Due o tre cose che il sig. Pittini dovrebbe sapere

marzo 9, 2009

 

Antefatto: un elettrodotto da 220 kV, cioè ad altissima tensione, e per di più aereo, dovrebbe interconnettere la stazione di Wurmlach in Austria con quella di Somplago, sventrando la valle del Bût, con tralicci e condutture, passando proprio sopra il paese. Presentato dalla società Alpe Adria Energia spa, il progetto farebbe l’interesse soprattutto di “Ferriere Nord”, del gruppo industriale friulano Pittini, che così si approvvigionerebbe di elettricità ad un costo più basso garantendosi anche una sorta di “gestione esclusiva”, per i primi 10 anni, poi le condutture passerebbero sotto l’ombrello statale dell’Enel. Da passo Monte Croce Carnico a Terzo di Tolmezzo e da qui a Cavazzo, la nuova linea vedrebbe l’innalzamento di tralicci dai 40 ai 60 metri, con campate di 300 metri, sotto una fascia obbligatoriamente disboscata larga circa 60 metri. Di fronte a questa faraonica, innovativa idea, c’è qualcosa che non va. Qualcosa che puzza di bruciato. Come se passare sopra le teste dei cittadini fosse sport consolidato della pseudo-politica dei nostri giorni. In nome del tanto vituperato sviluppo e della tanto blasonata innovazione. Innovazione e sviluppo per pochi e a danno di molti, pare. Ho incontrato Pittini a Trieste nel maggio del 2001, durante un convegno. Era lungimirante, quasi lo ammiravo. Filosofeggiava di export e di commercio in chiave moderna, quando gli altri blateravano in coro di delocalizzazione a basso costo. Ricordo che le infrastrutture sono sempre state il suo cruccio: parlava, allora, di via di comunicazioni e ferrovie a scorrimento veloce, con la stessa disinvoltura con cui una massaia parla del minestrone della sera. Insomma, un outsider. Per questo, quando ho saputo che a capo c’era lui, la cosa non mi ha sorpreso più di tanto proprio per la propensione del soggetto all’argomento. Però mi ha indignato. E mi sono anche arrabbiato. Incavolato nero, quando sul sito del Wwf del Friuli ho trovato una cartina dell’Alto Friuli tranciata da percorsi neri, come la morte. Cinque, sei, sette linee nere segnate con precisione fra Italia e Austria. Dio, quante ce n’erano. Linee elettriche interminabili. E, immaginando i tralicci che passano sopra la nostra testa, mi sono chiesto: ma che senso ha andare a votare se chi dovrebbe fare il nostro interesse, chi dovrebbe tutelarci, chi oggi occupa assessorati strategici per lo sviluppo della montagna, chi era governatore della regione poco prima, non ha detto nulla, non ha fatto nulla, non sta muovendo un dito? Che senso ha avere un assessorato provinciale e regionale alla montagna, un eminente membro dei verdi, sole che piange, colomba che ride, che dovrebbe portarci tutti in piazza con i cartelli in mano, ma che ancora un po’ non ne sapeva nulla – c’è voluto infatti un “Comitato per la difesa del territorio e dell’ambiente” per diramare e diffondere la notizia -? No, c’è veramente qualcosa che non va. Questa vicenda sta diventando una sorta di barzelletta istituzionale. Perché non è possibile si attinga a fondi Ue, si facciano i convegni e i workshop per uno sviluppo sostenibile del territorio e poi si approvino progetti del genere. E’ un controsenso. Come è anche schizofrenico che la regione avvalli o autorizzi la costruzione di un mega elettrodotto, con tralicci ad ampie campate, legalizzando un disboscamento osceno e forsennato, senza neppure aprire la “Carta di localizzazione e dei pericoli potenziali di caduta valanga”, da lei stessa emanata con tanto di legge regionale (si veda articolo nella stessa pagina). A questo punto due sono le conclusioni: o il pericolo valanghe è sparito del tutto e la carta dev’essere aggiornata, oppure la stessa carta è stata misteriosamente imboscata, fatta sparire. Perché scomoda.  In aggiunta sembra proprio il giochetto del “facciamo tutto di nascosto”: i primi atti di questa vicenda portano come data l’anno 2002. Com’è possibile che le carte vengano scoperte a distanza di tre anni e a concessioni quasi ultimate? Possibile che nessuno tenga conto del rapporto fra elettrosmog e malattie cancerogene? Non è chiaro, lo dicono anche i medici. Non è dimostrato scientificamente che la morte per cancro sia ascrivibile al passaggio di tralicci ad alta tensione, ma è ugualmente un dato di fatto chi abita in prossimità di tralicci ad alta tensione sia maggiormente esposto ai rischi di contrarre la malattia. Questo, i dati epidemiologici, lo rilevano in modo nitido e inconfutabile. Infine sarei veramente curioso di capire quali nuovi posti di lavoro, quale nuova occupazione creerebbe il passaggio di un traliccio sopra le nostre teste e dove si troverebbe questo fantomatico sviluppo. Quali vantaggi arriverebbero in tasca a noi, nel concedere agli industriali friulani, il passaggio della nuova linea elettrica. Già una fregatura l’abbiamo presa con l’oleodotto, mica siamo così fessi da replicare?

Oscar Puntel

Annunci

Stories di lavôr. Cemût che i nostis emigrants a vivevin e a lavoravin fûr paîs. Muradôrs a Brunic

marzo 9, 2009

 

«Cuant che ai cjanta il Stabat mater la ai finida di capî, tocja toli fagot in scjala e a no resta che partî». Cussì a venti di Caresima ai cjantava i nostis emigrants cuant che si svizinava la ora di partî. I sin ducj fîs o nevouts di chesta int, che di jeta in jeta a à scugnût lâ pal mont a vuadagnâ cun sudôr di sanc un toc di pan. Par nua nou dissevin che “il pan dal paron al à siet crostas”. Ma fûr dal lavôr, dopo vei finda zornada, cuant ch’a tornavin tal cuartîr, tai dîs di fiesta, i rapuarts tra di lôr o cu la int dal puest, cemût erino? Cemût passavino chei pous moments di pousa? Cui miei ricuarts, prin par vei sintût a dî, dopo par vei jodût, i pos partî viers i agns 50. In chê volta a era in vora la Europa: Francia, Svuizara, Lussemburc, Gjermania, Austria, e vie indenant…par dopo a finî cu la ultima, se  si pos dî cussì, colonia di Clevolans che a è stada chê di Brunic. Mi contin che in Lussemburc a ‘nd era un biel troput intor dal 50, par cuartîr a vevin di cirîsi ca e là pas cjasas se a vevin cualchi stanza disponibil, si davin dongje in trei cuatri, si dividevin i servizis, cusina e pulizia tra di lôr. Se si era fortunâts si cjatava una femina di buina volontât che a lavàs la rouba bon, se di no tocjava rangjâsi. A ‘nd era di chei che a vevin la gracia che ur puartava la mari, o femina o sûr a cjatâju, alora a ingrumavin par un pouc la rouba da lavâ. Chestas feminas si fermavin una setemanuta, a vevin il lôr dafâ a lavâ, sopressâ, setolâ, ramendâ e vueli di comedon par freâ e lustrâ. L’unic divertiment pa zoventût al era il balon, tancj a erin inserîts cussì ben tas scuaras locâls da fâju zuâ intas primas divisions. Ogni tant la fiesta o la sera (se a no erin tant madûrs) a lavin tas sagras di paîs encja tai paîs dongja che a clamavin las “chirmas”, par passâ cualchi ora in alegria a sintî a sunâ par jodi se a rivavin un pouc a scjafoiâ la petona da famea lontana. In Svuizara plui o mancul al era compagn, a erin plui sbarniçâts e a’nd era encja fantatas dal paîs ch’a erin ladas a lavorâ là via, in cetancj si son conossûts o maridâts aventi là tra paisans o talians. In Francia inveza, pal interessament di Drêa o di so fî Celso Silverio (da Mina) oriundo da chi, ai veva tolet sù a lavorâ una biela scuara di Clevolans che par tancj agns a àn lavorât ta sô impresa, e tra di lôr encja gno pari. A gno pari noi garbave propi di vei da lavâ o comedâ, la pieis al diseva che se a era di tacâ sù i batons nencja a fâlu a puesta no stavin sù (forsi che al lassava la rouba in muel par dîs prin di lavâle, al pensava che a vignìs plui neta, inveza si fraidisseva il fîl) e smicjâ las busas cu la gusjela…… par comedâ si podeva encja doprâ doi sclavaçs, ma i batons…Mê mari lant che a disfaseva la valîs che al era tornât da Francia a à cjatât un pâr di bregons da lavôr ducj sbragâts ch’a ju veva rincjâts cul fîl di fier! Intun ati pâr al veva incolât sù un petul par comedâju e a à scuignût taiâ fûr mieza gjamba che a no entrava nencja la gusela, e i cjalcins, si capìs oltra che rots, ducj folâts che a voleva dut l’invier par tornâ a gugjâ tancj par che ai bastassi par duta la stagjon prossima. Par ultin i ai lassât Brunic parcè che encja jo dal 60 i eri a servî al Centrâl. Gno pari che al era a lavorâ cun Lucio e, savût che a cerivin una fruta, al à pensât di puartâmi alà, cussì almancul voressin podût stâsi dongja nou doi, stant che la famea a era lontana. Par chel che i sai Lucio fî da ‘Sjulin (la frutina) al era rivât a lavorâ a Brunic, al à conossuda una fantata oriunda todescja di non Margherita (Gretil) che a veva doi fradis, un inzegnîr e un architet (Cimadon). L’inzegnîr mi samea che al veva di vei metût sù una impresa edîl, judât da so fradi che a i procurava i lavôrs. Lucio al à maridât la Margherita, il fradi impresari al è muart, e Lucio al à continuât simpri cul aiût dal architet a lâ indevant cui lavôrs, cjapantsi sù l’impegn da impresa. Cun serietât e onestât al lava indevant simpri plui aprezât e stimât da ducj. Fat un bon non si è slargjât  tant che al era rivât a vei fint a un centenâr di operaris. Al è simpri stât leât al nosti paîs, e ducj chei che a vevin bisugna di lavôr, bastàs che lu vès savût a erin sigûrs che ju varès tolets, cussì plui di una ventina di clevolans a son stâts a lavorâ cun lui, a ‘nt veva di todescs e  talians, e tra chescj furlans e cjargnei. Sul imprin il cuartîr al era a la buina di Diu, però dongja cjasa sô, cuant che i operaris a erin plui numerôus, ur à dât il teren e lôr fûr via o la domenia a àn tirât sù una baraca dulà che sot a era la cusina e un piçul ufizi, e sora una cjamaruta par trei o cuatri jets. Dopo a àn zontât encja i servizis cu la doça. Dulà che a durmivin i zovins, spes su la pareit devûr dal jet, ai picjava “posters” di cualchi fantata o da scuara di balon che a erin tifôs, e a no mancjava la foto da murosa. E simpri dongja di cjasa sô, insom Brunic dongja dal cjamp sportîf, al ere il palaç dal glaç e cjamps da tennis, e dopo a àn fat pissinas e via indavant . Insoma intun puest tal vert, fûr da confusion, ma dulà che intor a era la vita. In principi crout che a si rangjavin i operaris a fâsi di mangjâ, tal timp che i eri jo a era coga la Toia dal Tevut (encja lui al lavorava alì), dopo al è rivât il Bepino fradi da Loisa, che al faseva da mangjâ par circa 20 operaris (e fâ la spesa). Se a vanzava timp al veva da jodi e meti a puest encja il magazin. La cusina a era una granda stanza cul spolert di legnas (a brusavin i vanzums di legnam dal cantîr), un seglâr, un armâr cu la gratula e una lungja taula, la bancja e cualchi cjadrea, plui indevant a era encja la television. A buinora viers las 6 al jevava il prin, Bepi, che la sera al veva preparât tal laveç il cafè, e ognidun a sal meteva fûr cul cop ta cjicara, e un a la volta si inviavin tai cantîrs ca e là dulà che al era il lavôr, cui plui dongja a pît, cui plui lontan in bicicleta. A miesdì chei ch’a mangjavin ta cusina cuant ch’a rivavin a cjatavin la taula tinduda e pront il past, chei plui lontans inveza al vigniva a toli il mangjâ un operari par puartâural sul puest cjalt. La sera a tornavin dongja a troputs, dopo jessisi lavâts e cambiâts a cenavin, e dopo una fumada e una tabaiada a viodevin la television e si inviavin tal jet par pousâ o lei. Raramenti via pa setemana a jessevin, justa la mularia a veve incjemò fuarça par dâ dôs pidadas al balon tal cjamp sportîf. Par solit a lavoravin encja la sabida, e la sabida sera i plui a metevin in muel intuna cjalderie i vistîts da lavôr par lavâju l’indoman. La domenia cui plui, cui mancul si intardavin un pouc a durmî a buinora, par dopo devurman lavâ las biscas che a vevin da suâsi pal lunis, e tâl curtîl a tindevin un fîl o cualchi stangjiuta par meti a suâ. Intant a lavin a messa, a toli il gjornâl e al rivava a miesdì. Un pisulut dopo mangjât e po cui che a scriveva a cjasa, cui che a scoltava la partida o a lava a fâsi un zirut, e la zoventût a zuiâ dal balon, cualchi volta al cine o pai fats lôr. E rivâts a cjasa si tornava a spietâ une ata setemana. Ogni buinora viers las 7 i lavi dongja dal balcon che al dava su la via principâl a spietâ gno pari cuant ch’al passava par dî bondì, ogni tant domandavi a parona di lassâmi lâ a puartâi via pal dì una bira sul lavôr se nol era lontan, e lui la sera cuant ch’al tornava dal cantîr al passava a saludâmi. La domenia ogni tant mi menava al cine o a fâ bielas passegjadas tal cjiscjel, tal simiteri di vuera dulà che al era alc di interessant da viodi, e al mi contava, contava…A cjasa a vegnivin di râr, encja un pâr di meis a stavin fûr, no ‘nd era coincidenzas cu las corieras e ur tocjava di pierdi zornadas. Cul lâ dal timp la zoventût a à tacât a fâ la patent e a toli la machina, alora a paiavin il viaç a chel da machine par podei vegni plui spes (a no tocjava plui di lavâsi e comedâsi la rouba che a puartavin a cjasa e la domenia sera al era pront il fagot). Lucio dopo al à proviodût un pâr di pulmins, a era vignuda fûr la leç da setemana curta, e alora a rivavin ogni vinars sera par tornâ a partî il lunis a buinora. Il paron al à simpri tignût al leam cu la sô int e il so paîs, al à avût simpri cui paisans un bon rapuart, coma un di lôr, disponibil a capî ogni situazion, judâ e meorâ par ch’a vessin il plui pussibil una vita dignitosa. Fintramai ur veva comprât la divisa a chei che a zuavin dal balon, una volta a vevin organizât in paîs una coriera par lâ a Brunic a fâ una partida tra clevolans e zuiadôrs di lâ via, una scusa par lâ a cjatâju. Don Franco invidât da Lucio al è stât via spes. Cuant che a è maridada sô fia Claudia lu à volût lui a maridala, e no doma, dopo pa Renata al è stât Don Tarcisio par no fâ tuart, lui nol voleva  dismenteâ nissun, nol pierdeva ocasion par dimostrânus il so atacament. Dal ’66 al à avût la contenteça, dopo dôs fias, di vei il Martin, par lui chel che al vorès continuât la sô opera. Il destin al à disponût che il so cûr strac al cedès un tic, Martin intant cressût al ceriva di dâi une man, e Lucio a i à dât  simpri plui responsabilitât, parcè che si sintiva calâ las fuarças, finchè una dì di colp, in cjasa che al stava sbisiant daprûf di un jet, a i è vegnût mâl e il so cûr si è fermât, al era ai 31 di Lui dal ‘93 e al veva doma 67 agns. I clevolans avilîts e disorientâts un a la volta si son sindilâts cuasi ducj, encja se Martin al à continuât cu la impresa cun onôr che in ora di vuei al è tignût in granda stima e considerazion. Noi veva plui il lôr paron, nol era compagn cença Lucio, e cussì a è finida la ultima compagnia di Clevolons che a àn dividût il lavôr e il vivi insiema lontans da cjasa. Il Bepi al è restât par ben 30 agns a Brunic e incjemò al sint peta di chei timps.

Silvia Puntel


«I giovins cjanterins di Cleulas»

marzo 9, 2009

Ce sucedial cuant che un grup di amîs si cjate il vinars di sere? Al pues sucedi di dut. Ancje di scuvierzi une passion pal cjant popolâr furlan. Cussì e je scomençade la venture da «I giovins cjanterins di Cleulas», un coro di vôs spontaniis, fat di une vincjine di zovins dal paisut, dai 16 ai 30 agns di etât. La fuarte union dal grup e l’impegn ju à puartâts a esibîsi in diviersis ocasions, proponint un repertori siôr di vilotis e cjants tradizionâi natalizis. Cheste iniziative ju à ancje fats puartâ une bugade di ligrie ai ospits des cjasis di ripôs di Paluce e di Tumieç, une esperience che e à tocjât tal profont i cûrs dai zovins. Ai 3 di Zenâr po, a son stâts invidâts a cjapâ part ae trasmission “Cjargne” di Novella Del Fabbro su Radio Spazio 103, dulà che cun emozion a àn contât e cjantât le tiere cjargnele. Ma i “giovins cjanterins” no si son fermâts achì. Domenie ai 9 di Zenâr, aes 3 dopomisdì a son stâts a Sudri pe sierade dai presepis. E par scoltâju di cjase, si stan movint par incidi un cd cui cjants sacrâts e profans eseguîts vie pal an a Cleules. Come che al diseve pari David Maria Turoldo: «Fin che un popul al cjante, al è incjemò di sperâ». E cheste e je ancje la sperance da «I giovins cjanterins di Cleulas».

Hans Puntel

Tante voie di cjantâ

Di bieles vous, a Cleules, a’nd é simpri stades! Quello che forse non tutti sanno è che sono proprio le voci dei giovani di adesso che amalgamate tra loro portano in giro e tengono alto il nome del paese, sfruttando proprio il canto. L’anno appena terminato ci ha visti protagonisti di diverse uscite: la prima il 10 dicembre su invito fatto dalla Società Filologica Friulana di Udine al Circolo Culturale Ricreativo di Cleulis che a sua volta ci ha coinvolti a partecipare alla presentazione di due libri, uno inerente agli abiti che si indossavano un tempo, l’altro su canti popolari friulani tramandati fino ai giorni nostri. Qui, ci siamo esibiti in alcune villotte tra cui “Jo soi stade a confesami”, “Fur, fur nuvice” e l’intramontabile “Lusive la lune”, che facevano da sfondo agli argomenti trattati nei libri. Altro importante appuntamento, il 19 dicembre presso la Chiesa di San Cristoforo a Udine, dove per la prima volta abbiamo cantato oltre al classico repertorio natalizio, tra cui “Fra l’orrido rigor”, “Lusive la lune” e la canzone dei “Tre Re”, anche “Gleisiuta Clevolana”. Il pubblico presente ha apprezzato molto la nostra esibizione, chiedendo inoltre il bis dei coscritti. Seduta tra il pubblico c’era anche Novella Del Fabbro conduttrice della trasmissione “Cjargne” su Radio Spazio 103, che entusiasta della nostra esibizione, ci ha invitati in radio il 3 gennaio a raccontare e a cantare le nostre tradizioni popolari. Oltre a queste partecipazioni abbiamo accettato di buon grado anche altri inviti, come la “Festa dello Sci” a Ravascletto verso la fine di dicembre, dove abbiamo allietato il tardo pomeriggio con canti di diverso genere portando una ventata di allegria e la chiusura della mostra dei Presepi a Sutrio, svoltasi il 9 gennaio, dove per l’ultima volta abbiamo intonato la canzone dei “Tre Re” davanti ad ogni presepio esposto nei borghi del paese e dove la gente si soffermava volentieri ad ascoltarci. Ma non è finita qui! Ricordiamo con simpatia anche il 25 dicembre quando aspettando Babbo Natale sotto la neve assieme ai bambini e ai genitori, abbiamo intonato canti natalizi. Il gruppo si è anche organizzato, tra un invito e l’altro, per animare e portare un po’ di allegria ai “nostis nonos” che vivono nella casa di riposo di Paluzza. Muniti di un simpatico berrettino alla Babbo Natale è partita sabato 18 dicembre la “spedizione” verso la casa di riposo di Paluzza e ci ha riempito i cuori di gioia vedere stampati sui volti di quei nonni, sorrisi e felicità al nostro arrivo. In cuor loro hanno apprezzato i canti, i balli e la merenda da noi offerta. Venuti a sapere che anche nella casa di riposo di Tolmezzo sarebbe stata celebrata una S. Messa animata dai bambini di Cleulis, nella rappresentazione della Natività di Gesù Bambino, abbiamo voluto essere presenti anche in quell’occasione con le nostre voci, unite a quelle del gruppo parrocchiale. Ognuna di queste esperienze ci ha fatto capire che noi giovani di Cleulis contribuiamo a mantenere vive le nostre tradizioni, a diffonderle, a dare vita ai nostri paesi e a coloro che hanno più bisogno, a darsi una mano a vicenda e a farci sentire sempre più uniti e sempre più forti e convinti delle nostre radici. Abbiamo ritrovato il piacere di stare assieme, di metterci in discussione, di costruire concretamente qualcosa per la vita sociale del paese e non. Naturalmente tutto ciò è possibile perché crediamo in noi e nel nostro essere “clevolans”, senza presunzioni di alcun genere e vorremmo cogliere quest’occasione per avvicinare al nostro gruppo tutti coloro che volessero in qualsiasi modo darci una mano in questo percorso, nato dalla scoperta di una forte passione per il canto e che intende proseguire e ampliarsi sempre più in molti altri aspetti.

Rosalia e Alice Maieron

 


Chiude “da Carletto”, addio a ottant’anni di storia

marzo 9, 2009

Un gruppo di adolescenti torna da scuola a metà degli anni novanta, unica loro preoccupazione di quel sabato pomeriggio: che si fa stasera? Risposta unanime e quasi obbligata: che domanda! ci vediamo da Carletto verso le otto. E’ ormai una consuetudine per quei ragazzi che ancora non possono spostarsi dal paese e tuttavia una risposta che si ripeterà come una bella abitudine anche quando, tra pochi mesi, saranno neo-patentati. Ci si ritroverà sempre lì, magari per decidere le prossime mete di un sabato sera che si è atteso con ansia per tutta la settimana. La vita per quei diciassettenni era tutta nel decidere cosa fare il sabato sera (eh, bei tempi quelli). E lì ci si rincontrava, si giocava una appassionata partita di calcetto in cui la pallina schizzava di qua e di là (molto spesso tra i tavolini del bar e tra le imprecazioni più o meno dissacranti), si sceglievano due canzoni al juke-box e magari tra di loro c’era chi (ancora nascostamente) iniziava a dare i primi ‘tiri’ ad una sigaretta o imparava a conoscere il gusto amaro di una birra. Ciò era consuetudine, come lo era sedersi le sere d’estate sulla panchetta fuori e ridere per qualche stupidaggine che qualcuno aveva tirato fuori. Tutto poi proseguiva nelle sonnolente domeniche, in cui la mattina si andava tutti a Messa con la scusa poi di ritrovare gli amici, bersi il caffè e fumare la sigaretta di rito, informandosi sugli esiti più o meno alcolici, più o meno amorosi della serata precedente. Non c’era davvero bisogno di telefoni cellulari, ognuno sapeva dove avrebbe potuto trovare gli altri, era normale! Purtroppo da un po’ di anni molto era cambiato, il tempo non perdona e tutti hanno preso la propria strada, però mai ci sarebbe aspettati la chiusura di un ambiente così importante per piccole realtà come le nostre dove gli unici centri d’aggregazione (checché ne dicano i benpensanti) sono sempre stati i bar. Una chiusura dolorosa anche per chi sembra vedere in quella fine una parte della sua giovinezza che non tornerà mai più, è passata. Certo tutti sappiamo che bisogna crescere, assumersi responsabilità (ma poi perché si deve?), non si può rimanere ragazzini per sempre, ma la fine dell’attività di Carletto per alcuni di noi ha avuto un valore simbolico forte, più che non il conteggio dell’età anagrafica, è  stato come sigillare in una scatola i ricordi, sapendo di non poterli più rinnovare. Comunque, un grazie personale a Carletto per le serate e i pomeriggi che ho potuto passare lì, auspicando sempre che si apra uno spiraglio e l’attività possa riprendere, anche sotto altre forme.

***

Siamo seduti nella semi-oscurità che danno le tende tirate e le serrande abbassate di quello che era il posto preferito di molti. Parliamo faccia a faccia, la tv è spenta, i giochi pure. Quando sono entrata quel pomeriggio ero quasi emozionata, forse sono una che si lascia prendere un po’ troppo dalle emozioni e mentre parlo con Carletto penso alla ridda di ricordi e pensieri che devono affollare la sua mente. Chissà quante persone ha visto passare lì, appoggiarsi al banco, magari qualche volta alticce e quante facce non ci sono già più inghiottite da un’altra dimensione. E di tutti, sì di tutti, il gestore sapeva il gesto che lo caratterizzava come individuo, il modo di tenere una sigaretta o di giocare a carte, o ancora di reggere un bicchiere. C’era chi se ne stava sempre al banco e chi invece se ne stava sbracato per ore su una sedia a discutere, a urlare, a inveire per una brutta giocata. Eppure il locale aperto fungeva da terapia. Era importante sapere che anche se quelle persone che avevano riso, avevano cantato, avevano ballato, oramai non c’erano più, si poteva alleviare la loro mancanza guardando magari le nuove generazioni, il rinnovarsi della vita, sostituire le espressioni di un volto con quelle di un altro, sapere che se qualcuno scompariva c’era qualcun’altro pronto a tenerci compagnia, a farci andare avanti, a calpestare lo stesso pavimento che avevano calpestato quelli prima di lui.

Com’era disposto il locale internamente una volta?

Abbiamo sempre avuto sia negozio che bar, ma tutto era concentrato dove oggi si trova il bar, anche se il banco era da tutt’altra parte. Nell’odierno negozio invece c’era il nostro cucinino, il bagno e il tinello. Devo dire che abbiamo sfruttato più la cucina che non gli spazi del bar vero e proprio, che tra l’altro erano molto angusti. Davanti al banco c’erano tre tavolini, a cui con il tempo sono stati aggiunti il juke-box, la televisione e il biliardino. Il telefono è arrivato molto tardi.

Cosa vendevate nel negozio?

Allora si parlava di ‘generi coloniali’, ma vendevamo soprattutto ‘sorc’ che poi si andava a far macinare ‘tal mulin di Cjecje’. Farina pochissima. Inoltre una volta si vendeva tantissimo pane, quasi un quintale al giorno. Addirittura alla fine della guerra c’erano tre tipi di pane: per i lavoratori, per le famiglie e per i bambini, con diversa grandezza delle pagnotte. Con i mongoli abbiamo scoperto il pane nero, che qui non si era mai visto.

Chi vi portava tanto pane?

A partire dai dodici anni, andavo io a Paluzza a piedi a prenderlo. Facevo il tragitto due anche tre volte al giorno quando le donne che mi aiutavano non potevano venire. Con me solitamente venivano la Luziute, sorella di Cinto, e poi la Brigida. Naturalmente lo trasportavamo con la gerla. Quando dovevo fare i tre viaggi gli orari erano: dalle quattro alle sei, dalle sei alle otto e infine dalle otto alle dieci.

Che bella ginnastica! Quasi impensabile ai nostri giorni! Sempre a piedi?

Sì, finché mio zio Carlo non mi portò una bici tedesca a freno contro pedale, vi ricordo che non c’era l’asfalto, potete immaginarvi… Poi negli anni ’50 hanno iniziato a fare pane a Timau e ce lo portavano loro.

Quando hai preso veramente in mano la gestione del locale?

Dopo aver fatto i miei diciotto mesi di naja, nel 1952 sono andato a lavorare in Toscana ma nel settembre del 1953 (presidente del consiglio Pella, ndr) sono stato richiamato per la questione di Trieste e mi hanno schierato con gli altri a Ronchi dei Legionari. In dicembre ci hanno fatto tornare a casa. A partire dal 1957 sono rimasto sei anni in Francia, finché venuto in ferie d’estate nel 1962 non sono più ripartito. Fino ad allora dietro al banco si erano viste soprattutto le mie sorella Wilma e Tecla, poi sposatesi. Mio padre mi trattenne appunto perché prima o poi loro sarebbero andate via ed io ero l’unico figlio maschio, mentre loro diventavano vecchi. La vera e propria licenza però la ottenni da mia madre nel ‘68. Nel frattempo avevo già perso mio padre per una fatale caduta nel marzo del ’67. Intanto un’altra persona era entrata a far parte integrante (e indispensabile) dell’ambiente, il 20 aprile 1968 avevo infatti sposato Luigina. Mia madre morì nel pomeriggio del 6 agosto ’73, da brava commerciante ci lasciò fare la festa di Sant’Osvaldo e poi se ne andò.

Per uno che è nato praticamente in un locale, dacci un quadro del bar fatto con gli occhi di quand’eri bambino, che puoi dirci?

Naturalmente per me è sempre stato tutto normale, pura consuetudine entrare in quella stanza. Tutti quegli uomini al banco, tra nuvole di fumo, che discutevano animatamente e spesso la sera cantavano. Ma sicuramente i più bei ricordi sono quelli da giovane e sono tutti collocati nelle serate passate nel cucinino.

Un aneddoto particolare di quando eri piccolo?

Certo, in special modo uno. Bisogna premettere che il bar si apriva presto la mattina, verso le sei, per permettere di bere il grappino “a cui ch’a vigniva a porta il lat”. Per vendere la grappa era necessario avere la licenza per i superalcolici che noi non avevamo e così la distribuivamo sottobanco. E’ capitato che un giorno aprii io il bar. Ero ancora bambino ed entrato Zuan di Pantian mi chiese subito un bicchierino di grappa. Sapevo che la tenevamo nel cucinino al riparo da occhi indiscreti, andai di là e adocchiato un bottiglione ch’era sulla tavola ne versai prontamente un bussul e lo servii al cliente che lo buttò giù d’un colpo. Fece immediatamente una faccia strana, mi guardò e mi disse: “ a no è sgnapa cheste ve!”. Impaurito corsi da mia madre e gli riferii l’accaduto e lei agitata mi disse: “Tu i âs dât benzina! A nd’era benzina in che butiglia!”. Naturalmente tornai dal cliente e spiegai ma Zuan la prese con filosofia e senza scomporsi mi disse: “Tu mi as dât benzina e cumò dami la sgnapa”.

Hai parlato di grappa e cos’altro andava di più?

La mattina si vendeva prevalentemente quella, poi c’era il vino, mentre la birra era praticamente sconosciuta. Per quanto riguarda il vino c’erano pochi clienti che bevevano il taj come si fa oggi, allora si andava a quarti, non c’erano misure più piccole, anche se accadeva di fare rare eccezioni. Per gli analcolici andavamo a prendere l’aranciata a Paluzza da Lalo (all’angolo, dove c’era la birreria Alto Bût, ndr), le faceva lui manualmente con il famoso seltz con cui si faceva anche l’acqua frizzante.

E i tabacchi?

Anche per quelli c’era bisogno del patentino, abbiamo avuto difficoltà ad averlo perché c’era già “Peta” che vendeva tabacchi e per legge c’era una distanza minima da rispettare. Comunque tardi intorno agli anni ’60. Da quello che mi sembra di capire, la burocrazia imperava anche allora. In tal senso quindi non è che le cose siano state migliori. La burocrazia c’è sempre stata, le licenze ci volevano allora e ci vogliono anche adesso. L’unica cosa che è cambiata è che allora chi aveva la licenza per aprire un ambiente poteva passare da una persona all’altra, bastava comperarla: la nostra ad esempio era appartenuta a Pina da Carlina (madre di Nisio, ndr).  Tornando al discorso delle licenze e delle eventuali infrazioni, ho ben presente tutte le multe che mia madre ha dovuto pagare perché si ballava e si suonava senza autorizzazione. Non ci hanno mai presi sul fatto ma le sanzioni bisognava pagarle ugualmente. La chiusura dell’ambiente per legge era a mezzanotte ma in realtà quasi sempre si sforava, era impossibile rispettarla! Come pure era impossibile vietare di suonare e ballare a persone che si presentavano già con gli strumenti. Tra questi, ne cito solo alcuni: con la fisarmonica Teu, accompagnato da Genesio, e Viti; col violino Vanino e Ugo.

Una clientela allegra!

Abbiamo sempre avuto una bella clientela, erano persone che cantando e suonando dimenticavano tutto. Rispetto a oggi si cantava molto, era quasi una terapia per affrontare i problemi della vita, il trascinatore dei cori era Siro. Ma non si tralasciava certo il ballo, posso dire senza ombra di dubbio che una grande percentuale di “clevolans” ha imparato a ballare nel nostro cucinino. Eh sì, perché non nel bar, ma di là c’era la vera festa. Nel cucinino si ballava e si giocava a carte, col giradischi posizionato sopra la radio e di cui era responsabile Enos. Quest’ultimo fu l’unico della compagnia che non ha mai voluto imparare a ballare ma che però aveva l’importantissimo compito di cambiare i dischi “al à fruât la cassa das legnas par montâ su e jù a cambiâ i discos!”. Era un moderno dj a cui tutti facevano la propria richiesta: “met su una mazurka! met su un tango!”. E quando avevo l’occasione di andare a Udine uno dei miei primi pensieri era di comperare il maggior numero di Lp e rientravo con tutto quello che avevo potuto trovare sotto il braccio. Ogni occasione era buona per fermarsi nel bar fino alle prime luci dell’alba. Si facevano “las notoladas”, tanto che spesso le mogli che venivano a far spesa la mattina si trovavano il marito lì dalla sera precedente e li apostrofavano con “seistu imò achì”.  L’ultima grande “notolada” fu quella del Carnevale del 1954. Del resto bisogna anche considerare che le macchine e chi le possedeva erano una rarità e quindi era quasi una necessità ritrovarsi insieme in un unico posto, poi tutto ha iniziato a disperdersi, la gente ha iniziato a girare, i nostri vecchi clienti sono morti…

Sfatiamo questa diceria per cui le donne non frequentassero mai i locali.

Da persona informata sui fatti posso ben dirti che io di donne ne ho viste qua dentro, certo lo facevano molto più discretamente. Alcune volte venivano a cercare i mariti e si fermavano anch’esse in compagnia. Non pensare che ci fossero solo uomini, a ballare nel cucinino! E delle risse o delle discussioni che possono scoppiare quando si ha un “tajut di plui” ne avrai viste in tanti anni di attività. Cos’è che accendeva la miccia? In realtà non ho mai avuto grandi problemi in questo senso. Posso aver assistito ad animate discussioni ma mai portate all’eccesso, anche perché di solito se venivano alle mani andavano fuori. Anche per questo posso ripetere di aver avuto una bella clientela. Per quanto riguarda le litigate giravano attorno a un elemento principale: la suddivisione tra alpini e Gaf, allora sì che gli animi si accendevano!

Altri argomenti di discussione?

Il mondo era un mondo agricolo, quindi argomento principale era l’attività della Latteria e tutto ciò che ad essa si ricollegava. Poi lo sport. A questo proposito mi è rimasta impressa la serata in cui Cassius Clay fu battuto da Joe Frazier. Era il 1971 e nonostante la tv oramai la possedessero tutti in casa, ci furono gli appassionati del genere che mi fecero aprire il bar alle quattro del mattino per seguire lo storico incontro, tutti insieme. Nessun rimpianto di essere sceso dal letto, anzi!

I momenti più attesi durante l’anno?

Sicuramente il Carnevale. Rispetto ad oggi era tutta un’altra cosa. Era atteso con ansia, era il tempo dei canti, dei balli, del girare per le case facendo baccano. Si andava vestiti “a biel”. Avevo un bel vestito tutto nero prestatomi dalla Concetta e su questo avevo attaccato dei fazzoletti presi da mia zia Menia. Tra i tanti anni il 1951 mi è rimasto impresso. Eravamo andati in comitiva a Timau a ballare dal Beppuccio, verso le 18 sono venuti ad avvertirci che aveva iniziato a nevicare, la risposta fu “sa nevia, lassia ch’a nevei”. Il risultato fu che tornammo a casa a mezzanotte calpestando sessanta centimetri di neve fresca. Erano certo bei tempi quelli, la gioventù era molto più allegra se confrontata a quella di oggi. Non posso poi dimenticare la festa del santo patrono ma per tutte le feste comandate c’era fermento. Per Sant’Osvaldo facevamo anche 2-3mila cjalcòns e la gente veniva anche da Paluzza. Per non parlare poi di occasioni particolari come la prima messa di don Franco che vide la partecipazione di un centinaio di persone. Cuoche erano mia madre e la Bianca.

***

V’immaginate se per magia si dovessero sentire tutte le voci di quelli che sono stati lì o si vedessero d’improvviso tutte le facce? O se, come sulla sabbia d’estate, avessero potuto imprimere le loro orme? Penso anche a tutti quelli che con Carletto hanno condiviso un momento di sconforto, annegandolo in un bicchiere e sfogandosi, ma penso anche ai momenti felici, ai brindisi avvenuti là dentro magari per l’arrivo di un nuovo cleuliano. Mi auguro che si possa un giorno poter risentire le risate e le discussioni in quel luogo e che ci sia qualcuno “devûr dal banc” disponibile ancora a raccogliere gli sfoghi, le gioie, i dispiaceri di chi per cinque minuti si sofferma là col famoso gomito sul banco.

 

Da Eufemia a Paola, la storia del locale

Eufemia, originaria di Cordenons è arrivata a Cleulis, sposando Giovanni Bellina di Cunero nel 1924. Nello stesso anno la nuova famiglia ha rilevato l’attività da Elia di Rampon, che allora gestiva un ambiente nell’attuale edificio della Latteria. Subito dopo, nello stesso anno, il padre e la madre di Carletto si spostarono in affitto da Antonio Toniz e lì rimasero fino al 1935. Nella primavera del 1936 entrarono nel locale che tutti oggi conoscono, costruito sulla base di una stalla comperata dal proprietario ch’era Vicjut da Pantian. Inutile dire che la sistemazione e gli spazi erano molto diversi da quelli odierni. Il locale rimase immutato fino al 1976, quando fu definitivamente ampliato con la stanza in cui oggi si trovavano la televisione e i giochi. Dopo i fasti degli anni ‘80 e ’90, con il pensionamento di Carletto la gestione di bar e alimentari passò alla figlia Paola. Fino al 31 dicembre 2004, ultimo giorno di apertura del locale che per ottant’anni ha accompagnato storie e vicende del paese.

Sara Maieron


DAL CCR BUONE NUOVE

marzo 9, 2009

Anche quest’anno il Circolo Culturale Ricreativo di Cleulis ha partecipato alla mostra del “Lunari fat in Cjargne”: manifestazione ideata dalla redazione de “Il Gjornêl” di Imponzo che da parecchi anni riunisce tutti i calendari stampati in Carnia. Detta manifestazione, nata inizialmente per far conoscere al pubblico tutti i calendari che le varie associazioni stampavano nel territorio della Carnia, da qualche anno ha allargato i suoi orizzonti accogliendo anche quelli prodotti da  altre realtà, diverse dalla Carnia, come la Val Resia, con la sua originale lingua, e la pedemontana.  La mostra annuale quest’anno, facendo seguito a quella dell’anno scorso svoltasi a Resia, proprio per ribadire questo concetto di non chiusura ma di confronto con altre realtà, si è svolta a Magnano in Riviera con la cerimonia di apertura il 30 dicembre 2004. Il nuovo “Lunari di Cleulas” per l’anno 2005 ci presenta le varie figure dei sacerdoti che hanno svolto la loro pastorale nel nostro paese nel secolo passato. E’ stata una scelta di doverosa gratitudine per tutti coloro che hanno spesa la loro vita, o parte di essa,  al servizio della nostra parrocchia divenendo veri punti di riferimento e di aiuto per tutta la popolazione nei momenti tragici e difficili del secolo passato. Oltre al calendario e alle ormai tradizionali manifestazioni che cura durante l’anno, come: il carnevale dei bambini, il lancio “das cidulinas”, l’assegnazione dei premi per i bambini della quinta elementare, la giornata dell’anziano, la “Sagra dai cjalsons” in occasione della festività di San Osvaldo, Babbo Natale, sempre per i più piccini, un’importante iniziativa è stata intrapresa dal Circolo in collaborazione con la locale Amministrazione comunale: quella di rinnovare e, in parte ristrutturare, la sede del vecchio ambulatorio con l’idea di farne poi la propria sede. I primi lavori fatti sono stati quelli di scoperchiare il tetto, diventato pericoloso per l’incolumità delle persone, e prepararne uno nuovo: a oggi manca ancora da posare il manto che dovrebbe essere fatto in lamiera. Si pensa di terminare tutti i lavori nel corso del presente anno con la ristrutturazione anche delle parti interne e della scala esterna segnatamente al corrimano. A tale proposito il Circolo Culturale coglie l’occasione e lo spazio  concessogli da “Gleisiuta Clevolana” per ringraziare, oltre alla sensibilità e disponibilità dimostrata dall’Amministrazione comunale,  tutti coloro: privati cittadini e associazioni locali quali il Gruppo Ana, l’Afds, che hanno gratuitamente prestato la loro opera affinché l’impegno assunto nei confronti del comune e della popolazione venisse mantenuto. E’ stata una ulteriore occasione per  dimostrare che insieme si può collaborare per il bene del nostro paese, cercando di risolvere i problemi che ci riguardano senza attendere che li faccia qualcun altro. Un ringraziamento particolare va però anche ai nostri bambini che, in occasione di Babbo Natale, hanno voluto ricordarsi dei loro coetanei meno fortunati che si trovano in ospedale portando a Babbo Natale dei loro doni personali consegnati poi al reparto pediatria dell’ospedale civile di Tolmezzo. E’ un pensiero che denota la sensibilità dei più piccoli che non si chiudono nell’egoismo ma fanno partecipi della loro gioia coloro che sono nella sofferenza.

Il Circolo Culturale Ricreativo di Cleulis