i vari ministri e lettori sempre disponibili. I catechisti che si impegnano a trasmettere la fede alle giovani generazioni, gli amministratori che, con il parroco, amministrano le offerte dei fedeli e i beni della Chiesa…Ecco, maggiore è la partecipazione dei cristiani alla vita della loro comunità e maggiormente il parroco può disporre del suo tempo per un contatto personale con la sua gente. Talvolta penso se il Signore non abbia permesso questa diminuzione del numero di sacerdoti per rendere i cristiani più partecipi e protagonisti della vita della Chiesa. Personalmente vado avanti con tanta fiducia, nella certezza che tutto quanto è nelle mani di Dio e che se noi  lavoriamo per il suo Regno, Lui non può abbandonarci. Rivolgo con il cuore l’Augurio più bello di una Buona e Santa Pasqua ai fedeli di Paluzza, Rivo, Cleulis e Timau che il Signore ha affidato alle mie cure pastorali. Chiedo loro di pregare per me perché sono pienamente consapevole delle responsabilità alle quali sono stato chiamato.

                                                                                                             Siôr Santul

                                                                                       don Tarcisio Puntel

Annunci

VITA DAL PREIDI DI ÎR

marzo 9, 2009

 

Siôr Santul, volarès fâ un confront fra il mût di fâ il preidi di îr e chel di vuei. Ta me vite ai avût la gracie di vei conossût ben cinc preidis ch’a si son alternâts ta noste gleisie. Prin di dut don Celso, dopo don Emilio, don Carlo, don Attilio e cumò don Tarcisio. Ma chel che tal gno spirit al à lassât il segno plui grant al è dal sicûr don Celso, vustu parcè che al è rivât a Cleules dal ’20, al à jodût nassi mê mari, me, mi à compagnada fin che mi sei maridada e batiât il gno prin fî; o encja parcè che al è restât plui adalunc tal nosti paîs – duta la sô vita pastorâl – ben 47 agns fin tal Zenâr dal ’67. Vin za vût mût di contâ la situazion che al à cjatât cuant ch’al è rivât cassù e cemût e cun cetanta fadia che al è rivât a trasmetinus la sô granda fede e cultura, che encjemò vuei a à buinas radîs denti di nou. Si sa che i ricuarts da fruts a tornin plui vîfs dopo una certa etât e che a son chei che nus compagnin fint a la fin da vita. Tornìn indevûr di un bon pous di agns e jodìn cemût che al era il mût di vivi di un preidi tal paîs.

La storia di don Celso

 

Florinda a era la sûr di don Celso, a era vedrana, e lu veva seguît dal prinzipi par fâi da perpetua insiema di sô pari, a è vivuda cun lui fin che a è muarta.  Dopo la Lina di Mini duta la sô zoventût al à passada a sarvî. Valerio so fradi plui piçul a sal tirava devûr encja in canonica; a erin vizins di cjasa e cussì fin da piçul il frut al à començât a cjapâ confidenza cul preidi e man man che al cresseva a si afezionava simpri di plui, al dîs che al à imparât tant da lui e dividût encja cualche aventura, come cuant ch’a lu toleva devûr su la Vespa se al veva di lâ in cualche lûc. Al lava coma un lecai e spes al finiva in tombulas, ma su la Vespa al veva tacât una biela e granda imagjine da Madona e ogni volta che ai colava al diseva: «Encja chesta volta la Madona nus à protets!». Plui di dut Siôr Santul – coma ch’a lu clamavin ducj – al era la plui granda autoritât dal paîs, chel ch’al tigniva il colegament tra il mont e nou (data la nosta posizion erin un pouc taiâts fûr e cence mieçs di comunicazion). Al era simpri a disposizion par ogni ocorinça, par ducj, a ogni ora, seti di dì, seti di not. No noma pal anima, ma encja pal cuarp. Se a ‘nd era un mâl prin a si lava dal preidi: al era un grant apassionât di midisina, la studiava e al si intindeva, tant che cuant ch’al rivava il miedi (intant ch’al rivava lui a si faseva adora a murî) al cjatava za Siôr Santul che al veva dât la sô prima assistença, simpri precisa. Centantas vitas che la sô tempestivitât a à salvât.  Al veva il telegrafo e il telefono e las buinas e tristas novas dal paîs a passavin propit da canonica. Sô encja la prima radio. Intant da vuera la veva platada ta cjaniva (a si rivava jù da un puartelot fat tal paviment da cusina, par una scjaluta); no si podeva scoltâla in chei timps, parcè che a vevin di dâ las novitats ch’a volevin lôr a int, ma Siôr Santul a si colegava dascous aì sot cun Radio Londra e cussì al podeva informâ la int da situazion vera. I Mongui ai sintivin a craçâ cheste radio, ma a noi son mai rivâts a capî da dulà, parcè che al veva taponât la puartela cuntun tapeit e sora al veva poiât la sô poltronuta di vimini. E a proposit di vuera. Lui a si sintiva dut il peis e la responsabilitât dal Pastôr, specialmenti intal pericul. Cui oms lontans o in vuera al era lui il pari di ducj, il protetôr. Come in chê volta che i Mongui ai roubavin pal paîs, spaventant, ocupant las cjasas, roubant e minaçant, parfint disvueidant las stales dai poucs anemâi ch’a eri la vita pas fameas, specialmenti las piouras. Cuasi ducj i oms e i zovins restâts a erin scjampâts; cui ch’al podeva al ciriva di platâ las bestias, ma lôr sbarant jù dal Cuel das Cidulas a fasevin capî che a noi scherzavin. La int duta sot-sora si strenzeva dongje dal preidi. Tun moment al à decidût che alc si scuegneva fâ. Cussì lui e Nart da Delfina si son inviâts par lâ dal Comant Todesc a Paluce a protestâ. Intant che ai lavin vie par cjerande i Mongui ur àn trat devûr ma lôr no si son fermâts. Dopo al è rivât Angjeloç (che al saveva il todesc) su la motoçucula e judâts dai todescs a àn metût a puest la situazion. Bisogne però dî che nissun al à mai mancjat di rispiet a canonica (noma i comandants o par une dibisugna), a era joduda come la cjase dal ‘Pope’.

Las funzions religjiosas

Don Celso al era encje inzegnoûs, ma no tant fin. Sul salâr da canonica al veva un laboratori cul banc e i imprescj. Si impensaiso dal presepio che al faseva lui? Il cjiscjel di Erode, las cjasutas, il poç (che al è chel che in ore di vuei al è tal presepio), il puint e la capane cuntun sac di cjanaipa sfiliât e po metût cera licuida a sameâ la vera, e las lûs… Ce biel! Al era cussì grant che al ocupava dut l’altâr da Madone e mieza balaustra. Ma a è stade biele in chê volte che a vevin di fâ il toc devûr dal altâr da Madone. I muradôrs ai vevin armât e gjetât e a àn det che a volevin un poucs di dîs prin di podei disarmâ che a si prendès benon. Don Celso a nol à vût pazienza e une dì che ai erin lui e Teu, a àn provât a disarmâ, ma al era incjemò fresc e cussì ur è plombât dut dintorn. Siôr Santul al è restât soterât cun fûr noma i pîts, par fortuna che Teu al è rivât a liberâasi di bessol subit e cussì al à podût tirâlu fûr encje lui. Dopo al à contât che al à joduda bruta aì sot e che al veva za preât l’Atto di Dolore. La zornada dal preidi a tacava adore e cuant che a sunava l’Ave Maria as sîs al era za in gleisie, a spietâ se cualchidun si voleva confessâ prin di messe. Intanti che al spietava al preave cul breviari. Dutes las seras po dopo al era rosari, cuasi ducj i fruts e grant part da int che a podeva a partecipava. I rosaris plui sintûts ai erin simpri chei dal meis di Mai. Don Celso al veva un mût straordenari par coinvolzi la int tas funzions. Las predicjas tant dai rosaris di Mai a son restadas ta storie. Cui fats o cu las storias che a nus puartava par esempi, o pai fruts i fiorets, par ogni buina azion da zornada metevin une rosute (buinecenes, san zuans) intuna buste e la ultime sere di Mai la puartavin sul altâr da Madone. Dut il meis di Mai chel altâr al ere simpri flodrât di buinescenes, lilias, gjenzianes, non-ti-scordar-di-me …finida la funzion, sul sagrât, sul bancut di fier dal fûc, metevin las bustas sglonfas di fioretos e Siôr Santul ur dava fûc, cussì il fumi ju puartava sù tal cîl.

Las fiestas grandas

I paraments, l’alestiment da gleisie, i cjants, ducj i particolârs ai vigniva ben curâts. La Setemane Sante al tirava fûr il Santo Sepolcro ai pîts dal altâr da Madone di Lourdes (dulà che al ere il Cristo Deposto), al disponeva l’ora di adorazion par ducj e la notava su un bilietut che a nus dava par che il Signôr nol restàs mai bessol il Vinars e la Sabide Sante. E po dopo dut il rest, si partiva da funzion das cinisas fintramai a Pasche, a si sintiva propi il timp di Caresima tant che un timp speciâl. In chel periodo a si fasevin encja las Cuaranta ores, cussì ai podevin partecipâ encja i oms (a lavin cuasi ducj) che ai podeva aprofitâ par confessâsi prima di tornâ a cjapâ il fagot. Don Celso il plui dai viaçs al clamava un preidi di fûr par che al fasès las conferenzas. Si conta che un viaç al era vegnût un preidi che al ere babio pas sôs predicjas; al veva di fâ l’ora pai oms, montât sul pulpit, al à tacât a cjapâsa cui blestemadôrs, al faseva rimbombâ la gleisie cu la sô vous tonant, ur contava cemût che ai saressin lâts cul gjaul tal infier. Un di chescj blestemadôrs incalîts al à det che al à sintût propit i grisui lâi jù pa schena, salvo dopo dismenteâ subit dut e continuâ a blestemâ coma prin. Fintremai prin das solenitâts al clamava i clericuts par istruîju e fâ las proves in gleisie, cun turibui e cjandelîrs. Par podei lâ a rispuindi messe a si veva di imparâ duta la liturgjie par latin e a ti faseva un esam particolâr par jodi se tu eras preparât. Tas fiestas grandas o tai matrimonis ur dava alc sora. Al faseva las conferenzas as feminas e as zovinas dutes las domenies e pa dutrine ai fruts lu judava cualchi fantata. A fin da l’an al faseva lui l’esam a ducj. Cuant che i nuviçs ai lavin dal preidi par meti fûr las publicazions, ur faseva un biel discors e ur faseva cualchi domanda di dutrina. Se tas cjasas a ‘nd era cualchi malât grâf lu clamavin a puartâ i Sacraments e il Vueli Sant. A partiva da gleisie una pussission cul preidi sot chê biela e granda ombrena das pinias d’aur, i clerics cul ferâl, las cjandelas, il campanel par lâ devant dal Signôr fint a cjasa dal malât. Cetancj ch’a àn ricevût in chê volta il Vueli Sant, encje plui di une volte e par gracie di Diu dopo a son tornâts di ca e a son a contâla.

Encja miedi e apicoltôr

Tal tegni l’archivio da gleisie, agjornât di ogni fat o cambiament, al era un grum meticolous e al veva encje un so diari personâl là che al notava dut ce che a sucedeva   dì par dì: il timp, la stagjons, i lavôrs, las novitâts, e di an in an a lu confrontave. S’ai vanzava timp via pa zornada al veva simpri – seconti la stagjon – alc da fâ. Tal tegni l’archivi da gleisie, agjornât di ogni fat o cambiament, al era un grum meticolôs e al veva encje un so diari personâl là che al notava dut ce che a succedeva   dì par dì: il timp, las stagjons, i lavôrs, las novitâts, e di an in an a lu confrontave. Se ai vanzava timp via pa zornada al veva simpri – seconti la stagjon – alc da fâ. Se al era freit la sô granda passion ai erin i libris, in particolâr di medisina là che al ceriva simpri di imparâ di plui. Encje i miedis che a erin in chê volta ai lava ogni tant da lui a fâ una tabaiada in merit e ai lassava cualchi campion di medisinas pas emergjenças, difati in canonica al veva cuasi una piçula farmacie, a disposizion di ducj. A i plaseva scrivi, al à publicât (in ocasion da fieste da parochie) un libri su par Cleules, al à scrit cjants, poesies; al tegniva la corispondence cui clevolans pal mont (che a no erin pous), specialmenti cun chei da America, par sintîju ducj dongje. Al studiava las jerbas, las radîs dai nostis prâts e orts, las rosas medisinâls par podei fâ sirops, decots, ongjnts. Invezit cuant ch’a tacava a vegni clip  si dedicava a chês atas grandas passions, las âfs e l’ort. Das âfs al veva encja una cinquantine di boçs che al tegniva devûr da cjasa. Al puartava simpri la tonie ma cuant che al lava a curâ las âfs al meteva une toneata da lavôr cuntun cjapiel grant sul cjâf, une specie di reit che a i taponava la muse e las maneças par che a no lu becassin; al sameave un bobô. Las âfs as erin la sô vite e encje una font di guadagn. Al studiava il lôr comportament e intant al imparava simpri di plui cemût tratâlas. Da lôr al tirava fûr la miôr mîl che a era cussì buina che parfint une industrie farmaceutica di Milan a la prenotava. La cera, come chi vin det, a la doprava in tantas manieras e ogni tant las feminas i domandavin un vuluçut par pontolâ. E il famous licôr ‘idromele’? une specialitât uniche che noma cu la sô esperience e la justa dose di jerbas particolârs, spezies e mîl al faseva saltâ fûr. La riceta nol à voluda lassâ a nissun. Tal ort ai plaseva fâ di bessol, implantâ, semenâ, cjapâ sù; al veva biei melârs e perârs e d’Atom al meteva via las pomas pal Inviern, a ‘nt veva avonda par dut l’an. Il sô gjalinâr lu veva sot da teraça, al veva parfint i cunins. Bisogna dî il ver che plui il timp al passava e plui a si afezionava al paîs e a int, in veretât a mût so la int lu ricambiava. Prin di dut grant rispiet, grancj e piçui cuant che a lu si cjatava si lu saludava cun “Sia lodato Gesù Cristo Siôr Santul” e lui al rispuindeva “Sempre sia lodato”. A si divideva cun lui dut ce ch’a si çumava tai cjamps e tai prâts, un zei di cartufulas, fasûi, cjapûs, il zei das legnas, un past di lat ta lataria (il molt dal preidi), cuant che a si tirava la spongja si dava un tocut di chê, se a si copava il purcit la vissa o il tocj. Mi impensi che cuant ch’i lavin a puartâi nou fruts, nus dava simpri una piçada di minzinas o un mêl. Ogni tant a nus faseva jodi cualche filmin su la sala e un viaç ad an al invidava in canonica chês che a cjantavin sul organo, ur preparava un rinfrescut cun cualche dolcet e il so idromele. Encja i oms se a era di dâ una man pa gleisie a erin simpri pronts (magari dopo ai bulinava par daûr …). Basta noma pensâ a cantoria simpri plena, ognun a veva il so puest in coro, di una bande: Teu, Elia, Zuan Pantian, Nato, Nart, Ricardo, Pucul, Liti e Tita Jacum; di che ate: Bazic, Aldo, Santo da Meste, Siro, Bepo da Naec, Viti, Vigji di Ars, Milio, Mini, Drea, Capula e tancj aitis.

Cleulas a deventa parocja

Dal ’59 cuant che la nosta gleisie a è stade diventade parochie a è stade fate una granda fiestona; arcs, bandierinas, componons, ma las veas a veva neveât ben ben, s’ingrumava una biela tassa e il preidi par tradizion al veva di stâ fûr dal paîs tre dîs, tal fratimp al era vignût da Ponteibe don Tarcisio. Rivada la zornada, come un nuviç al è rivât don Celso fint dal puint, i oms ai veva fat una specie di sliton di len e dispicjades las cuardes das cjampanas a las veva tacadas su par chest argagn, ai lu veva encja cjamât di frindei par fâ peis. Ducj i oms a tirâ las cuardas par fâ lâ chest sliton che al netàs la strada. Cuant che a Pasca al lava a benedî las cjasas, ai fruts al dava simpri las minzines. Prin che al rivàs però si veva di netâ duta la cjasa parcè che al veva di vegni il Signôr. A si preparava las puartas das cjamaras viertas par ch’a entràs la benedizion e sierâts i balcons par che a restàs denti (difati al lava encja un tocut su pa scjala a benedî). As vegnivin benedetas encja las stales. D’Estât cui fruts al benediva las monts; al partiva a binora e al lava sù in Val Cjastelana dulà che al cjamava Pakai (Cjecje). Mangjavin scueta frescje, polenta e çuç. Po’ sù in Zuplan, via pal viaç ta Mont da Tierç e si tornava jù la sera stracs madûrs.  In ogni mont al preidi a davin un formadi. Cuant che ai rivavin tai cjampeis, Siôr Santul al mostrava ai fruts la sôs âfs che as rivavin fin lassù a rifurnîsi par fâ la mîl, parcè che plui in bas a non erin atas rosas che i prâts a erin za ducj seâts.

 

Ai plaseva fâ encje bielas passegjadas pa taviela o cul so binocul cjalâ atorn las monts, meditant e preant. Mi impensi ce biel che al era tas rogazions cuant ch’a si lava in pussission fin a Ramaçâs, la prima pausa in Cuel das Cidulas là che la Tecla di Fredo a dava sù “Amabile Maria”. Atas pousas a erin dongje il Crist di Gjildo tal Raut, simpri cjantant e preant, ma nou fruts i corevin atorn pai prats a çumâ rosas da puartâ ta maina,  chê ch’a si lava vie par Valiselas in Cjvilugn jù di Tita Pul, da Pera e a finîla ta mainuta di Aip. A era la taviela di ogni colôr, duta florida, sameava che la natura a ves volût mostranus duta la bieleça e la grandeça dal Creatôr. Dopo maridada la Lina, atas fantatas a son stades a sarvî dal preidi fin che al si è ritirât.

Don Celso a no si sclaudava tant vulintîr dal paîs, noma se al scuegneva, di râr tu lu jodevas a tirâ fûr la Vespa. Se al veva di stâ via duta la zornada al visava in gleisie par che la int a savès in câs di dibisugne.  Il vescul plui di une volte ai veva proponût di cambiâ paîs là che forsit al sarès stât miôr ma lui nol à mai volût bandonânus. Al era stât encje nomenât Monsignor e Cavalîr par merits di vuera. E chesta a era la vita che il preidi di una volta al faseva in paîs. E cumò …

Silvia Puntel


UN SEPOLCRO DI NEVE BIANCA

marzo 9, 2009

28 febbraio 1836, un’immensa valanga staccatasi dal monte Zoufplan piomba sul paese e si porta via 11 persone, oltre a vari edifici. Più di un secolo ci divide da quella tremenda sciagura ma è giusto ricordarci dei nostri compaesani che in quella notte se ne andarono per sempre, vittime di una natura che spesso fa sentire la nostra piccolezza al suo cospetto.

Sulla valanga che provocò 11 vittime nella nostra comunità molto è già stato scritto e detto. Grazie al materiale gentilmente fornitomi da Mauro Unfer – senza il quale questo lavoro sarebbe stato impossibile – voglio qui tentare di fare una cosa inedita. Il materiale suddetto – trattasi della mappa di Cleulis risalente al 1821 con relativi numeri di mappale e registro dei proprietari dei terreni dell’epoca (1), è stato intersecato con le notizie desunte dall’archivio comunale di Paluzza (2). Tramite questi fondamentali strumenti vorrei riuscire a ricostruire dove vivevano le “famiglie” dell’epoca che più furono toccate dalla tragedia, intendendo con famiglie il ceppo vero e proprio. Naturalmente tutte queste informazioni non hanno carattere di certezza assoluta ma ho tentato una ricostruzione il più possibile fedele alla realtà. Un progetto non semplice tuttora in corso di studio. Uno degli strumenti indispensabili usati ma anche foriero di molteplici problemi sono stati i soprannomi di famiglia, che mi hanno permesso di distinguere le diverse persone (spesso ricorrevano per diversi individui cognomi e nomi identici). È uno strumento con lati negativi non indifferenti perché molti dei soprannomi delle famiglie che qui compaiono sono ormai scomparsi da tempo anche se ben presenti nei documenti consultati. Niente è inventato, tutto è stato fedelmente ripreso. Ho potuto constatare che molti dei nomi di famiglia che oggi conosciamo sono dei derivati da altri di matrice più antica andati ormai completamente persi. Inizio questa prima bozza di studio elencando le undici vittime, mi sembra doveroso ricordarle ancora una volta, anche per una forma di rispetto. Iniziamo dai 7 figli defunti di Lorenzo Puntel “da Linze” e Cattarina: Lucia (18 anni), Lorenzo (16 anni), Zuane (14 anni), Pietro (13 anni), Giobatta (12 anni), Daniele (8 anni) e Lucia (6 anni). Si salvò, oltre ai genitori che probabilmente dormivano in altro luogo (magari anche solo in altra stanza), solamente un figlio: Giacomo Puntel. Egli era militare e svolgeva il suo servizio molto probabilmente – una cosa che appurerò – in territorio germanico (ricordiamo che la nostra zona era parte del Regno Lombardo-Veneto). Assieme a questi, fu spazzata via anche la famiglia di Osvaldo Majeron (33 anni) con la moglie Sabata (26 anni) e la figlioletta Orsola di 22 giorni. Altra vittima fu Lucia Puntel (12 anni) di Giobatta Puntel e Lucia. Questi i morti, ma le famiglie danneggiate furono molte altre; non subirono perdite umane, ma persero gli animali e i foraggi per essi, in una parola si ritrovarono senza nulla per superare la stagione invernale. Queste famiglie – quattordici, sottraendo le famiglie succitate –  sono riportate ordinatamente in uno specchietto che indica i danni da essi subiti e le persone a loro carico (fa un certo effetto leggere tra i danni subiti «7 figli»). Analizzando la denuncia dei danni subiti, in particolare la distruzione di case coloniche e stalle, e confrontandola con il mappale ho tracciato un ipotetico percorso della “lavina” e vista la stranezza del percorso ne ho dedotto due ipotesi: o la massa di neve è rotolata giù in due mandate diverse e succesive, oppure si è divisa “in som la vila”, una parte fermandosi lassù, un’altra giungendo a lambire la chiesa e fermandosi nei pressi dell’attuale asilo. Gli undici morti infatti si registrarono “in ramontan” (numero di mappale 305) dove viveva la famiglia “da Linze”, mentre quelli della famiglia Majeron “Baccò” (questo il soprannome riportato nei documenti) giù accanto alla chiesa, sotto l’attuale strada di Faeit (mappale 285). Gli altri danneggiati – di cui riportiamo solo i numeri di mappale di cui siamo sicuri –  furono: Giobatta Puntel “da Linze”, Pietro Majeron q. Osvaldo “Picin” (mappali 290, 292), Gregorio Puntel q. Pietro di Grivôr (mappale 291), Prodorutti Leonardo q. Osvaldo “Legato”, Mattia Puntel q. Pietro “da Sula” (mappale 304), Giò Puntel q. Antonio detto Duzzo (mappale 298), Pietro Puntel q. Giacomo e Giacomo e Giovanni Gijubil (mappale 306), Giò Puntel q. Osvaldo “Comelean”, Osvaldo e Giacomo Majeron q. Pietro “Ninai” (mappali 282, 283, 284), Giobatta Micolin q. Osvaldo (mappale 330), Giovanni Puntel q. Daniele “del Ros”, Pietro Majeron e fratelli q. Pietro “Pellezzotti” (mappali 287, 289) e Giovanni Puntel e fratello q. Osvaldo “Comelean” (mappale 303). Un problema sembrava essere dato dal diverso conteggio del numero delle case di abitazione distrutte, un documento ne cita sette, mentre nello specchietto se ne contano sei. In realtà poi ci si accorge che c’è stato l’errore di valutazione delle stalle atterrate, mentre sul primo documento ve ne sono 15, nello specchietto sono 16, quindi c’è stato una valutazione errata e diversa per un singolo edificio da un lato valutato come casa di abitazione dall’altro lato inteso come ‘stavolo’. Nello specifico le case d’abitazione che sarebbero andate completamente distrutte furono quelle collocate sui 305 (defunti “da Linze”), 309, 292, 291, 285 (defunti Majeron), l’ultima preferiamo sospenderla perché sulla sua collocazione e sulla famiglia che vi abitava ho troppe incertezze.  Non ho voluto fermarmi qui e ho deciso di cercare se dette abitazioni furono ricostruite nel medesimo luogo oppure no. Qui ho utilizzato i registri censuari del Comune datati 1849, confrontandoli con i mappali del 1821. Ho constatato che le prime tre elencate sopra furono tutte ricostruite nel medesimo luogo, mentre le aree indicate coi numeri 291 e 292 (dove ora ci sono i fienili dai Sâti in Faeit) nel 1849 vengono così indicate «area di casa rovinata» e da ciò si può dedurre che lì tredici anni dopo, niente era stato ricostruito.

Nota 1: documentazione desunta dall’Archivio di Stato di Udine. Nota 2: Cartolare 111 anno 1836, fascicolo sulla valanga di Cleulis. Registri censuari del Comune, frazione di Cleulis.

 Sara Maieron


RICORDANDO GIACOMO JACALES

marzo 9, 2009

Giacomo Jacales nacque a Cleulis l’11 settembre 1903, primo figlio di Matteo Puntel (Jacales) e Orsola Primus (Pantian); visse e cominciò a crescere nella borgata di Laipacco proprio nel periodo della prima guerra mondiale. Negli anni del primo dopoguerra, ancora in giovane età, si dedicava come molte altre persone del paese, al recupero di materiale bellico, da poter vendere in cambio di un po’ di denaro; il ferro in particolare veniva acquistato per essere nuovamente fuso e riciclato. Un giorno, mentre si trovava in alta montagna per raccogliere del materiale e portarlo a valle, calpestò una bomba che, esplodendo in quell’istante, gli mutilò una parte del piede coinvolto. Le medicazioni, le cure e le visite mediche, lo portarono fino all’ospedale di Venezia dove venne dichiarato invalido e a cui venne anche riconosciuta una minima pensione di invalidità. Decise allora di dedicarsi all’arte del cucito, imparò a cucire da Riccardo Repil, unico sarto da uomo del paese. L’anno 1925, lasciò un segno significativo e di grande responsabilità nella sua giovane esistenza poiché venne a mancare suo padre. Erano gli anni in cui Mussolini, stava facendo demolire le opere dell’epoca romana per la realizzazione della Via dei Fori Imperiali a Roma e tanti cleuliani vi si recarono in cerca di lavoro. Il padre di Giacomo, si era trasferito in queste zone con il terzogenito Alessandro, allora sedicenne, per svolgere l’attività di muratore e proprio qui contrasse la malaria che gli fu fatale. Giacomo, figlio e fratello maggiore, dovette aiutare la madre ad allevare il resto della numerosa famiglia. La sua attività di sarto, rappresentava ora una possibilità di sostentamento, così decise di organizzarsi meglio e intorno agli anni trenta, realizzò, con l’aiuto del fratello Alessandro, un piccolo laboratorio di sartoria. Si trattava, in realtà, di una stanza non molto grande, il cui ingresso si affacciava a quello della casa paterna, era poi stato collegato al vicino stavolo, fungendo così da “ponte” tra le due costruzioni. Il pavimento in legno (plancum), risultava sopraelevato rispetto al cortile sottostante. Le due finestre laterali, consentivano alla luce del giorno di illuminare il piccolo locale in cui erano stati sistemati arredi semplici e funzionali: lo spolert di mattoni per riscaldarsi durante le giornate fredde, un tavolone con dei cassetti riservato al taglio delle stoffe e la macchina da cucire; su una parete un armadietto a muro in cui venivano accuratamente riposti e conservati strumenti da lavoro, fili, cartamodelli e appunti. Egli acquistava riviste di moda e le consultava con attenzione per confezionare esclusivamente abiti da uomo: dalla lettura delle annotazioni scritte su un taccuino, in cui riportava in maniera scrupolosa le commissioni e i relativi compensi, si può capire quanto egli fosse preciso e puntuale nello svolgere il proprio lavoro. Amava lavorare con calma nel suo “stanzin”, è infatti questo il termine che usava per definire la piccola sartoria e, a quanto pare, vi trascorreva buona parte del suo tempo perché il lavoro non mancava. Uomo di cultura, studiava per corrispondenza, come altri compaesani, presso le “Scuole Riunite”, nella speranza di poter conseguire il diploma di maestro elementare, dopo il superamento degli esami previsti; gli eventi bellici e la malattia che poi ne causò la morte, fecero ben presto svanire il suo sogno. L’interesse per la carta stampata, la voglia di sapere e di conoscere gli avvenimenti vicini e lontani, lo portavano di frequente nel vicino paese di Timau, dove aveva l’opportunità di acquistare il giornale e che raggiungeva in sella alla sua bicicletta che, si dice, fosse una delle prime viste in paese. Giacomo si dimostrò ingegnoso anche nell’eseguire in casa alcuni lavori di falegnameria nonché disponibile ad assumere incarichi utili alla collettività; suonava l’armonium della chiesa durante le varie cerimonie religiose, pur non avendo un’istruzione di carattere musicale e fu segretario della latteria locale: due volte al giorno percorreva il sentiero che porta nella parte alta del paese per la pesatura del latte, teneva la contabilità dei soci e predisponeva la suddivisione dei prodotti in relazione alla quantità di latte versato da ciascuno. I suoi interessi e la passione per il proprio lavoro, rappresentarono per quest’uomo un modo per superare, almeno in parte, la condizione di invalido e per trovare un nuovo senso da dare alla propria vita. All’età di soli trentanove anni, ammalatosi di nefrite, venne a mancare il primo giorno di ottobre del 1942, facendo conoscere alla mamma un ulteriore grande dispiacere. In famiglia, si ricorda che mamma Orsola aveva una predilezione per il figlio Giacomo, in quanto lui stesso aveva dovuto sopperire alla figura paterna e provvedere, in buona parte, al guadagno necessario per sostenere le spese domestiche. A tal proposito rammento brevemente un fatto accaduto nel 1932: Giacomo, dovette provvedere a recuperare la somma di denaro utile a pagare il viaggio di rientro del fratello Alessandro, emigrato per lavoro in Argentina nel 1927; non avendo avuto fortuna, scrisse una lettera in cui diceva: «si voleis viodimi a cjasa, mandaimi i bêçs par paiâ il viaç”, i soldi inviati arrivarono fortunatamente a destinazione e lui fece ritorno a casa, non fu così per moltissimi compaesani più o meno giovani che non fecero più ritorno.

Renza Puntel


GIOVINS CJANTERINS PAR IL PAÎS

marzo 9, 2009

Lo scorso 27 dicembre, per la prima volta abbiamo voluto provare ad organizzare un mini-concerto natalizio nella nostra chiesa, coinvolgendo anche il coro di Sauris e riuscendo a ottenere la partecipazione straordinaria del cantautore Gigi Maieron. Nonostante il tempo non sia stato clemente, siamo felici di poter dire di aver avuto un’ ottima presenza di pubblico con la chiesa gremita in ogni ordine di posti. Ringraziamo i compaesani che hanno voluto partecipare, la loro presenza ci invoglia a continuare su questa strada. La manifestazione è iniziata con il nostro canto più noto e identificativo “Gleisiuta Clevolana”, che sempre suscita emozioni forti, tanto che in alcuni dei presenti era palese “il grop”. A seguire l’esibizione del coro Zahre che ha proposto canti natalizi (come il Puer Natus) nel loro dialetto, suscitando l’ammirazione dei cleuliani presenti. Abbiamo quindi ripreso in mano la scena continuando coi nostri “Lusiva la luna”, “Sint dal cîl”, “Biela not” e “Te canto ninna nanna” di Bepi De Marzi. La serata è poi stata magnificamente conclusa dall’intervento di Gigi che ha presentato il suo libro “La neve di Anna”, leggendone alcuni brani di chiara matrice autobiografica. A movimentare il tutto la presenza del presentatore Oscar Puntel, che ha tenuto fede alla sua fama di ottimo oratore. Al termine della manifestazione, dopo scroscianti applausi, abbiamo invitato i nostri colleghi di Sauris e il cantautore a finire la serata con la cena da noi offerta “di Milia”. Il concerto di Natale ha chiuso un anno carico di soddisfazioni per il nostro gruppo. In occasione della festa della Madonna della Salute, nel pomeriggio, dopo i Vesperi,  abbiamo voluto offrire alla popolazione un momento di festa comune, proponendo una castagnata accompagnata da vin brulé a riscaldare gli animi in una giornata uggiosa di novembre. La stessa cosa si è ripetuta per la Santa Messa della notte di Natale. All’uscita dalla funzione, abbiamo voluto unire ai tradizionali auguri, una bella fetta di panettone accompagnata ancora una volta dal calore del vin brulé. In quest’ultimo caso abbiamo proposto alle persone un’offerta libera per incentivare e poter ripetere queste attività ricreative. In entrambe le occasioni il riscontro è stato più che positivo e ci auguriamo di poterle ripetere negli anni a venire, magari moltiplicandole e migliorandole. Per quest’anno abbiamo già avviato molti progetti, inizieremo sabato 8 aprile con la presentazione di canti pasquali e salmi nella nostra chiesa parrocchiale, una proposta venutaci dal coro “T. Unfer” di Timau, che naturalmente parteciperà alla serata. Come l’anno scorso animeremo la Santa Messa di Pasqua, insieme al coro tradizionale domenicale. Concludendo rinnoviamo l’invito a tutti coloro che volessero “dâ una man” a unirsi al gruppo, perché il paese sia una realtà sempre più viva. Ringraziamo tutti i cleuliani per l’apprezzamento dimostrato nelle proposte finora realizzate. Il loro supporto è per noi indispensabile, ci incoraggia a proseguire sulla strada avviata. Da tutti noi giungano a tutti i compaesani vicini e lontani i nostri migliori auguri di buona Pasqua.

Giovins cjanterins