VOCE DI PAESE

marzo 9, 2009

20 aprile 2003. Pasqua con i bambini. Nel giorno dedicato alla Pasqua, i bambini della scuola dell’infanzia di Cleulis e di Timau hanno animato la celebrazione, rinnovando alcune tradizioni pasquali, come la benedizione delle focacce, e animando la liturgia. I bambini hanno indossato variopinte magliette da loro realizzate a scuola.

1 maggio. Rogazioni a Coico. Com’è ormai tradizione nella festa dei lavoratori, anche quest’anno si è tenuta la Rogazione alla cappella della Madonna del Viandante, a Ramaçâs. Con due processioni, una da Cleulis e una da Paluzza, i fedeli hanno ripercorso lo stesso tragitto battuto dai loro antenati, che di rogazione ne facevano parecchie all’anno. Alle 11, il parroco don Tarcisio Puntel ha celebrato la Santa Messa, animata dalla partecipazione della corale di Cleulis. Nell’omelia si è ricordata proprio l’attualità della liturgia rogazionale, con una guerra appena conclusa e un nuovo flagello che spaventa il mondo. Dopo il pranzo offerto dagli alpini, c’è stato un momento di allegria e di incontro che ha coinvolto le due comunità, durato fino a tardo pomeriggio.

18 maggio. Festa degli anziani. Organizzato dal Circolo Culturale Ricreativo di Cleulis, la festa ha radunato i nonni del paese, per una giornata indimenticabile fra chiacchiere in compagnia e buon mangiare. Dopo la Santa Messa, dedicata gli anziani, infatti si è svolto il pranzo presso l’albergo del paese, offerto dal Circolo. 

24 maggio. Rinnovato il direttivo Secab. Nuova sede per la Secab, Società elettrica cooperativa di Paluzza, inaugurata con discorsi ufficiali e pranzo collettivo offerto a tutti i soci. Con il rinnovo del direttivo, poi, da segnalare che il presidente del CCR di Cleulis Sereno Puntel è stato confermato membro del consiglio di amministrazione.

6 giugno. Fine della scuola. Tutti a casa per le meritate vacanze. Per gli oltre trenta bambini che frequentano le scuole elementari di Cleulis e di Timau è arrivato il momento di riposare. Cercando di non ritornare a settembre, dimenticando tutto quello che è stato imparato.

12 giugno. Inaugurazione agriturismo Lavareit. Con la benedizione del parroco don Tarcisio Puntel, è stato aperto ufficialmente l’Agriturismo ‘Lavareit’ gestito dalla Cooperativa AgriCleulis. Alla presenza delle autorità comunali, si è dato il via alla nuova attività ricettiva sorta all’interno della malga, che funziona con continuità e successo per la monticazione estiva del bestiame dai primi anni ’80. La nuova struttura resterà aperta tutta l’estate. E’ stato predisposto un ottimo punto di ristoro e volendo sarà possibile anche pernottare in quota: ci sono 15 posti letto disponibili. A malga Lavareit è consigliabile andarci a piedi, per la salute del proprio corpo. Ma se proprio non ce la fate, la strada è decente per salirci anche in macchina. Il 12 luglio, inoltre, si è svolto anche un convegno dell’Ersa sull’allevamento della capra. 

13 giugno. Inaugurazione Maina. Dopo i lavori di ristrutturazione, è stata inaugurata, sul sentiero che da Paluzza porta a Coico, la Maine dei “Petris”. Questa famiglia ha molti discendenti a Cleulis. 

13 luglio. Festa sezione carnica dell’ANA. Anche il gruppo degli alpini di Cleulis partecipa alla festa della sezione, che quest’anno si tiene “in casa”, a Paluzza. Le penne nere sfilano per il centro, accompagnante dal suono della banda. 

21 luglio. Ricordo dell’eccidio. Con una Santa Messa celebrata dal parroco don Tarcisio Puntel si è ricordato l’anniversario della strage di Promosso. Quest’anno è stato dato alle stampe anche un libro “Testimone oculare”, a cura di Alfio Englaro, che cerca di fare luce su quei tragici eventi del 21 e 22 luglio nella Valle del Bût. Nella giornata precedente, il 20 luglio, si sono tenute le manifestazioni ufficiali.

Oscar Puntel

 

Annunci

LA MADONA MISSJIONARIA

marzo 9, 2009

 

PAR NO dismenteâ la granda testemoneança di fede da nosta int di una volta.

 

 

Un dai aveniments plui sintûts, sperimentât dal nosti paîsj, al è stât chel da visita da Madona Missjionaria di Tresjesjim. A è lada in pelegrinagjo di paîsj in paîsj par duta la Cjargna e pal Friûl intal 1948. Sji sa che tant plui granda a è la dibisugna e tant plui a fuart sji alça la vousj par clamâ il Pari Eterno ch’a nus deti jutori. E intal timp da seconda vuera, tal infiern dai combatiments e da miseria, a era doma la fede ch’a podeva dâ coragjo e confuart. Ogni famea  a viveva cun tancj problemas, tant plui che la maiorança a veva cualchi familiâr al front. Inmagjinaitsji la pena di chês maris, sposas, fîs e parcè no encja murosas ch’as veva il lôr puè intai pericui e incjamò pieis, par meisj e meisj, cença nissjuna novitât. A cui se no a Madona, che come mari a era lada devûr al so Fi sul Calvari, patint cun Lui, a podevin travuardâsji chestas feminas? Cussì, finida la vuera, a sji à pensât ben di puartâ in pelegrinagjo intai paîs la Madona Missjionaria: par un sens di gratitudine pai pericui scjampâts e par ravivâ la fede.

Il Sjiôr Santul da Çurçuvint.

Ricuardant il fat da Madona Missjionaria, pre Antoni Beline intal so libri ”Sjiôr Santul”( ediz. Clape Culturâl Cjargnei cence Dius, 1976, pag.126) al scrîf “Chei di Udin par jessi sigûrs che la robe e funsionave, a cjerçarin mo ca mo là par viodi ce efiet che e faseve tai paîs. Cussì a sielzerin ancje Çurçuvint come “lancio”. Bisugne dî la veretât che e fo une robone mai sucedude”.

 

Viodût ch’a veva funzionât cussì benon, sji era decidût di puartâle in ducj i paîs, encje in chei indulà ch’a era za stada e duncja encja a Çurçuvint. Sji sa ch’al era famous il preidi da Çurçuvint par jessi il plui bon e altruist dai siei confradis. Lui nol tigniva mai nua par se; la sô puarta a era simpri vierta pai biâts; s’a nol veva nua da dâ, una peraula, una dimostrazion di afiet o un rifugjo al era sigûr. Insoma a no sji saltava fûr da sô puarta cença vei ricevût alc. Ven a stâ che una dì al ven don Luciano e a i dîs:” Veiso let, Sjiôr Santul, su la Vita Cattolica che il Vescul al à dât il via al pelegrinagjo da Madona Missjionaria e cuant ch’a passarà par achì a tornarà encja a Çurçuvint?”. A sji sa che la Madona a no vigniva da bessola, ma a veva un seguit e a tocjava al preidi pensâ a proiodi pas spesjas. Il biât plavan ch’al era simpri cença un boro, a sintî ch’a tornava, dut preocupât, i è vignût dibot mâl: Ma s’a è za stada?”.  Nol veva musa da cristian e brundulant e nervous al lava sù e jù pa stanza. Catin, la sô sierva ch’a era da Temau, viodintlu cussì preocupât, a i dîsj:” Ce veiso po’, Sjiôr Santul, ch’i seis cussì nervous e preocupât?”.S’a tu savès, Catin, ce ch’a mi tocja, s’a tu savès!”. “Ce, po, Sjiôr Santul?”.“Ma sâstu ch’a torna!”. “Cui tornia, po!”. “Eh, s’a tu savès…a torna…a torna…”. “Ma ce tornia, la vuera…la miseria…”. “No, No, pieis Catin, pieis…”. “Il teremot…”. “Pieis…pieis…”. “Pieis dal teremot? E alora ce po’…”. “A torna la Madona Missjionarie cun chei mangjons ch’a à daûrsji!”. Il biât pre Luigji no la veva su cu la Madona, ma la Providenza a lu à judât encje in chê volta.

La Madona Missjionaria a Cleulas. Cumò volarès contâ cemût ch’a è rivada a Cleulas.

No ai ricuarts personâi parcè che eri massa piçula; ai provât a informâmi ca e là fra chei ch’ai era presints in chei timps. Però al è passât tant timp: cui è massa vecjo e a no sji impensa benon, cui in chê volte al era massa zovin e al sji impensa pouc.   Ducj ai son d’acuardi ch’al era freidon (sin in dicembar!). La Madona, partida su un camion dal sanatori di Paluça a è rivada aì dal puint e i clevolans in pussjissjion a son lâts a tolila. Cjantant e preant a la àn puartada inta nosta gleisjia. Incjamò cui ch’a conta a sji emoziona intal ricuardâ la fede ch’a ju animava, la fiducia, la devozion sincera e l’umiltât: un’atmosfera tant calorosa ch’a sji la palpava. Il nosti don Celso, che par dâ solenitât a un tâl aveniment al era il plui “babio”, al à dât inizi a vegla da Madona. Duta la not la gleisjia a era plena di int, ogni famea a veva di jessi rapresentada; se un a nol podeva fermâsji dut il timp, sji davin il cambio. Sji è fermada doi dîsj, il 22 e 23 di dicembar e cuant che a è sjindilada, prin di consegnâla ai tamoveisj, a la àn puartada par dut il paîsj. A puartâla a erin i fantats, un di chescj al ere Cirino, apena tornât da prisjonia. Par dâ plui fervôr, don Celso al veva proponût di lâ scolts: lui il prin e po i clerics, chei ch’a la puartavin e la int ch’a desiderava. Sji impensa Cirino ch’a sji fermavin a ogni maina ben furnida a dâ la benedizion. Intun puest al sji era intivât scolç propi sora una glaçuta che, finida la benedizion a sji era disjfata sot i pîts. Un frut d’in chê volta al dîsj che encja i Tonelas a vevin fata una lôr maina, abàs a vevin metût encja un tapeit. I clericuts intant da benedizion, biel svuelts, a sji erin ingrumâts ducj sul tapeit. Dopo fin jù in Aip e po’ via pas Pilas. Al conta Vinicio che in pussjissjion a era una femina devant di lui cun tâls screpoladuras di creturas intai telons, ch’a i son restâts incjamò intai voi. A vevin fata dongja una biela piçada di palancas cu las ufiertas in chê ocasjion. La Madona a è stada consegnada ai tamoveisj aì da Siea, di là dal puint, indulà ch’ai era vignûts incuintri. Dopo la visita a Temau, a è tornada jù pal stradon. Al era sora sera, sul vignî not e i tamoveisj intal prât dal Silvio in Cuesta Claudina a vevin fat cui grumuts dal sitiç una granda scrita e dât fûc ” Madre ritorna”. Cuant che la Madona a veva di tornâ a partî da Paluça, la int dai paîs dongja a son lâts a saludâla. Puemuts ch’a vevin il gjaul a sacadòsj, sintint che ogni paîsj al veva dât la sô ufierta a Madona e ch’a vevin tirât sot un bon alc a preavin cun ironia: «E voi, Madonna milionaria, pregate Gjesù per me!». Mi pâr che cui chei bêçs a àn fat il grant santuari da Madona ch’al è a Tresjesjim.

                                                                                                     Silvia  Puntel

 

 

Raccontiamo ora come sono state vissute queste giornate dalla popolazione di Cleulis, leggendo la cronaca dell’allora parroco mons. Celso Morassi.

DAL LIBRO STORICO DELLA PARROCCHIA 

Madonna Missionaria, 22/23 dicembre 1948.

Proveniente dal Sanatorio di Paluzza, alle ore 15.00, giunse con un automezzo la Madonna Missionaria. I fedeli di Cleulis erano tutti ad attenderla al ponte, dove la bambina Puntel Beppina di Cesare le rivolse parole di saluto e le offrì un mazzo di garofani. Transitò attraverso Leipacco, tutta ornata di festoni, archi, bandierine e manifesti. Venne trasportata da giovani reduci scalzi, benché il terreno fosse coperto di ghiaccio e la temperatura di 6 gradi sotto zero, fino in chiesa. Ivi si svolsero le funzioni penitenziarie e la messa di mezzanotte, durante la quale si fece la comunione solenne degli uomini, delle donne e dei giovani (250). Ci fu la veglia notturna, mentre il triduo di preparazione era stato predicato dal pievano e vicario foraneo di Paularo, don Primo Zuliani. Il 23 mattina, [si celebrò] la messa del fanciullo e comunione; alle 9, messa solenne, indi via crucis predicata per le vie e le piazze di Cleulis, dove nei luoghi delle stazioni erano stati eretti 14 altarini. Predicatore, portatori, diversi giovani e don Carlo, che portava la croce, erano scalzi. Alle 15.15, [ci fu] la funzione di saluto, Missus, indi di nuovo in piazza a Cleulis, indi per Placis tutta una galleria di verde per il piazzale delle scuole, per Aip, processione di tutto il popolo. Aip è tutto ornato. [Qui si fece la] fermata della madonna e breve discorso. [Poi si proseguì] Pas Pilas sino ai Casali Sega, dove alle 17.00 si arrivò e dove erano pronti i timavesi, per accogliere la venerata immagine. La Madonna missionaria segnò un risveglio mariano ed una comunione quasi generale di tutta la popolazione. Nell’occasione ci fu la consacrazione delle famiglie al Sacro cuore di Maria. Primus Ferdinando dall’America aveva di nuovo fatto pervenire alla Madonna un grandioso cesto di garofani bianchi.

Mons. Celso Morassi

 


PANTALEON, ANTENATO DI TUTTI I PUNTEL

marzo 9, 2009

Vi siete mai immaginati come poteva apparire Cleulis nell’anno del Signore 1342?  Scommetto che nessuno di noi avrebbe mai immaginato che la storia del nostro paese potesse andar così indietro nella notte dei tempi. Eppure i documenti, anche se con scarne notizie, dicono il contrario e seppur frammentariamente ci permettono di sapere qualcosa di più sulle nostre radici. Prendiamo dunque le mosse da una piccola citazione che compare appunto a metà Trecento in un documento del patriarca Bertrando, dove descrivendo i confini del famoso lago presente in questa vallata, si nominano una “Costa Clavolina” e una “seconda Ruvina de Cleulis ”. Il ricordo di questo lago è rimasto a lungo nella memoria collettiva, non solo per storici come il Gortani che ne scrissero, ma anche per la toponomastica di alcuni luoghi: la glerie di Aip era anche conosciuta al plurale come “las braidas dal lât” e nella memoria dei più anziani sono ancora presenti numerose pozze paludose (presenti anche in centro a Timau), senza ombra di dubbio residui dell’antico lago ormai scomparso. Tale lago verrà poi fatto oggetto di contesa (nel 1608) tra la comunità e il Gastaldo di Tolmezzo, accusato di aver usurpato i proventi di un bene collettivo, che sembra rendesse moltissimo in termini di prodotto pescato. Qualcuno potrebbe obiettare che nel documento sopra citato compare solamente il nome di una località senza nessuna prova che tale luogo potesse già essere abitato. In realtà la nostra storia è solo all’inizio, perché è qui che inseriamo la prima notizia documentata di un nostro antenato, abitante a Cleulis a metà del ‘300. Immaginiamoci una assolata e ventosa giornata dell’ultimo giorno di settembre dell’anno del Signore 1353, immaginiamo la soddisfazione di un uomo chino davanti ad un notaio che firma l’estinzione di un debito contratto con un suo conterraneo di Siaio. E’ questo il primo scritto che testimonia di un “Petro q. Valentini de Clevullis”. (1) Sembra ininfluente, ma é questa breve annotazione fatta da un notaio di Paluzza che ci dà la certezza che già nella seconda metà del 1200 il nostro paese esisteva nel senso di luogo abitato. Ci siamo, è la nostra storia che inizia.  E in questa ricerca delle nostre radici primigenie, partendo da quest’ultima sintetica menzione, ci permettiamo di introdurre delle ipotesi del tutto nostre che ci portano ancor più indietro nel tempo e quindi a retrodatare ancora la fondazione di una prima comunità sulla nostra “cleva”: ad esempio, dobbiamo a rigor di logica ammettere che il padre di questa persona doveva essere nato qualche annetto prima e che lo stesso Pietro doveva almeno avere una trentina d’anni per contrarre un debito; possiamo così facilmente arrivare ad una data che si aggira intorno alla metà del Duecento. Ma proseguiamo con i documenti. Abbiamo già visto all’inizio come il nome del nostro paese venga ricordato in un documento ufficiale, ma dobbiamo ora passare ad un altro scritto (molto più famoso e menzionato, in quanto riguardante i numerosi diritti e privilegi accordati alla ‘provincia della Cargna’), risalente all’agosto del 1392, opera del patriarca Giovanni di Moravia, che pone Cleulis insieme ad altre quattro ville (Sauris, Sappada, Forni Avoltri e Timau) sotto la diretta giurisdizione di Tolmezzo, per la loro particolare vicinanza ai confini della gastaldia. Questa però è storia generale mentre noi vogliamo tornare alla storia particolare e tentare di ricostruire (almeno per quanto possibile) la storia dei nostri antenati, che è poi la storia diretta di quanti ancora oggi hanno su di sé il segno della loro origine cleuliana: il cognome ‘Puntel’. E già perché da carte successive, risalenti ad un periodo più tardo, si può intuire come questo cognome non venga importato da altre zone ma sia originario del posto. Sembra infatti che esso sia un patronimico, ossia la derivazione dal nome proprio di una persona, che poi diventerà fisso per tutti i suoi diretti discendenti. A questa conclusione si giunge da un documento (riportato originalmente nella foto) (2) datato 1463. Lo scritto riguarda un certo Pantaleone, che in lingua veneziana veniva indicato come Pontello (a quanti fosse sfuggito ricordiamo che dal 1420 tutto il patriarcato era sotto la giurisdizione della Serenissima repubblica e tale rimarrà sino all’avvento delle truppe Napoleoniche agli inizi del ‘800). A sua volta il veneziano Pontello in lingua carnica venne pronunciato come Puntel e tale rimase fino ai nostri giorni. Possiamo dunque affermare senza tema che capostipite di metà dell’attuale popolazione è proprio questo sconosciuto signore di metà ‘400. Non è finita qui, perché grazie ad un testamento ancora più antico (è del 1450), si deduce senza ombra di dubbio affermare che la famiglia del Pantaleone era abitante nella località di Cleulis. Infatti tale carta, compilata in casa del notaio Bruni di Paluzza, riporta il nome e soprattutto (cosa per noi più importante) l’appellativo dato al padre del nostro capostipite: “Pantaleone del fu Leonardo Claulachar”. “Clalach” era probabilmente il nome dato in timavese a Cleulis e di conseguenza “claulachar” era l’aggettivo che ne indicava la sua appartenenza al paese. Addirittura il nome di Leonardo “claulachar” compare in una vertenza per il possesso di un campo a Cercivento nell’anno 1405; qui il nostro è chiamato come testimone (3). I documenti poi con l’andare del tempo aumentano, ma ci pare del tutto inutile proseguire, il nostro scopo è ormai raggiunto. Abbiamo qui stabilito l’antichità del nostro borgo e soprattutto abbiamo tentato di ricostruire per sommi capi da dove derivi il cognome ‘Puntel’ e ciò che colpisce e fa venire i brividi e come certe cose si tramandino nei secoli, come da un semplice nome di una persona vissuta sei secoli fa possa derivare una parte della nostra identità.

Sara Maieron

Documenti consultati:

(1) Documento del notaio  Franciscus de Palutia

(2) Testamenti di pellegrini “romei” del Canal di San Pietro, nell’anno Santo 1450. Archivio di Stato di Udine . Archivio nazionale antico. Notaio Pogli – Rivo

(3) Documento del notaio Pogli (Arch.di Stato-Ud)


Il bollettino parrocchiale di Cleulis festeggia la centesima uscita.

marzo 9, 2009

 

Siamo nel mese di luglio 1969: io sono ancora studente e in quel momento a casa per le vacanze. Don Carlo, dopo la S. Messa, mi si avvicina e mi dice: “Usnot, as vot di sere, cuant ch’a riva la coriera in som la straduta, tu larâs a toli il pac dai boletins ch’ai riva da Udin!”. Era il primo bollettino parrocchiale del nostro paese! Da quel giorno sono trascorsi 34 anni e di bollettini ne sono usciti esattamente 100 numeri. Oggi don Carlo non è più con noi e io sono qui, suo successore, con il dovere di continuare questa meravigliosa opera da lui iniziata, sia per rispetto alla sua memoria, sia perché i Clevolans vizins e lontans attendono con ansia Gleisiuta Clevolana. Ho letto con curiosità l’articolo di prima pagina di quel primo foglio parrocchiale: « Cari compaesani, a sette mesi dalla mia permanenza in mezzo a voi … sono qui per guidarvi verso Dio … sono qui per continuare il colloquio spirituale delle nostre anime col fratello maggiore Gesù Cristo … sono qui per formare alla vita cristiana i bambini e gli adolescenti … sono qui per incoraggiare i genitori e aiutarli nel loro compito così assillante di educatori … sono qui per dire agli anziani di camminare sulla strada che è stata loro tracciata dall’indimenticabile don Celso … sono qui per dire a tutti con l’esempio e con la parola … Saluto gli emigranti, anche a voi arriverà Gleisiuta Clevolana con l’intento di tenervi uniti al nostro Cleulis».

 … Mentre sfoglio, una ad una, quelle grandi pagine formato giornale, entro con il ricordo nella piccola canonica di Cleulis. Vedo il sacerdote curvo sulla macchina da scrivere, sento il ticchettio lento dei tasti. Un lavoro paziente, da certosino. Ricordo poi lo studiolo invaso dai bollettini da piegare e le buste su cui scrivere l’indirizzo di ciascun emigrante. Ogni bollettino significava scendere almeno tre volte a Udine: per portare il materiale in tipografia, per la correzione delle bozze e l’impaginazione e infine per ritirare la stampa. E questo per 20 anni! Fin quando alle Arti Grafiche di Udine è subentrata la tipografia Cortolezzis di Paluzza. Oggi a Gleisiuta Clevolana manca senz’altro don Carlo, con il suo brio, la sua spontaneità, le frasi talvolta piccanti che rendevano piacevole la lettura. In compenso si presenta più ricca, grazie ai giovani che compongono l’attuale redazione e a quelli che collaborano dall’esterno. La direzione è affidata a Oscar Puntel, un ragazzo con tante buone idee ed entusiasmo. Per cui, se sono stati i giovani di Cleulis a raccogliere l’eredità di don Carlo, possiamo ben sperare anche per il futuro.

il Sjiôr Santul don Tarcisio Puntel

Cari lettori,

nei suoi oltre 30 anni di vita, questo foglio ha segnato la storia del paese. Ha assolto una missione speciale importante: quella di informare e formare, raccontare e far riflettere. Siamo arrivati a 100. E Gleisiuta Clevolana cambia volto, ma in fondo mantiene le ambizioni di sempre: essere letto e apprezzato dalla sua gente. Perché il bollettino è il bollettino. Si aspetta con trepidazione e poi, quando arriva, si sfoglia tutto d’un fiato e si scorrono le foto. Veste nuova, da oggi in avanti, con la testata a colori e nuova impostazione di pagine.

Oscar Puntel

 


L’INSOSTENIBILE LEGGEREZZA DEL PONTE DEL MOSCARDO

marzo 9, 2009

 

Bulloni asportati, gambe slogate e iter burocratici bloccati in Regione. Il giallo sulla chiusura del ponte del Moscardo si contorna di particolari sempre più torbidi, in questa estate da caldo tropicale. E io rampante giornalista d’assalto capisco che la faccenda comincia a farsi succulente. Quindi con la macchina fotografica, mi precipito sul luogo del delitto per scoprire i retroscena di quello che, da semplice fatterello di paese, è diventato il caso dell’anno. Tant’è che tutti si interrogano: come mai il ponte del “Moscardo” è chiuso? All’inizio sembrava un furto. Anzi, tutto è partito da un furto di bulloni. Che c’è stato veramente, e che Gleisiuta Clevolana nell’ultima edizione di “Voce di paese” ha “strillato” come causa principale della chiusura al passaggio. Apriti cielo. Un innocuo pettegolezzo popolare, che da tempo girava di bocca in bocca per il paese, riportato su carta ha avuto l’effetto di un elefante che entra in un negozio di cristalleria. E il parapiglia ha iniziato a scatenarsi vorticosamente tra chi, indignato, si interrogava: «Ma possibile che per due bulloni bisogna chiudere il ponte?» e chi uggioso sentenziava: «E’ una bufala!». Sta di fatto che in redazione nessuno ha fatto pervenire lettere di smentite. Neppure una versione ufficiale dei fatti. Dopo la segnalazione che qualche malsana testa di paese aveva avuto l’altrettanto malsana idea, per burla o per infermità mentale (a questo punto la differenza mi pare veramente minima), di smontare completamente la nuova opera architettonica del Moscardo, salto il divieto d’accesso e vado sul ponte a mio rischio e pericolo ad appurare la verità. Ed appuro che – in effetti – un bullone è stato completamente asportato e mancano all’appello anche quattro dadi di altri agganci, due per lato. Attraversando il ponte, non solo non mi è successo nulla, ma quando mi sono messo a saltare sulla sua futuristica arcata stile ponte di Brooklyn non ho avuto la disgrazia di spiattellarmi fra i sassi del torrente. La struttura non ha dato il minimo segno di cedimento. Allora anche a me è venuto il sospetto che no, forse per due bulloni, non è possibile che si decida di chiudere un ponte. Intanto però, per rincuorarmi, era sorta anche a me un’idea malsana: comprare due bulloni e regalarli al comune. Costano 10 euro, per chi vuole contribuire alla raccolta benefica. Passa una settimana e approfondisco l’argomento. In giro inizia a diffondersi la voce che non sia stato omologato. Però un mio informatore che passava di là ha assistito al collaudo in prima persona: hanno imbracato il ponte di Brooklyn di cavi e tiranti, poi grazie agli scavatori gli hanno imposto un peso pari a quello che dovrebbe portare. Prova superata. Il collaudo mi viene confermato dall’ing. Giovanni Puntel, direttore dei lavori. Il nostro compaesano mi informa di un particolare che non conoscevo. «La questione del furto è solo una diceria. Infondata sulla motivazione della chiusura» mi spiega. La verità è un’altra: alcuni mesi fa una signora, attraversando il ponte, era scivolata sulla riva di sabbia che lo collega alla strada asfaltata. La signora s’è fatta male e per l’accaduto ha sporto denuncia al comune. Mi fiondo da Zanier, prima che scappi in vacanza. «Sindaco, perché il ponte del Moscardo è chiuso?». Risposta: «Perché non è stato collaudato». Oddio. Inizio a trasecolare. «Ma come, – ribatto io – se mi hanno detto che lo hanno imbracato… gli hanno messo i tiranti… gli scavatori… il peso?!?». «E’ vero, tre mesi fa. Però l’iter amministrativo non è stato completato». In pratica il collaudo non è stato ancora ufficialmente certificato. Anche la storia della signora che si è fatta male è vera. Non solo: «Per fare le rampe di collegamento fra la strada asfaltata e il ponte – spiega il sindaco – servono una perizia di variante e una serie di autorizzazioni. Tutte bloccate in Regione». Morale: non si può passare sul ponte perché manca la certificazione del collaudo e, qualora questa arrivasse, il ponte sarà ancora off-limits, dato che per quella volta non esisteranno ancora le rampe. Alla fine, quelle, dovrà farsele da solo il povero Silverio. Che da lassù, se la ride. Eccome se la ride.

Oscar Puntel