Un anno con i Giovins Cjanterins

Siamo giunti ormai alla fine del 2018 e come si è soliti fare è tempo di bilanci ed è giusto informare i nostri compaesani, che sempre ci sostengono con affetto, delle tante iniziative e manifestazioni che hanno visto la nostra associazione attiva e partecipe. Come ormai sa bene chi ci segue da anni, la nostra è un’associazione “sempre in movimento”, sempre in prima linea nella continuazione delle tradizioni paesane, ma anche ben disposta a partecipare ad eventi nei vari comuni limitrofi. Quasi in ogni mese dell’anno, l’agenda dei Giovins Cjanteris vede qualche evento, più o meno importante, ma tutti realizzati con il massimo impegno e con la massima dedizione. Si parte già a febbraio, con la festicciola di carnevale per piccoli e grandi: una miriade di coloratissimi coriandoli si vedono in ogni angolo della piazza e per le vie del paese: dopo una piccola sfilata e la foto di rito sot il tei, si prosegue con il divertimento presso l’albergo al Cacciatore, che ringraziamo per la concessione della sala e per l’allestimento della festa. Marzo è tempo di cidulines: per la festività di San Giuseppe infatti, si preparano tante rime per le coppie di innamorati e, sul colle sopra Cleulis, le rotelle infuocate vengono lanciate in aria per augurare ai fidanzati fortuna e prosperità. Quest’anno le condizioni metereologiche sono state particolarmente insolite: la pioggia mista a neve che scendeva copiosa ha creato infatti un’atmosfera che si vedeva poche volte negli ultimi anni, ma nemmeno il brutto tempo ci ha fermato e la serata è comunque ben riuscita grazie a quei tanti giovani che, nelle settimane prima, si impegnano chi con la scrittura delle rime, chi nella preparazione das bruscjas, chi nel lancio, affinché tutto riesca alla perfezione. Se, di solito, fino al mese di giugno non siamo impegnati in nessun evento, quest’anno la fine di maggio ci ha portato un’inaspettata, ma molto apprezzata sorpresa: la trasmissione Geo&Geo infatti ha voluto realizzare un servizio sui nostri mitici cjalsons… presto si parlerà di Cleulis perfino su Rai Tre! Immediatamente dopo, sempre protagonisti i cjalsons, nella festa che si svolge a Sutrio la prima domenica di giugno, nella quale il nostro paese ormai è diventato uno dei protagonisti fissi. L’estate “cjanterina” inizia il mese di luglio con la Serata sot il tei e la presentazione del libro “Te lo giuro sul cielo” del cantautore carnico Gigi Maieron. Nonostante la serata non fosse tipicamente estiva, con una temperatura alquanto rigida, è stato emozionante sentire i ricordi, gli aneddoti che coinvolgevano Gigi, sua mamma, la mitica Cecilia, ma anche Cleulis e i suoi musicanti più noti: Genesio e Pakai, indimenticabili artisti che hanno portato il nome del nostro paese in giro per il mondo. Poi arriva agosto ed inizia per noi la “gran fatica”: tra l’organizzazione sagra e la partecipazione al Palio das cjarogiules di Paluzza, i primi quindici giorni di agosto sono molto caotici e ricchi per la nostra associazione. Nonostante il lavoro sia molto, gli apprezzamenti e la ben riuscita di questi due eventi è per noi sempre motivo di orgoglio e spinta a migliorarci anno dopo anno. Ringraziamo tutti coloro che, in una maniera o nell’altra, ci danno una mano nell’organizzazione di queste due importanti manifestazioni. Senza la collaborazione e l’aiuto di tutti non si riuscirebbe ad avere gli ottimi risultati che fortunatamente sempre abbiamo! La fine di settembre è stata caratterizzata da un evento che in passato aveva le caratteristiche di un concorso musicale vero e proprio, ma con il passare degli anni è diventato più un’occasione di incontro e divertimento; “Una domenia in alegria cun Pakai e amisc” infatti vuole essere una giornata di allegria e musica in ricordo di Pakai, Genesio e Cecilia; una sorta di riproposizione di quei pomeriggi in cui il Trio Pakai si esibiva in particolari concerti nelle vecchie osterie del paese. Fino al mese di dicembre e in particolare durante il periodo natalizio, l’associazione si riposa un pochino: i mesi autunnali infatti sono sempre poco attivi e ci consentono di riprenderci dalle tante fatiche estive, in vista del più impegnativo periodo festivo di fine anno. Si inizierà a metà dicembre, il weekend del 15-16, con l’organizzazione di una gita fuori porta, questa anno con meta a Lubjana e Zagabria: i tipici mercatini natalizi e la suggestione delle città ci darà un’anticipazione dell’atmosfera di Natale, nonché l’occasione di assaporare la cultura di queste due città così vicine a noi, ma non tra le più note. Il giorno della vigilia dei golosi biscotti saranno offerti sul sagrato della Chiesa al termine della S.Messa, mentre il 25 dicembre non potrà mancare l’arrivo di Babbo Natale, tanti doni saranno di sicuro distribuiti a tutti i bambini e non mancheranno le squisitissime frittelle, che da un paio d’anni, rendono più golosa l’attesa del mitico Babbo Natale e delle sue aiutanti. Chissà quali sorprese ci riserverà quest’anno l’arrivo del vecchio vestito di rosso!  Si chiuderà l’anno poi con la classica serata di beneficenza: sabato 29 dicembre, ci sarà il Concerto dell’Amicizia, evento ormai entrato di diritto nella tradizione paesana e appuntamento stabile di fine anno per i Giovins Cjanterins. Prima di darvi l’appuntamento al prossimo anno, vogliamo ringraziare tutti i nostri compaesani, i sostenitori fuori paese, i nostri tanti collaboratori, le persone che in qualsiasi maniera ci danno una mano e ci appoggiano nelle nostre attività, il parroco Don Tarcisio che ci concede sempre la chiesa in caso di bisogno, insomma tutti voi che ormai ci seguite da tanti anni! A tutti voi lettori di Gleisiuta Clevolana, i migliori auguri di Buone Feste dai Giovins Cjanterins di Cleulas! Ci risentiamo nel 2019 con tantissime novità!

Annunci

I commenti sono chiusi.